Breaking Bad, Walter White esiste davvero? La vera storia dello spacciatore di metanfetamine in Alabama

Walter White è l'essenza di Breaking Bad: senza di lui, la serie non esisterebbe. Ci siamo chiesti quanto ci sia di vero e se esista davvero. La risposta è affermativa, ma la trama non è ispirata allo spacciatore di metanfetamine che prende il suo nome.

AMC Bryan Cranston

Ideata da Vince Gilligan, Breaking Bad è entrata nella storia della televisione per merito della sua sceneggiatura brillante, dei personaggi e della bravura di regia e cast divenendo, a tutti gli effetti, un cult.

Prodotta per 5 stagioni dal 2008 al 2013, ha al suo attivo uno spin-off e un film: Better Call Saul – prodotta per 6 stagioni dal 2015 al 2022 - ed El Camino - Il film di Breaking Bad (El Camino: A Breaking Bad Movie).

La serie è ambientata in New Mexico, ad Albuquerque, dove il professore di chimica Walter White (Bryan Cranston) scopre di essere malato di cancro ai polmoni. Insoddisfatto della vita che conduce e preoccupato – per via dei problemi economici - per il futuro della sua famiglia quando non ci sarà più, diventa un bravissimo cuoco di metanfetamine, con l’aiuto del suo ex-studente e spacciatore Jesse Pinkman (Aaron Paul).

Grazie al nuovo lavoro, Walt può curarsi e si trasforma, poco alla volta, nel temibile Heisenberg: prima remissivo e onesto, diventa uno spietato criminale.

Tutta finzione quella di Breaking Bad? Sì, ma la sua storia ha trovato riscontro nella realtà con il vero Walter White, spacciatore di metanfetamine dell’Alabama.

La storia vera di Walter White

Il Walter White di Breaking Bad è nato il 7 settembre 1958 e ha studiato al California Institute of Technology dove, grazie alla ricerca sulla radiografia con i protoni, il suo team vince il Premio Nobel per la Chimica. In seguito, fonda la Gray Matter Technologies con Elliott Schwartz (Adam Godley), rendendo di fatto miliardari quest’ultimo e la sua ex-fidanzata Gretchen (Jessica Hecht) dopo aver lasciato l'azienda.

Nonostante, dunque, la sua bravura come chimico, lavora come insegnante al liceo, ma è costretto a svolgere un secondo lavoro in un autolavaggio. La moglie Skyler (Anna Gunn) è in attesa di una bambina e il figlio adolescente, Walter Jr. (RJ Mitte), è affetto da paresi cerebrale.

Deciso a sfruttare le sue conoscenze scientifiche per provvedere alla sua famiglia e pagarsi le cure, Walter White si trasforma in un uomo assetato di potere e senza scrupoli, intraprendendo la strada nel mondo della droga.

Sebbene la trama di Breaking Bad non sia tratta da una storia vera, un’assurda coincidenza si è verificata nel 2008 quando, in Alabama – negli USA – un certo Walter Eddy White venne accusato di traffico di metanfetamine e poi, nel 2012, arrestato nuovamente per aver violato la libertà vigilata.

Non si tratta di un insegnante, ma nome e occupazione portano comunque alla memoria il Walter White della serie con Bryan Cranston. A differenza del personaggio interpretato da quest’ultimo, però, il vero White non stava per morire a causa del cancro, ma ha divorziato dalla moglie allontanandosi dalla propria famiglia.

Il lavoro di cuoco di metanfetamine

Come accade in Breaking Bad con Saul Goodman (Bob Odenkirk), anche l’avvocato del vero Walter White gli avrebbe consigliato di fermare la produzione di metanfetamine perché, nel 2008, le autorità stavano indagando sul suo conto.

Come riportato anche da The Huffington Post, nel 2012 l’uomo avrebbe violato la libertà vigilata senza neppure recarsi in tribunale, divenendo un ricercato fino al suo nuovo arresto. Durante un’intervista di VICE, il vero Walter White ha raccontato:

Mi chiamo Walter White e sono un cuoco di metanfetamine. Per 10 anni ho avuto la migliore metanfetamina in Alabama e, se volevi la migliore metanfetamina, dovevi venire da questa parte, dovevi venire da me.

L’uomo ha parlato di come abbia rinunciato alla propria famiglia e al lavoro che aveva nell’edilizia per fare più soldi con la droga, dopo aver assunto un partner.

Alla fine, per l'appunto, ha comunque lasciato l’attività dopo che il suo avvocato – Saul, sei tu? - lo aveva avvisato di essere indagato.

L’arresto del vero Walter White

Come riportato da CBS News, nel 2013 il giudice Donald Molloy ha condannato Walter White a dodici anni di reclusione.

Durante il processo, White avrebbe dichiarato di essere diventato dipendente dalla droga e che aveva cercato di uscire dal giro, ma era stato minacciato.

Se devo andare in prigione, questa volta non farò del male a nessuno se non a me stesso. Sono solo io che rispondo delle cose che ho fatto. La mia famiglia ha un lavoro e una vita. Non farò loro del male questa volta.

Le indagini avrebbero portato a una serie di arresti di persone, che avrebbero affermato di stare cercando di ripagare i propri debiti a Walter White.

Sembra, comunque, che si tratti soltanto di coincidenze tra la vita vera e Breaking Bad, come dichiarato anche da Vince Gilligan.

  • No, Breaking Bad non è tratta da una storia vera, anche se esiste un vero Walter White arrestato per la produzione di metanfetamine.

  • Sebbene il Walter White di Breaking Bad non sia a lui ispirato, esiste un vero Walter White arrestato per la produzione di metanfetamine.

Leggi anche

      Cerca