Good Omens: cosa aspettarci dalla stagione 2

Michael Sheen e David Tennant torneranno a vestire i panni dell'angelo Azraphale e del demone Crowley nella seconda stagione di Good Omens. Ecco qualche anticipazione di ciò che ci attende nelle nuove puntate.

Amazon Prime Video Michael Sheen e David Tennant nel poster promozionale di Good Omens

Era il 2019 quando Buona Apocalisse a tutti!, di Terry Pratchett e Neil Gaiman, veniva trasposto per la prima volta sul piccolo schermo con la serie TV Good Omens.

Stanchi di dover giocare i ruoli che gli erano stati imposti da Paradiso e Inferno, l'angelo Azraphale e il demone Crowley erano riusciti a sventare la fine del mondo ribellandosi così alle schiere di angeli e demoni che avrebbero dovuto servire e rimanendo fedeli alla loro secolare amicizia e a quel desiderio di libeltà che li aveva animati fin dall'inizio dei tempi.

Good Omens, il rinnovo inaspettato

La prima stagione di Good Omens copriva la trama dell'intero romanzo da cui è stata tratta e si concludeva in maniera del tutto soddisfacente: sventata l'Apocalisse e raggirati gli angeli e i demoni che volevano imporre loro una punizione esemplare, Azraphale e Crowley erano finalmente pronti a godersi la vita eterna sulla Terra, sempre fianco a fianco.

Dal momento che il finale chiudeva la storia alla perfezione e che aveva esaurito tutto il materiale di Buona Apocalisse a tutti!, l'annuncio della seconda stagione a Giugno 2021 è arrivato del tutto inaspettato. Quando Amazon Prime Video ha pubblicato su Twitter la notizia, accompagnata dal poster che raffigura Azraphale e Crowley sotto la pioggia, i fan del romanzo e della serie TV hanno fatto i salti di gioia.

Good Omens 2: la trama della nuova stagione

Cosa ci attenderà nelle nuove puntate di Good Omens? Visto che, come abbiamo già ribadito, la prima stagione è stata una trasposizione completa del romanzo scritto a quattro mani da Terry Pratchett e Neil Gaiman, nella seconda assisteremo a qualcosa di inedito.

Come confermato da Neil Gaiman, Good Omens 2 adatterà sul piccolo schermo le idee rimaste fuori dal processo creativo che ha portato alla stesura del divertente romanzo.

Ancora una volta sarà il rapporto tra i personaggi di David Tennant e Michael Sheen al centro della storia: intenti a godersi l'agognata libertà a Soho, in Scozia, Azraphale e Crowley si troveranno ancora una volta ad avere a che fare col sovrannaturale quando un misterioso messaggero si presenterà loro con un enigma da risolvere.

Le teorie sulla seconda stagione di Good Omens

La sinossi ufficiale svela quindi che Azraphale e Crowley trascorreranno molto tempo sulla Terra. Le prime immagini della seconda stagione diffuse online mostrano i due protagonisti seduti l'uno accanto all'altro tra le vie di Soho, di fronte a una libreria e a un pub. Dal momento che sappiamo che l'angelo lavorava già sotto copertura in una libreria prima dell'avvento dell'Apocalisse, possiamo supporre che tornerà a farlo anche nelle nuove puntate. Ma perché Neil Gaiman ha sottolineato, in un tweet, la presenza del pub? Secondo i fan ciò significa che Crowley ne diventerà presto il proprietario.

E ancora il tempo trascorso sulla Terra è al centro di un'altra supposizione da parte degli spettatori più attenti: quando Michael Sheen ha postato su Twitter una foto dei suoi capelli decolorati, l'ha accompagnata con la seguente didascalia: "scala di grigi".

Immediatamente il fandom della serie ha tirato fuori una congettura piuttosto interessante: i capelli grigi messi in mostra nella foto di Sheen sarebbero un'anticipazione di quanto vedremo in Good Omens 2: trascorrendo sempre più tempo sulla Terra, Azraphale e Crowley diventeranno più umani, e inizieranno a invecchiare esattamente come gli esseri umani. Il primo segno? L'ingrigirsi dei capelli.

Leggi anche

      Cerca