Eternals: il lato oscuro di Druig, il controllo della mente e le similitudini con Wanda

Più di altri suoi compagni, Druig è caratterizzato da luci e zone d'ombra. Se fossero queste ultime a prendere il sopravvento, Druig potrebbe trasformarsi in uno degli antagonisti della storia, o forse è già successo?

Marvel Studios/Disney Barry Keoghan nei panni di Druig

Druig, il personaggio interpretato da Barry Keoghan in Eternals, ha catturato immediatamente l'attenzione del pubblico. Malgrado la storia narrata nel film diretto da Chloé Zhao ruoti principalmente attorno ai personaggi di Sersi (Gemma Chan) e Ikaris (Richard Madden), Druig resta uno dei protagonisti più discussi del film.

Nel corso della pellicola impariamo a conoscere le abilità di Druig e scopriamo che possono essere pericolose come poche. Il personaggio è in grado di leggere e manipolare i pensieri degli umani, fa di loro i suoi soldati in battaglia, tende a intervenire nei loro conflitti nonostante – secondo quanto prescritto da Arishem – il suo ruolo sia quello di mero osservatore e infine – dilaniato dai dubbi sull'operato degli Eterni sulla Terra e animato da nobili ideali – li trasforma nei suoi personali seguaci.

Quando Sersi, Ikaris, Thena, Gilgamesh, Kingo e Sprite gli fanno visita dopo anni di lontananza, Druig sembra essere il leader di una sorta di culto. Ben consapevole di ciò che stava facendo, Druig ha deciso di usare le proprie capacità e abusare del suo potere per guidare e a detta sua proteggere un vasto gruppo di persone. Non sappiamo bene come funzioni il villaggio di Druig. Non sappiamo se le persone attorno a lui siano discendenti di quel primo gruppo di persone – Aztechi e Conquistadores – che inizialmente ha manovrato. Non possiamo essere certi che siano liberi di andarsene e prendere la propria strada e non ci è dato sapere se siano consapevoli del fatto che Druig sia il burattinaio che muove i fili delle loro vite.

Quello che sappiamo, però, è che i valori di Druig, pur basati su un'ideale utopico, si sono presto trasformati in privazione del libero arbitrio. Se analizziamo le cose da questo punto di vista, Druig può essere certamente considerato uno dei personaggi grigi della storia, come e più di altri.

Non ci sorprende allora scoprire che, in un'intervista con The Direct, gli sceneggiatori di Eternals Ryan e Kaz Firpo abbiamo riconosciuto in Druig la presenza di un lato oscuro molto pronunciato. Ciò non fa di lui un villain, ma allo stesso tempo non possiamo definire l'Eterno un eroe.

Secondo gli sceneggiatori, “grazie ai suoi poteri, Druig è in grado di comprendere gli umani molto più intimamente rispetto agli altri Eterni”.

È questa empatia, questo più profondi livello di comprensione che fa di Druig la figura tragica più tragica dell'intera vicenda.

Druig apprezza il potenziale umano, ma è anche consapevole dei rischi intrinsechi alla stessa natura umana.

Testimone diretto degli errori commessi dagli uomini nel corso di migliaia di anni, Druig crede che controllarli sia il solo modo per salvarli. Non è un atto che compie in preda al complesso di dio, ma qualcosa che fa per amore. Eppure il risultato colloca il personaggio di Barry Keoghan in un'area moralmente ambigua.

Druig, Wanda e il controllo della mente

A ben pensarci, Druig non è il primo tra i personaggi del Marvel Cinematic Universe a trovarsi in questa situazione.

In WandaVision abbiamo visto la protagonista, Wanda Maximoff, compiere azioni simili, finendo per tenere in ostaggio un'intera cittadina.

Sarebbe però sciocco non sottolineare le evidenti differenze tra le due vicende.

Quando Wanda crea il suo privato angolo di paradiso, il suo perfetto mondo da sit-com, non è esattamente nel pieno delle sue facoltà mentali. È in lutto e tutto ciò che desidera è ottenere il suo lieto fine con la persona che ama.

Pur se diventa man mano consapevole di ciò che ha fatto e di quanto le sue azioni siano pericolose e causino sofferenze agli abitanti di Westview, Wanda non può essere definita una villain. Il controllo mentale che esercita sui suoi concittadini è involontariamente doloroso.

Con Druig ci troviamo di fronte a un contesto completamente diverso. Intenzionalmente, l'Eterno priva un intero gruppo di persone della propria libertà, ma il suo potere non sembra infliggere loro alcun dolore fisico.

Ci troviamo di fronte a un villain, dunque? Nonostante tutto, la risposta è negativa. Né Druig né Wanda sono gli antagonisti delle loro storie, ma non sono neppure degli eroi. Potremmo collocarli in una sorta di limbo in attesa di scoprire se il loro lato oscuro prenderà il sopravvento e guiderà le loro azioni d'ora in avanti.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca