Miracoli dal cielo, l'incredibile storia vera dietro il film con Jennifer Garner

Che ci si creda o no, la vicenda di Annabel Beam, ricostruita dalla madre Christy in un libro, è l'esperienza di pre-morte vissuta davvero da una bambina di 10 anni, affetta da un male incurabile e diventata sana dopo una caduta letale da un albero.

Sony Pictures Entertainment Jennifer Garner e Martin Henderson in una scena del film Miracoli dal cielo

Negli ultimi 150 anni a Lourdes si contano 67 guarigioni miracolose in totale. Come si fa a spiegare un evento altrimenti inspiegabile? È davvero netta la separazione in materia tra i laici e i credenti?

Quando si parla di miracoli, è facile liquidare il tutto come una questione che occupa il campo della pseudoscienza e delle bufale. Ma quando il fenomeno viene raccontato da chi l'ha vissuto in prima persona, non manca di far sorgere dubbi nei più scettici non credenti.

È il caso di Miracoli dal cielo, il film di Patricia Riggen, la regista messicana specializzata nell'adattamento di storie vere: è suo The 33, la ricostruzione della drammatica esperienza dei minatori cileni sepolti vivi per 69 giorni a causa del crollo della miniera d'oro e rame in cui lavoravano.

Intrecciando "dramatization" e fiction, Miracoli dal cielo restituisce un ritratto umano e profondo di una vicenda che lascia sbigottiti e sfugge alla comprensione, vissuta tuttavia come una certezza da una famiglia cresciuta nella fede.

La trama e il cast di attori

Christy (Jennifer Garner) e Kevin Beam (Martin Henderson) sono una coppia come tante altre. Vivono a Burleson, vicino Dallas in Texas, e hanno tre splendide figlie: Abbie (Brighton Sharbino), Annabel (Kylie Rogers) e Adelynn (Courtney Fansler). La placida tranquillità dei Beam viene sconvolta quando Annabel, la secondogenita, comincia a vomitare e ad accusare dolori di stomaco. 

Il primo consulto medico non sembra segnalare qualcosa di particolare, se non la possibilità di un'intolleranza al lattosio. Qualche tempo dopo, un pediatra visita Anna e nota un'ostruzione addominale: occorre un'operazione immediata, altrimenti la bambina rischia la vita. È l'inizio di un calvario: Anna non può più nutrirsi normalmente e continua a stare male. 

Sony Pictures EntertainmentEugenio Derbez, Kylie Rogers e Jennifer Garner in una scena del film Miracoli dal cielo
Anna e Christy in visita dal dottor Nurko

Alla famiglia Beam viene suggerito un consulto con il dottor Samuel Nurko (Eugenio Derbez), un pediatra gastroenterologo di fama nazionale e ricercatore presso l'Ospedale Pediatrico di Boston. Pur senza appuntamento viste le lunghissime liste d'attesa, Christy e Kevin portano Anna da Nurko, il quale diagnostica alla bambina una rara malattia digestiva.

I Beam sono costretti ad entrare e uscire dall'ospedale e Annabel deve assumere dieci farmaci al giorno. In questo periodo difficile, Christy stringe amicizia con Angela (Queen Latifah) e la figlia con Haley (Hannah Alligood), una coetanea malata di cancro. Dopo quattro anni di lotta, un'altra fatalità fa piombare la famiglia nello sconforto.

Sony Pictures EntertainmentKylie Rogers e Brighton Sharbino in una scena del film Miracoli dal cielo
Abbie e Annabel nel momento che cambia le loro vite

Anna è con la sorella maggiore Abbie quando ha uno strano incidente in giardino: cade dall'enorme pioppo sul quale salgono a giocare e precipita a testa in giù per nove metri all'interno del tronco fino a terra. La piccola si ritrova imprigionata e priva di sensi per cinque ore e mezza. Sembra la tragedia definitiva per la famiglia Beam, ma nel buio di quell'albero succede qualcosa.

Nonostante l'impatto, Anna esce illesa, senza ossa rotte o paralisi. E soprattutto, quando è portata in ospedale per le analisi di rito, tutti i test per la cura della sua malattia danno esito negativo. Ormai Anna è del tutto guarita. Un vero miracolo che lascia sbigottiti i medici, non i genitori e le sorelle della ragazzina, membri devoti della Alsbury Baptist Church.

Sony Pictures EntertainmentJennifer Garner e Martin Henderson in una scena del film Miracoli dal cielo
Christy e Kevin non hanno mai smesso di credere

La malattia di Annabel

Ma qual è di preciso la malattia rara e incurabile di Annabel? È un raro disturbo digestivo di ipomotilità antrale, una condizione cronica dell'intestino che consiste nella paralisi parziale dello stomaco. La gastroparesi, nota anche come svuotamento gastrico ritardato, è comunemente causata dal diabete, ma può svilupparsi pure per le complicazioni di interventi chirurgici, per l'assunzione di farmaci capaci di indebolire la peristalsi e per patologie tiroidee, autoimmuni, endocrine e reumatologiche.

La gastroparesi non è un disturbo alimentare psicosomatico, ma una patologia di natura organica funzionale. L'anoressia non c'entra niente. Dai disturbi della motilità gastrica non si guarisce. Le terapie farmacologiche per curare la "paralisi" dello stomaco si sono rivelate spesso inefficaci. Passi avanti sono stati fatti con la cannabis terapeutica e grazie alla stimolazione elettrica gastrica, che provoca lo svuotamento dello stomaco tramite l'impianto di un generatore di impulsi nella parete addominale e due elettrodi in quella muscolare.

La storia vera e il libro

Cos'è successo davvero ad Annabel Beam nel tronco di quell'albero? La ragazza, oggi ormai 18enne, ha sperimentato una NDE (acronimo di Near Death Experience), ovvero un'esperienza di pre-morte. Da quel pioppo, Anna è uscita senza ferite e senza il suo cronico disturbo. La bambina (all'epoca aveva 9 anni) dice di aver visitato il Paradiso in quei momenti. 

Ha visto Gesù e gli ha chiesto di rimanere con lui perché finalmente non provava più dolore allo stomaco, ma Cristo le ha risposto: "No, Annabel, ho dei piani per te sulla terra che non puoi realizzare in cielo". Nell'oscurità profonda di quel tronco, aspettando che i soccorritori mandassero giù un'imbracatura per tirarla su, Annabel non era sola: c'era un angelo custode a tenerle compagnia, rivela al magazine People.

Nell'albero, l'angelo mi ha fatto l'occhiolino, come se mi stesse dicendo: 'Non preoccuparti, ora starai bene'.

La caduta di Annabel all'interno dell'albero avrebbe dovuto ucciderla, invece l'ha guarita. Com'è potuto accadere? È stato davvero un miracolo? Molti studiosi sostengono che l'ostruzione intestinale cronica e i disturbi della motilità esofagea siano associati al sistema nervoso, collegando quindi la caduta di testa allo svanire della malattia.

Nei giorni successivi alla sua inaspettata guarigione, Anna racconta alla famiglia quello che ha vissuto. Confessa loro di aver visto luci, bagliori, un'erba che emana splendore quando ci si cammina sopra e persino la nonna MeeMee, morta anni prima. A quel punto la mamma comincia a capire perché i vigili del fuoco che l'hanno salvata "continuavano a dire quanto Annabel fosse stranamente calma e tranquilla".

I genitori sono turbati. I medici non sanno fornire una spiegazione scientifica: si limitano soltanto a constatare che Anna è asintomatica e non deve più assumere farmaci. Per elaborare l'accaduto, la madre Christy Wilson Beam si mette al computer e scrive il libro Miracoli dal cielo, edito in Italia da Piemme. Quel processo diventa un'esperienza catartica e poi il film con Jennifer Garner.

Miracoli dal cielo Il libro di Christy Wilson Beam
Miracoli dal cielo

Il libro di Christy Wilson Beam

€9,99

A distanza di anni, Christy e Kevin hanno una certezza: la bambina che è caduta nell'albero non è la ragazza che è uscita da quel tronco. Ha vissuto qualcosa di unico e speciale. I Beam non hanno mai perso la fede, ma Christy non vuole costringere nessuno a credere al "miracolo". "Credete a quello che volete – spiega a People –, noi abbiamo raccontato la nostra storia per aiutarvi, non per farvi del male".

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca