Il potere del cane, cosa succede veramente nell'ambiguo finale del film e come interpretarlo

Il finale di Il potere del cane di Jane Campion è volutamente ambiguo e può essere interpretato in molti modi. Ecco cosa succede davvero e cosa viene suggerito nelle chiusura del film Netflix.

Netflix Peter crea un fiore di carta

Il potere del cane è un western atipico diretto da Jane Campion, adattamento di un romanzo di Thomas Savage del 1967: se vi aspettate sparatorie, sceriffi e una storia nettissima nella sua interpretazione rimarrete delusi da uno dei film più potenti e ambigui del 2021, che vi consiglio caldamente di recuperare. 

Sarebbe saggio però approcciarsi alla pellicola con le giuste aspettative. Il potere del cane funziona come un thriller lento ma spietato sull'evoluzione del rapporto tra i due fratelli Burbank, Phil (Benedict Cumberbatch) e George (Jesse Plemons). Sullo sfondo di questo rapporto c'è un intero mondo in corso di trasformazione: quello della frontiera americana che, dopo la conquista dell'uomo bianco e la progressiva spartizione delle terre selvagge e incolte, si avvia a diventare uno spazio regolato dal commercio e dal denaro. Con grande sgomento delle generazioni di cercatori di fortuna, cowboy e avventurieri, la società si sta allontanando progressivamente dallo stile di vita selvaggio e a contatto con la natura dei suoi fondatori, per uno sviluppo più borghese e tecnologico. 

Così come alluso dal titolo, Il potere del cane racconta la storia di uomini che in nome del profitto e di un codice comportamentale machista e brutale, sopprimono i propri impulsi più umani, continuando però a venirne tormentati. Come chiarificato dal finale del film, anche caratteri molto diversi possono condividere una sensibilità simile, come accade a Peter e Phil. 

Per sapere come finisce Il potere del cane, continua la lettura, ma attenzione agli spoiler! Se non hai ancora visto il film e non vuoi anticipazioni, meglio leggere la recensione dedicata

Peter uccide Phil

Partiamo da uno dei pochi dati certi di Il potere del cane: Peter uccide intenzionalmente e con premeditazione Phil Burbank, facendo leva sui confusi sentimenti del protagonista nei suoi confronti. Il film si apre con la sua voce fuori campo che si chiede, retoricamente, che uomo sarebbe se non volesse proteggere e salvare la madre. 

Peter è consapevole che il comportamento sadico e vessatorio di Phil sta distruggendo la psiche di sua madre, che è diventata un'alcolizzata per sfuggire alla guerra psicologica scatenatale contro dal fratello del marito. A sua volta Phil odia Rose perché è il simbolo della volontà di George di emanciparsi dal loro rapporto fraterno, della sua esigenza di stare con altre persone. Phil si sente profondamente solo perché Bronco Henry non c'è più e non ha più nessuno con cui rivivere quell'epoca per lui così formativa. George invece ricorda con stizza e forse orrore la vita dura e ricca di privazioni che Henry faceva fare ai due fratelli. 

Mentre Phil riesce a farsi bastare la sua routine annuale di spostamento delle mandrie e il suo rapporto con George per essere relativamente felice, George si sente profondamente solo. Quando sposa Rose, ha la scusa perfetta per distanziarsi dal fratello e mettere in crisi il suo comando sulla fattoria e sul tran tran familiare, che in altro modo non riuscirebbe a sfidare.

NetflixRose a tavola
Rose è la causa che porta Peter a pianificare l'omicidio di Phil

In questa dinamica complessa s'inserisce Peter, che ha già assistito alle sofferenze della madre, vessata dal padre alcolista. Durante le vacanze estive capisce che, se non toglierà di mezzo Phil, la madre non resisterà a lungo e avrà un crollo fisico o psicologico. Così idea un piano per commettere un omicidio e farlo sembrare un incidente, cogliendo al volo l'occasione fornita da Rose stessa. La donna, ignara dei piani del figlio, ha infatti ceduto tutte le pelli lavorate agli indiani di passaggio, mandando su tutte le furie Phil. 

Ostile verso i nativi americani, Phil è rimasto senza pelli per finire la corda che aveva promesso di regalare al ragazzo. Nonostante lo detesti, Peter ha deciso di avvicinarsi a Phil per conquistare la sua fiducia e trovare l'occasione giusta per toglierlo di mezzo. Avendo già raccolto e lavorato la pelle di una carcassa infettata dall'antrace, Peter si decide a consegnare il materiale velenosissimo a Phil. Il suo piano quindi era pronto da tempo, ma il ragazzo era ancora indeciso se attuarlo o meno. 

Cosa c'è tra Phil e Peter in Il potere del cane?

Nel frattempo però ha già conquistato la fiducia di Phil. Vedendo con attenzione il film, è chiarissimo come Phil noti da subito il ragazzo, in cui rivede molto di sé stesso. A differenza sua però, Peter non vuole nascondere il suo lato educato e sensibile, così come Bronco Henry ha insegnato a fare al protagonista. Phil è una persona sadica ma anche un'anima tormentata dal ricordo del suo mentore, per cui palesemente provava e prova dei sentimenti d'amore. Peter ha trovato delle riviste fotografiche omoerotiche con sopra il nome di Bronco Henry. Probabile l'uomo di tendenze omosessuali ha preso con sé Phil e l'ha fatto suo, presumibilmente in quella notte in cui i due hanno dormito nudi nel mezzo della tormenta di neve per salvarsi. 

Questa è la parte più ambigua del film: così come non è chiaro cosa sia successo tra Phil e Bronco Henry e quali fossero i sentimenti di quest'ultimo nei suoi confronti, così non sappiamo cosa succeda nella fatale notte tra Phil e Peter. Il mattino dopo il protagonista viene portato dal medico e muore, avvelenato dall'antrace. Non sappiamo però se si sia consumato qualcosa tra lui e il ragazzo, che ha intuito i gusti sessuali del nemico. Non sappiamo neppure se il ragazzo faccia velati accenni d'ammirazione verso Phil per alimentarne i suoi sentimenti o se anche lui tutto sommato sia attratto da un uomo tanto repellente, brutale ma con cui condivide una certa sensibilità. 

NetflixPhil e George a cavallo
George si sente profondamente solo al fianco di Phil e perciò sposa Rose

Il vero mistero del film è Peter. Alla luce di quanto avviene con Phil, viene anche il dubbio che lui non si sia limitato a ritrovare il corpo del padre suicida appeso alla corda (un simbolo potente delle relazioni tra Peter e gli amanti della madre). I suoi sentimenti più veri sono quelli per la madre, che cura e sorveglia con un attaccamento quasi morboso. A inizio film lo vediamo portare i fiori sulla tomba del padre, che però era un alcolizzato e probabilmente faceva soffrire Rose. Peter lo amava davvero o aveva già "salvato la madre" in passato? 

Nell'interpretazione del romanzo data da Jane Campion, è lo spettatore a decidere come interpretare la storia. Quel che sappiamo di preciso è che Peter ha ucciso Phil e ha deciso di tenere la corda avvelenata come cimelio della sua vittoria (o di quanto accaduto tra lui e Peter?), nascondendola sotto il suo letto. Nella scena di chiusura lo vediamo sorvegliare dall'alto la madre e George, osservandoli mentre si baciano. Non sappiamo però se sia felice del legame. 

  • Peter uccide Phil facendolo sembrare un'incidente. Gli consegna le strisce di pelle ricavate dalla carcassa di animale infettata dall'antrace, che è andato appositamente a cercare in vista della giusta occasione. 

    Phil muore tra tremendi spasmi e tutti pensano a un incidente. Al suo funerale, i genitori Burbank fanno capire a Rose che ora che Phil non c'è più, lei è la benvenuta. 

    Peter conserva la corda avvelenata come cimelio e legge un versetto della Bibbia che spiega il titolo del film. Osserva dalla sua finestra George e Rose che si baciano, ma non conosciamo i suoi sentimenti a riguardo. 

  • Sì, è un omicidio premeditato fatto passare per incidente. Peter uccide Phil per salvare la madre. 

  • Non è chiaro. Sicuramente il ragazzo ha un attaccamento morboso verso la madre (che chiama sempre per nome) e sfrutta i sentimenti di Phil per ingannarlo. Non viene rivelato né se Peter abbia finto di essere interessato a Phil né se tra i due sia successo qualcosa. 

  • Probabilmente sì. La sua ammirazione per il suo mentore Henry Bronco sfocia nell'adorazione e, dai suoi racconti, è facile intuire come provi un trasporto amoroso anche ad anni dalla sua morte. 

    Inoltre Phil trova alcune riviste pornografiche omoerotiche con sopra il nome di Bronco: è probabile che l'uomo cercasse rapporti con altre persone dello stesso sesso, quindi non è da escludere che sia successo qualcosa tra lui e Phil. 

  • Il film non mostra la notte fatale tra i due, in cui Phil rende più esplicito il sottotesto del suo rapporto con Bronco Henry. La pellicola è volutamente ambigua in merito e non sappiamo di preciso quale siano i pensieri di Peter in merito. 

    In questa analisi trovi tutti gli indizi e le allusioni disseminati nel film.

  • È uno dei tanti punti oscuri del film: di certo il ragazzo ha un attaccamento morboso verso la genitrice, che chiama per nome e spesso loda per la sua bellezza, tenendo d'occhio tutti gli uomini che la circondano. 

    il suo amore filiare basterebbe a spiegare perché decida di uccidere Phil e salvare la donna dall'alcolismo, ma nella scena finale, quando il ragazzo la osserva baciarsi con George, non ci viene mostrata la sua reazione. 

    Il film lascia ampi spazi d'interpretazione in merito. 

Leggi anche

      Cerca