Gomorra - La serie, chi vive e chi muore: il bilancio finale di morti e sopravvissuti

Sparatorie, alleanze, tradimenti e colpi di scena: la quinta stagione di Gomorra - La serie si è chiusa con il suo carico di morte e disperazione. Quello che segue è il bilancio del finale: ovviamente, include grossi spoiler.

Marco Ghidelli/Sky Marco D'Amore e Salvatore Esposito in una scena di Gomorra - La serie

L'apocalisse promessa è arrivata. Il cerchio di morte e distruzione di Gomorra - La serie si è chiuso, in un inevitabile bagno di sangue. L'epico scontro finale tra Genny Savastano (Salvatore Esposito) e l'Immortale Ciro Di Marzio (Marco D'Amore) ha spedito tutti all'inferno. Nessun martire, soltanto vittime: pedine di un annientamento senza misericordia.

Non è vero che c'è sempre stata la possibilità di una scelta. Nel mondo di Gomorra non ci sono alternative né regole. Tutto accade e si consuma alla luce del sole, o al buio delle luci al neon: la vendetta, il regolamento di conti, la brama di potere, la mattanza per ottenerlo. Era facile prevedere che nessuno sarebbe uscito vivo da Secondigliano e Scampia: il finale della quinta stagione non fa altro che confermarlo.

La prima parte della stagione finale si è mossa su registri diversi. Nei primi due episodi l'esasperato e tragico realismo del crime drama ha ceduto il passo alla "bromance" tra Genny e Ciro. Dal terzo episodio in poi è tornata l'azione, la crudeltà magniloquente: le strategie e le alleanze, la tattica, le stragi, i colpi di scena.

Nella resa dei conti shakespeariana della serie tutte le tessere del puzzle sono finite al loro posto. Ovviamente non è mai stata contemplata la possibilità in cui tutti potessero lasciare Napoli sulle proprie gambe, ancor meno senza cicatrici fisiche ed emotive. Già prima del finale, alcuni personaggi erano caduti, altri avevano il destino ormai scritto.

'O Maestrale e Donna Luciana

La sorte del boss di Ponticelli e di sua moglie, interpretati da Mimmo Borrelli e Tania Garribba, era segnata. Per proteggere Luciana, condannata a morte per aver cercato di convincere Azzurra a tradire Gennaro, Don Angelo ha disobbedito agli ordini. L'ha lasciata vivere nascondendola in un casolare di campagna.

L'unico a sapere la verità era 'O Munaciello: Genny gli aveva chiesto di pedinare 'O Maestrale. Per poter sopravvivere, al minaccioso criminale dal giubbetto blu non era rimasto altro da fare che offrire a Ciro l'informazione essenziale sul luogo di reclusione del piccolo Simone, il figlio del magistrato Walter Ruggieri sequestrato come merce di scambio per arrivare a Pietrino, e la testa del suo capo.

'O Maestrale muore nel nono episodio, ucciso da Ciro con un colpo di pistola alla tempia. Donna Luciana viene ammazzata poco dopo: freddata da Bellebbuono mentre sta tentando la fuga, sulle note di Te sento di Franco Ricciardi e Lucariello.

Marco Ghidelli/SkyTania Garribba e Mimmo Borrelli in una scena di Gomorra - La serie
Luciana e 'O Maestrale, uniti nella vita e nella morte

Federico 'O Munaciello

Il vero stratega di questa quinta e ultima stagione. Come lo spirito temuto e rispettato nella tradizione napoletana, evocato in contemporanea da Paolo Sorrentino nel suo È stata la mano di Dio, 'O Munaciello (a interpretarlo è Carmine Paternoster) richiama costantemente la presenza imminente della fine. Non gli riesce la mossa decisiva per vincere la sua partita a Risiko con i Savastano: scalare i vertici dell'organizzazione arrivando dal nulla.

Ha cambiato troppe volte alleati: è un "infame". 'O Munaciello muore nel decimo episodio, ucciso da Genny quando Ciro sta per recuperare Pietrino nella casa famiglia dov'è tenuto in affidamento. L'arroganza e la sete di potere gli sono costate care.

Marco Ghidelli/SkyCarmine Paternoster in una scena di Gomorra - La serie
Gli infami come 'O Munaciello non fanno tanta strada

Donna Nunzia, 'a vedova r'o Galantommo

Troppo forte il dolore e accecante la voglia di vendetta per conservare la lucidità. La vedova di Don Vincenzo Carignano, fatto uccidere da Genny per mano del Maestrale nel quarto episodio e profanato anche da morto, vuole la testa dei Savastano: Gennaro, Azzurra e Pietrino.

Ciro l'aveva avvisata, ma Nunzia (Nunzia Schiano) ha avuto fretta di consumare la sua rivincita. Ha inviato un commando di uomini fidati sulla spiaggia per giustiziare Genny, Azzurra e Pietro. Quando sta arrivando sul posto, l'auto su cui viaggia è fermata da un posto di blocco della polizia. Gli agenti sono in realtà dei sicari di Ciro.

Su un bellissimo arrangiamento acustico di Nuje vulimme 'na speranza di N'to e Lucariello, Donna Nunzia è uccisa in macchina da una raffica di mitra.

Marco Ghidelli/SkyNunzia Schiano in una scena di Gomorra - La serie
'A gatta, pe gghì 'e pressa, facette 'e figlie cecate: il "peccato" di Donna Nunzia

Sangueblu, Bellebbuono e 'O Pitbull

Enzo (Arturo Muselli) si era sacrificato per Ciro nel settimo episodio, rapito dagli uomini di Genny dopo che il boss aveva scoperto il tentativo di tradimento di Luciana ai suoi danni grazie ad Azzurra. Sangueblu è morto da martire: ucciso da Genny a colpi di calci, pugni e spranga di ferro.

Il percorso degli altri due fedelissimi soldati dell'Immortale, interpretati da Roberto Oliveri e Vincenzo Fabricino, finisce in modo non troppo diverso. Bellebbuono e 'O Pitbull muoiono nel decimo episodio, freddati dai colpi delle mitragliatrici durante la sparatoria finale sulla spiaggia.

Marco Ghidelli/SkyArturo Muselli in una scena di Gomorra - La serie
Nel vecchio clan di Forcella non si salva nessuno, a partire da Sangueblu

Azzurra e il piccolo Pietro

Azzurra (Ivana Lotito) si è ritrovata a fare i conti con una scelta dolorosa tra il marito Gennaro e il figlio Pietro. L'Immortale la costringe a passare dalla sua parte perché "se ti tradisce chi ti ama fa più male".

La signora Savastano avvelena Genny e lo consegna a Ciro. Ma Gennaro ha capito le sue motivazioni e l'ha già perdonata. La famiglia viene prima di tutto, anche se donne come lei, le ha ricordato Nunzia, non dovrebbero mettere al mondo dei figli.

Azzurra e Pietrino sono gli unici che si salvano: nel finale, con la complicità di Ciro, Genny spinge in mare il motoscafo con a bordo la moglie e il figlio. L'Immortale non è come un Savastano: ha deciso di risparmiare la vita a Genny e ai suoi cari con un atto d'amore.

Marco Ghidelli/SkyIvana Lotito in una scena di Gomorra - La serie
Azzurra può immaginare un destino diverso per lei e Pietrino

Genny Savastano

Gennaro si è illuso di poter rimettere insieme i cocci della sua famiglia, ma la lotta incessante con lo spettro incombente di suo padre Pietro non l'ha mai mollato. È stato richiamato e sedotto dal suo sangue e ne è uscito a pezzi. Tradito, colpito, e finito: ha passato il potere su Secondigliano nelle mani di Ciro e i suoi uomini.

L'unica cosa che conta è difendere Azzurra e Pietrino, garantire loro un futuro diverso, lontano da lui e ciò che rappresenta. "Avevi ragione: l'unico da cui vi dovete proteggere sono io", dice alla moglie quando lei e il figlio si allontanano definitivamente in mare.

Genny muore nel finale della serie, colpito dalle raffiche di mitra della pattuglia d'assalto di Donna Nunzia. L'ha fatto cercando di coprire la persona che ha sempre amato, l'Immortale.

Marco Ghidelli/SkySalvatore Esposito e Marco D'Amore in una scena di Gomorra - La serie
Se c'era una cosa chiara in Gomorra era che Genny e Ciro non ne sarebbero usciti vivi

Ciro Di Marzio, l'Immortale

Nella copertina del numero di Rolling Stone che ha anticipato il finale di Gomorra, Marco D'Amore e Salvatore Esposito si dicono addio scambiandosi un bacio appassionato. Nella serie, le parole della canzone L'addore forte d'o mare di Ivan Granatino l'avevano anticipato.

Nello spazio ristretto dell'abitacolo dell'auto in cui sono finiti rinchiusi, Ciro e Genny consumano la loro "bromance". Sin dalla prigionia nel gulag di Riga, l'Immortale aveva l'obiettivo di distruggere il regno dei Savastano e cancellare per sempre il loro nome.

Voleva consumare la sua vendetta con calma, a fuoco lento, uccidere "il figlio del re per mano del figlio di nessuno". Gomorra non poteva che concludersi così, dove tutto è cominciato, con Ciro che abbassa la canna della pistola e salva Azzurra e Pietrino perché lui non metterà mai niente e nessuno davanti all'amicizia con Genny, a quella loro unione così fraterna, carnale ed eterna.

SkyMarco D'Amore e Salvatore Esposito in una scena di Gomorra - La serie
La morte di Ciro e Genny, insieme: il finale definitivo di Gomorra

I due vanno incontro al loro destino in un finale definitivo. Con la morte di Genny, l'Immortale è rimasto davvero solo. Su quella spiaggia buia e desolata, disperato e in lacrime, Ciro muore colpito all'improvviso dal proiettile di un sicario di Donna Nunzia. La loro parabola è finita: dopo la vendetta, il sangue, la disperazione e una forte dichiarazione d'amore. Non c'è spazio per i sogni di libertà: "ci volevamo mangiare il mondo, ma questo mondo si è mangiato noi".

  • Gomorra - La serie finisce nel sangue. Muoiono tutti, uno dopo l'altro: Sangueblu, 'O Maestrale e Donna Luciana, Federico 'O Munaciello, Donna Nunzia, la vedova del Galantommo, Bellebbuono e 'O Pitbull. Nell'ultimissima scena, quella che chiude per sempre la serie, muoiono anche Genny Savastano e Ciro Di Marzio, uno accanto all'altro, uccisi dai colpi degli invisibili sicari di Donna Nunzia mandati per uccidere Azzurra e Pietrino. La moglie e il figlio di Gennaro sono gli unici a salvarsi: Genny e Ciro riescono a farli partire in motoscafo, con documenti falsi e una nuova identità, prima che sia troppo tardi.

  • In Gomorra 5 muoiono tutti: Sangueblu, Bellebbuono e 'O Pitbull, 'O Maestrale e Donna Luciana, Federico 'O Munaciello, Donna Nunzia (la vedova del Galantommo), Genny Savastano e Ciro Di Marzio. Si salvano soltanto Azzurra e Pietrino, fuggiti in tempo in motoscafo con i documenti falsi e una nuova identità.

Leggi anche

      Cerca