Perché lo Spider-Man di Tobey Maguire non ha bisogno di uno spara-ragnatele

Perché l'incarnazione di Spider-Man di Tobey Maguire non ha bisogno di uno spara-ragnatele? La domanda è dibattuta fin dall'esordio del film di Sam Raimi nei cinema.

Columbia Pictures/Marvel Enterprises Tobey Maguire veste i panni di Spider-Man nel 2002

Mentre la popolarità di Spider-Man: No Way Home e del suo interprete Tom Holland non cessa a diminuire, facciamo un passo indietro nel tempo e ricordiamo il supereroe portato sullo schermo da Tobey Maguire nel 2002.

Da allora fino a oggi, una domanda continua a ronzarci nella mente: perché lo Spider-Man di Maguire è l'unico a produrre ragnatele organiche? Perché il Peter Parker di Andrew Garfield e quello di Tom Holland hanno bisogno di uno spara-ragnatele, mentre l'eroe dei primi Duemila produce il fluido nel proprio corpo?

Lo spara-ragnatele dell'Uomo Ragno nei fumetti Marvel

Per discutere l'argomento, dobbiamo fare necessariamente riferimento ai Marvel Comics.

La versione più nota e popolare dell'Uomo Ragno su carta, quella appartenente all'universo Terra-616, viene notoriamente morsa da un ragno radioattivo. Dopo aver scoperto di avere dei superpoteri, Peter si rende conto di essere stato trasformato nella controparte umana dell'animale che lo ha morso. Ma un ragno non è un ragno se non tesse la sua tela, così Peter crea i suoi spara-ragnatele, dei gadget che Spider-Man porta sotto i guanti del suo costume e che emettono un fluido in tutto e per tutto simile a una ragnatela.

Nei fumetti, quindi, Peter Parker non fa uso di ragnatele organiche, bensì sintetiche.

Marvel ComicsSpider-Man fa uso di spara-ragnatele nei fumetti Marvel
Un dettaglio degli spara-ragnatele di Spider-Man nei fumetti Marvel

Tuttavia, gli spara-ragnatele meccanici spariscono nell'universo alternativo Spider-Man 2099, in cui l'Uomo Ragno è Miguel O'Hara. Il protagonista creato da Peter David e Rick Leonardi nel 1992 lancia le proprie ragnatele direttamente dai polsi, proprio come Tobey Maguire nella trilogia di Sam Raimi.

Un altro esempio noto in tal senso è il Peter Parler di Spider-Man Noir, la cui origine è però molto diversa dalla versione classica del tessiragnatele. Il ragno che lo morde, donandogli abilità fuori dal comune, non è radioattivo, ma mistico.

Nel 2004, in concomitanza con l'uscita di Spider-Man 2 al cinema, anche la continuity principale (Terra-616) mostra Peter far uso di ragnatele organiche.

In uno degli archi narrativi della serie Spectacular Spider-Man, Peter fa squadra con Steve Rogers e i due combattono Adriana "Ana" Soria aka Spider-Queen. Quando Ana bacia Peter, il DNA del ragazzo muta e il nostro eroe viene trasformato in un ragno a tutti gli effetti, che lei spera di riuscire a controllare. Tuttavia, Peter non cede al controllo mentale e riacquista forma umana. Qualcosa però in lui è cambiato: ora il suo corpo produce ragnatele organiche.

Marvel ComicsSpectacular Spider-Man: la mutazione di Peter in ragno
I geni di Peter mutano in Spectacular Spider-Man

I nuovi poteri di Peter non durano a lungo: dopo gli eventi di One More Day, le mutazioni subite spariscono e Spider-Man torna a utilizzare i suoi classici spara-ragnatele.

Lo Spider-Man di Tobey Maguire produce ragnatele organiche

Nell'immaginario collettivo, gli spara-ragnatele sono parte del costume di Spider-Man. Eppure, la trilogia di Sam Raimi con Tobey Maguire nei panni del protagonista ha mescolato le carte in tavola.

Certamente qualcuno ricorderà che originariamente la trilogia avrebbe dovuto essere diretta da James Cameron. L'origine del cambiamento in Spider-Man (2002) si deve al regista di Titanic.

Nel libro The Futurist: The Life and Films of James Cameron, leggiamo infatti che secondo il filmaker il cambiamento biologico di Peter avrebbe dovuto riflettersi anche nella capacità di produrre il suo fluido-ragnatela.

Per me era un problema che Peter Parker, un ragazzino geniale, andasse a casa e creasse questi spara-ragnatele che i laboratori DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency, n.d.r.) avrebbero impiegato 20 anni per realizzare. Mi sono detto: 'Aspetta un momento, è stato morso da un ragno radioattivo, questo evento dovrebbe causare una mutazione definitiva'.

L'idea di Cameron è uno degli elementi che Raimi ha mantenuto quando è subentrato a timone del progetto ed è divenuto metafora dei cambiamenti e della crescita del protagonista.

Columbia Pictures/Marvel EnterprisesLo Spider-Man di Tobey Maguire non è equipaggiato come gli altri
Peter scopre di poter produrre ragnatele in Spider-Man (2002)

La scelta è stata però controversa. Da una parte, i lettori dei fumetti non hanno apprezzato un tale cambiamento al canone del personaggio, affermando che la ragnatele organiche non permettano di far risplendere il genio di Peter. D'altro canto, c'è chi ha apprezzato la novità condividendo la visione di Cameron: Peter ha acquisito diverse abilità proprie dei ragni, perché non anche quella di produrre ragnatele?

Lo stesso Raimi ha preso la sua decisione riflettendo sui poteri che Peter acquisisce dopo il morso del ragno. Insieme alla forza, ai sensi sviluppati e alla capacità di arrampicarsi sulle pareti, il suo Peter ha così ottenuto anche la capacità di tessere le proprie ragnatele.

C'è una seconda ragione per cui il regista ha modificato la biologia del protagonista dei film: Raimi trovava difficile crede che uno studente delle superiori, per quanto geniale potesse essere, riuscisse ad accedere alla risorse necessarie per costruire uno spara-ragnatele tanto sofisticato.

Il ritorno degli spara-ragnatele nel reboot di Marc Webb

Columbia Pictures/Marvel Studios/Marvel EnterprisesLo spara-ragnatele in The Amazing Spider-Man con Andrew Garfield
Lo spara-ragnatele dello Spider-Man di Andrew Garfield

A dieci anni dal debutto del primo film con Tobey Maguire, il regista Marc Webb ha riportato l'Uomo Ragno sullo schermo con la duologia di The Amazing Spider-Man.

Il personaggio, stavolta interpretato da Andrew Garfield, è più simile alla sua controparte cartacea.

Intervistato dal Los Angeles Times, Webb ha spiegato di aver consultato Stan Lee in persona prima di prendere una decisione sul destino degli spara-ragnatele: “sono un simbolo attraverso cui si stabilisce il potere intellettuale di Peter”, ha spiegato il regista.

Marvel Studios/DisneyLo spara-ragnatele di Peter in Homecoming
Lo spara-ragnatele di Peter in Spider-Man: Homecoming

Da allora, gli spara-ragnatele non ci hanno più abbandonati. Lo Spider-Man di Tom Holland, proprio come il suo diretto predecessore, non possiede ragnatele organiche, ma sintetiche. È uno Spider-Man super accessoriato, soprattutto perché può contare, a differenza delle altre incarnazioni del personaggio, sulla tecnologia messa a disposizione da Tony Stark.

Leggi anche

      Cerca