15 film da vedere a San Valentino (per chi odia San Valentino)

Autore: Emanuele Zambon ,
Copertina di 15 film da vedere a San Valentino (per chi odia San Valentino)

San Valentino? Bleah! Arriva, puntuale, la festa degli innamorati e voi siete irrimediabilmente single? Non disperate, piuttosto pensate ai vantaggi che il vostro status comporta. Per gli uomini ciò si traduce in nessun conto salato al ristorante, comode tute indossate al posto di quei jeans strettissimi e di quel cardigan urticante, niente mazzo di fiori da comperare (le donne, invece, eviteranno di indossare quella lingerie sexy ma scomoda e di fingere il mal di testa a fine serata). In pratica, le vostre tasche vi saranno riconoscenti - i fiorai un po' meno - e bye bye ad una notte di passione.

Se poi, come il Leonardo Pieraccioni de Il paradiso all'improvviso o i John e Jeremy di 2 single a nozze, siete single convinti, per nulla attratti dalla prospettiva di una relazione seria e duratura, allora una festa al bacio come San Valentino non vi farà né caldo né freddo.

Advertisement

Quale modo migliore per vivere la serata simbolo delle coppiette innamorate - oltre a quell'imperdibile sedicesimo di Europa League tra Slavia Praga e Genk - se non (ri)guardare un film in cui l'amore è solo un'illusione, un'assurda bugia, oppure distrarsi (per non meditare sulla propria misera condizione) una di quelle pellicole completamente estranee a baci e rose rosse?

Non solo manifesti di una pochezza affettiva sul grande schermo: i 15 titoli che seguiranno sono perfetti esempi di un cinema avaro di smancerie e frasi sdolcinate. Potrebbe bastare l'intera (o quasi) filmografia dedicata all'agente 007, single incallito alla perenne ricerca del piacere usa e getta, agitato sì ma senza mescola sentimentale. E invece no, sarebbe troppo facile fermarsi al doppio zero dell'intelligence britannica. Se vi aspettate di trovarci #Se mi lasci ti cancello (un film geniale con un titolo italiano davvero deludente e approssimativo), siete sulla cattiva strada. C'è troppo amore tra Jim Carrey e Kate Winslet lì, nonostante le bizze delle loro memorie.

1) Il Vedovo

"La mia Elvira non c'è più!". Nessuno più falso del commendatore Nardi, arrivista e mediocre imprenditore impersonato ne Il vedovo da un inarrivabile Alberto Sordi. Sposato con la ricca affarista Elvira Almiraghi (fantastica Franca Valeri), data per dispersa in un disastro ferroviario, Nardi assaporerà lo status di vedovo (e unico erede della donna) fino alla ricomparsa della moglie, che tornerà così dal suo "cretinetti" sempre più infelice e indebitato. Riavutosi dalla beffa, il protagonista organizzerà nei minimi dettagli l'omicidio della consorte. Fallirà ancora, rimanendo egli stesso vittima del proprio diabolico piano.

Il vedovo Il vedovo Un industriale romano organizza il "delitto perfetto" per uccidere la ricca moglie milanese ed assicurarsene la cospicua eredità, al fine di riparare ai propri disastri finanziari. Apri scheda

2) Trappola di cristallo

John McClane, oltre a coltivare rapporti non proprio idilliaci con terroristi e invasati, non ha fortuna nemmeno in amore. Nel film esordio del poliziotto in canotta - Trappola di cristallo, diretto da John McTiernan - Bruce Willis presta il volto al protagonista giunto a Los Angeles per passare il Natale in famiglia e per scacciare via lo spettro della separazione con la moglie Holly. La crisi matrimoniale sarà invece l'ultimo dei problemi di McClane all'interno del grattacielo Nakatomi.

Trappola di cristallo Trappola di cristallo Durante la tradizionale festa di natale, un gruppo di terroristi prende in ostaggio i dipendenti di una multinazionale giapponese all'interno di un modernissimo grattacielo. John McClane, poliziotto, però sfugge ai ... Apri scheda

3) Lo sciacallo - Nightcrawler

Advertisement

Il Lou Bloom dell'allampanato Jake Gyllenhaal è uno dei personaggi più spregevoli e privi di empatia della storia del cinema. Un reporter che - a proposito di amore - pretende di inserire prestazioni sessuali e sentimenti all'interno di accordi professionali basati sul ricatto. Un vero e proprio sciacallo, attirato solo dal denaro e dalla smania di successo. Forse non è neppure un essere umano, quindi è il partner ideale per sopravvivere a San Valentino (sempre che non fiuti un possibile guadagno dalla vostra dipartita, magari filmandola in diretta).

Lo sciacallo Lo sciacallo Louis è un ladro di materiali edili quando lo incontriamo, non è chiaro cosa abbia fatto prima ma ora ruba rame, ferro e simili per rivenderli sottoprezzo ai cantieri con ... Apri scheda

4) Vizio di forma

Sesso, droga, paranoia, omicidi, sparizioni e le note country di Neil Young: Vizio di forma è un noir bizzarro, avvolgente, per nulla imprigionato nei cliché del genere. Perché merita un posto di diritto nella guida dei film per chi odia San Valentino? Per la sfuggente e disinibita Shasta (Katherine Waterstone), ex del detective Larry "Doc" Sportello (uno stralunato Joaquin Phoenix) cui si rivolge per ritrovare una persona scomparsa, consapevole (e per tale motivo è una monumentale stronza) dei guai in cui si ficcherà il private eye nato dalla penna di Thomas Pynchon. Dirige Paul Thomas Anderson.

Vizio di forma Vizio di forma Larry Doc Sportello (Joaquin Phoenix) è un detective privato della Los Angeles del 1969. Dipendente dalle droghe e dai metodi insoliti, Sportello viene contattato da un'ex amante per risolvere un ... Apri scheda

5) Il gaucho

Vittorio Gassman ripesca il suo Bruno Cortona (l'irresponsabile quarantenne de Il sorpasso) e lo spedisce a Buenos Aires ne Il Gaucho, commedia diretta da Dino Risi, dotata di una rara cattiveria che non risparmia la gente dello spettacolo e gli emigrati italiani nel sud America. Si ride, e tanto, anche amaramente (basti pensare al personaggio di Nino Manfredi). E poi c'è Gassman, cinico e laido in modo davvero superbo.

Il gaucho Il gaucho Marco Ravicchio guida una delegazione miserella di cineasti italiani ad un festival di Buenos Aires. Fra piccinerie e provincialismi, c'è l'opportunità di sfruttare la nostalgia per l'Italia di un emigrato ... Apri scheda

Advertisement

6) Thelma & Louise

Inno femminista in cui il rapporto di coppia ci fa davvero una figuraccia (e, ad eccezione dell'ispettore Harvey Keitel, anche i personaggi maschili). Thelma & Louise è un classico del cinema anni '90 diretto da Ridley Scott e magistralmente interpretato da Susan Sarandon e Geena Davis. Al loro posto avremmo potuto vedere Michelle Pfeiffer e Jodie Foster.

Thelma & Louise Thelma & Louise Due amiche, durante un viaggio in auto per una breve vacanza all'insegna della libertà e lontano dai loro uomini, si trovano a commetere una serie di azioni criminose che le ... Apri scheda

7) Closer

L'amore bugiardo raccontato attraverso gli intrecci sentimental-fedifraghi di due coppie. In Closer chi ama a prima vista tradisce ad ogni sguardo, a cominciare da Jude Law per finire a Natalie Portman. Menzogne, scappatelle e identità nascoste che vi faranno venir voglia di restare single a vita.

Advertisement

Closer Closer Ambientato nella Londra dei giorni nostri, le vicende di quattro personaggi e dei loro incontri fortuiti, attrazioni istantanee e tradimenti distratti. Analisi sottile e dissacrante delle moderne relazioni di coppia. Apri scheda

8) Perfetti sconosciuti

Se è vero che una telefonata allunga la vita, un messaggino sullo smartphone può rendertela piuttosto amara. Paolo Genovese, con Perfetti sconosciuti, raduna il cinema italiano attorno ad un tavolo e architetta un gioco al massacro che uccide l'amore di coppia. Ipocrisia, tradimenti e gnocchi: la ricetta perfetta su come fuggire da San Valentino. Attenti però alle bizze lunari.

Perfetti sconosciuti Perfetti sconosciuti A una cena tra amici, per gioco, si decide di leggere ogni messaggio e mettere in vivavoce ogni telefonata in arrivo sui cellulari dei presenti per tutta la durata della ... Apri scheda

9) Una notte da leoni

Quello che succede a Las Vegas rimane a Las Vegas. Lo sanno bene i protagonisti del demenziale Una notte da leoni diretto da Todd Phillips, coinvolti nell'addio al celibato più assurdo di sempre. Una due giorni fra Mike Tyson, spogliarelliste, tigri e bebè in cui lo spasso è un tantino esagerato. Dall'altro capo del telefono, intanto, fidanzate e future mogli non sospettano di nulla. Il film ideale per cancellare San Valentino e vivere nel mito di Alan.

Una notte da leoni Una notte da leoni Doug, Phil, Stu e Alan sono un gruppo di amici che, all'annuncio del matrimonio di Doug, decidono di organizzare una festa di addio al celibato a Las Vegas. Phil e ... Apri scheda

10) L'amore bugiardo - Gone Girl 

Come ti incastro il maritino traditore. Da un romanzo di Gillian Flynn, adattato da David Fincher, ecco la furbata machiavellica messa a punto dall'algida Amy (Rosamund Pike), che tutti danno per scomparsa, forse uccisa dal compagno un po' tonto Nick (Ben Affleck). Nessun delitto passionale - a parte un amico di lei (e da lei) sgozzato, ma vabbè - bensì una trappola criminale progettata nei minimi dettagli in cui far cadere il consorte, reo di aver avuto una scappatella. Provateci voi a dire no a Emily Ratajkowski.

L'amore bugiardo - Gone Girl L'amore bugiardo - Gone Girl Da poco trasferirtisi in una piccola cittadina del Missouri da New York, Nick Dunne (Ben Affleck) e la moglie Amy (Rosamunde Pike) stanno attraversando un periodo difficile, con un matrimonio ... Apri scheda

11) Proposta indecente

Tutti ne escono con le ossa rotte da Proposta indecente, il film del '93 diretto da Adrian Lyne: non ci fa una gran figura la Diana di Demi Moore e neppure il molle e cornificato David di Woody Harrelson, per non parlare poi dell'affascinante sì ma patetico miliardario di Robert Redford. Un film che vi farà sembrare San Valentino il festival dell'ipocrisia, complice un finale che sa di buffonata.

Proposta indecente Proposta indecente Una giovane coppia a causa dei problemi economici si reca a Las Vegas per tentare la sorte al gioco. Ma ancora una volta la fortuna non li assiste. Viene loro ... Apri scheda

12) Yuppies - I giovani di successo 

Filmauro
Il cast di Yuppies

Per un San Valentino da ridere, spensierato e molto, molto anni '80. Chi meglio dei giovani rampanti della Milano da bere? Christian De Sica è un dentista abituato a "castigare" le proprie assistenti, Massimo Boldi un notaio che si concede una scappatella (che gli costerà caro), Ezio Greggio un playboy incallito, Jerry Calà un pubblicitario alle prese col capo libidinoso. In questo instant movie diretto da Carlo Vanzina sarete al sicuro da mazzi di fiori e scatole di baci Perugina. Nel sequel il dentista Sandro svelerà addirittura di aver avuto "una mezza cosa" con una giovanissima Kim Basinger, passata per Milano anni prima di esplodere come star hollywoodiana.

Yuppies - I giovani di successo Yuppies - I giovani di successo Willy, Giacomo, Lorenzo e Sandro sono quattro giovani yuppies rampanti nella "Milano da bere" degli anni '80, che vivono nel mito dell'Avvocato Gianni Agnelli e di Silvio Berlusconi; il loro ... Apri scheda

13) Revolutionary Road

Uno di quei titoli che vi farà detestare San Valentino. Un ritratto impietoso dell'ipocrisia borghese anni '50 firmato da Sam Mendes. Tutto all'apparenza è perfetto per i coniugi Frank e April Wheeler (i "titanici", in tutti i sensi, Leonardo DiCaprio e Kate Winslet) ma è solo la facciata posticcia di una crisi di coppia irreversibile che sfocerà in tragedia.

Revolutionary Road Revolutionary Road Revolutionary Hill, 1955. Frank e April Wheeler sono una giovane coppia middle class che coltiva noia e anticonformismo in un sobborgo benestante (e benpensante) di New York. April partecipa con ... Apri scheda

14) Millennium - Uomini che odiano le donne

Lisbeth Salander è il volto ideale di questa carrellata di film anti-San Valentino: la problematica ma abile hacker sulla sua strada incontra solo uomini schifosi o sbagliati, che sia un tutore legale intenzionato a ricattarla sessualmente o un valido giornalista (il Mikael Blomkvist di Michael Nyqvist o, nella versione remake, di Daniel Craig) con cui si illude di poter instaurare una relazione. Come paladina dark-punk ci prendiamo Rooney Mara, con la sua costosa giacca di pelle comprata per regalo e finita nel secchio della spazzatura. Più infelici di così a San Valentino...

Millennium - Uomini che odiano le donne Millennium - Uomini che odiano le donne Mikael Blomkvist è un giornalista celebre per il suo impegno e per una condanna di diffamazione, collezionata dopo aver attentato alla reputazione di un infido uomo d'affari. La sua scrupolosità ... Apri scheda

15) Il buono, il brutto, il cattivo

Nel cinema di Sergio Leone (fatta eccezione per C'era una volta il West), i personaggi sono quasi tutti maschili e corrono solo dietro ai dollari. Ragion per cui un cult dello spaghetti western come Il buono, il brutto, il cattivo è il film ideale per un single convinto: duelli al sole, egoismi, risse e l'eroe, il biondo Clint Eastwood, che è icona dell'uomo solitario.

Il buono, il brutto, il cattivo Il buono, il brutto, il cattivo Durante la guerra di Secessione, tre spregiudicati avventurieri, cercano di impossessarsi di un carico d'oro che gli permetterebbe di chiudere con la vita da pistoleri. Ma la guerra li costringerà ... Apri scheda

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Die Hard è un film di Natale o no? Risponde il regista

Leggi cosa ha dichiarato il regista John McTiernan sul film Die Hard - Trappola di cristallo, a distanza di più di trent'anni dalla sua uscita.
Autore: Francesca Musolino ,
Die Hard è un film di Natale o no? Risponde il regista

Il regista e produttore John McTiernan noto soprattutto per la saga cinematografica di Die Hard, il 5 agosto 2022 è stato ospite a The Empire Film Podcast e ha parlato ancora una volta del suo film Trappola di cristallo, con protagonista Bruce Willis. Nonostante sia uscito nel lontano 1988, Trappola di cristallo fa ancora discutere, perché pur essendo nato come un genere d'azione, viene classificato da sempre come un film natalizio.

Una collocazione su cui il regista John McTiernan non si è mai trovato completamente d'accordo e in più occasioni nel corso degli anni, ha espresso le sue perplessità al riguardo. Parlando ai microfoni del sopracitato podcast, ha detto quanto segue:

Sto cercando altri articoli per te...