A breve il vincitore del contest NASA per l'habitat su Marte

Autore: Giovanni Rispo ,
Copertina di A breve il vincitore del contest NASA per l'habitat su Marte

Portare l’uomo su Marte significa affrontare una miriade di problemi che richiedono anni di progettazione e soluzioni innovative. Tra le prove più ardue va annoverata sicuramente quella della creazione degli ambienti in cui gli astronauti dovranno vivere e lavorare sul pianeta rosso.

Per trovare una rapidamente una soluzione e raggruppare idee interessanti, la NASA ha creato un contest aperto a designer di tutto il mondo dove sono state proposte creazioni innovative e spettacolari. Al team vincitore andranno 800mila dollari in palio.

Advertisement

NASA
Una struttura abitativa sulla superficie di Marte

Lanciato nel 2015, il contest ha visto il confronto fra team di tutto il mondo attraverso 3 fasi:

  • La prima fase ha riguardato principalmente il design
  • La seconda fase invece, materiali e tecnologie delle strutture e dei componenti
  • Una terza fase e ultima fase, conclusa il 4 maggio, prevedeva la presentazione della costruzione di un ambiente abitativo.

Il primo team selezionato per la fase finale è SEArch+/Apis. Il progetto, che potete vedere qui sotto, prevede una struttura abitativa integrata con l’ambiente circostante e che sfrutti l'illuminazione data dalla luce naturale. Inoltre la struttura progettata prevede un'isolazione speciale che permette agli astronauti di proteggersi dalle radiazioni.

Advertisement

La struttura abitativa è composta da vari alloggi tra cui una living area, laboratori polivalenti e giardini verticali con meccanismo di filtraggio dell’acqua potabile.

Il team Zopherus, invece, ha presentato un progetto definito dai creatori stessi come “ispirato dalla biologia”. La struttura, composta di materiale marziano, proteggerà gli abitanti dalle radiazioni e dalle condizioni climatiche presenti sul Pianeta Rosso. È prevista, inoltre, la possibilità di accrescere la struttura aggiungendo moduli.

L’ultimo team finalista è Mars Incubator che ha presentato una struttura che prevede quattro zone diverse connesse tra loro da quattro ponti. Le zone possono essere adibite a living area, zona per la crescita delle piante, laboratori polivalenti e un’area per la preparazione alle escursioni esterne.

Advertisement

Nei prossimi giorni la NASA ne annuncerà il vincitore. A chi andrà l'ambito, e ricchissimo, premio?

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

Leggi per scoprire che cosa ha fatto storcene il naso allo scrittore Stephen King nel terzo episodio della serie TV The Last of Us.
Autore: Francesca Musolino ,
Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

La serie TV The Last of Us tratta dall'omonimo videogioco di Naughty Dog continua ad aumentare l'apprezzamento del pubblico episodio dopo episodio. In particolare Long Long Time ovvero il terzo episodio della serie TV The Last of Us, ha commosso ed emozionato i fan per la storia d'amore tra Frank e Bill

Tuttavia c'è anche chi come Stephen King, ha bacchettato l'episodio in questione per una scena che sembra essere fin troppo surreale. Lo scrittore ha espresso le sue perplessità in un tweet come riportiamo di seguito:

Sto cercando altri articoli per te...