I significati simbolici dei costumi di Jasmine in Aladdin

Autore: Redazione NoSpoiler ,
Copertina di I significati simbolici dei costumi di Jasmine in Aladdin

L’iconico costume di Jasmine, in Aladdin, è indimenticabile: la principessa della fiaba Disney, il film d’animazione del 1992, indossava un top e un paio di maxi-pantaloni a palloncino, da odalisca. Era in total-light blue, abbinando il suo look a lunghi capelli neri legati in una coda morbida e gioielli da Mille e una Notte, ma nella nuova pellicola, il live-action diretto da Guy Ritchie, la bella Jasmine ha 9 look in totale.

Degli outfit del live-action si è occupato Michael Wilkinson, storico costumista che ha lavorato con i film del DCEU e di quelli di American Hustle, per cui ha ricevuto una candidatura all’Oscar. Intervistati da EW, l’attrice Naomi Scott e il costumista Wilkinson hanno spiegato che, nel disegno progettuale del nuovo film, la principessa Jasmine avrebbe indossato abiti che corrispondevano ai suoi stati d’animo, e che quindi ogni look avrebbe avuto un collegamento diegetico. Wilkinson ha spiegato di aver voluto rendere multidimensionale la principessa anche grazie ai suoi costumi.

Advertisement

È stato meraviglioso esplorare chi fosse realmente Jasmine e riuscire a esprimerlo attraverso i suoi numerosi costumi nel film. 

Advertisement

La figura di Jasmine è espressa tramite la dialettica libertà-prigionia, che rappresenta la natura della ragazza anche nel film originario. Quando è impegnata nelle scene che denotano la sua alienazione rispetto alle regole del palazzo reale, Jasmine indossa broccati, corsetti, lacci, abiti aderenti, mentre quando vola sul tappeto conquista i suoi iconici pantaloni turchesi.

La ricerca storica e iconografica è stata lunga e accurata: il costumista ha cercato i tessuti migliori in Medio Oriente, in Turchia, in Africa, per confezionare abiti che avrebbero lasciato a bocca aperta.

Aladdin esce nelle sale italiane il 22 maggio: non vediamo l’ora di scoprire i costumi della protagonista!

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Dove si colloca esattamente I Am Groot nella timeline dell'MCU

Scopri qual è il punto preciso in cui si colloca la serie I Am Groot, originale Marvel/Disney+. Leggi la dichiarazione del produttore Brad Winderbaum.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Dove si colloca esattamente I Am Groot nella timeline dell'MCU

Se vi state chiedendo quando è ambientato I Am Groot nella Timeline del Marvel Cinematic Universe (MCU), siete nel posto giusto. La serie animata I Am Groot arriva in esclusiva Disney+ il 10 agosto 2022, con un totale di cinque episodi che avranno per protagonista il simpatico Guardiano della Galassia dalla forma di albero. Fortunatamente il produttore della serie ha risposto alla domanda sulla collocazione temporale di I Am Groot nell'MCU, chiarendo così ogni dubbio.

A Comicbook, il produttore di Marvel Studios Animation Brad Winderbaum ha dichiarato che c'è una collocazione temporale molto precisa: i corti sono ambientati dopo il finale di Guardiani della Galassia Vol. 2, ma prima della scena dei titoli di coda del medesimo film, quindi in un breve arco di tempo.

Sto cercando altri articoli per te...