Alfredino, la drammatica storia di Vermicino in una miniserie di Sky con Anna Foglietta

Autore: Alice Grisa ,
Copertina di Alfredino, la drammatica storia di Vermicino in una miniserie di Sky con Anna Foglietta

È in arrivo una miniserie in due parti di Sky Original, ispirata a uno dei più tragici e strazianti fatti di cronaca: gli avvenimenti di Vermicino, vicino a Frascati, quando il piccolo Alfredo Rampi detto Alfredino, 6 anni, cadde in un pozzo artesiano profondo 36 metri. Era il 1981 e la storia scosse e turbò l’opinione pubblica. 

La vicenda fu seguita in tempo reale dai media, dai giornalisti e dalle troupe televisive che speravano di cogliere il momento in cui il piccolo sarebbe stato liberato.

Advertisement

Non andò così, purtroppo. Alfredino in quel pozzo morì, lasciando la nazione sgomenta e la rabbia contro tutti i fattori che avevano ostacolato il salvataggio, prima delle quali la massiccia presenza di curiosi e reporter proprio all’imboccatura del pozzo.

Quarant’anni dopo la tragedia di Vermicino è una ferita ancora aperta e Sky Cinema e Lotus Production, di Leone Film Group, raccontano le contraddizioni di quella terribile giornata di fine primavera a Vermicino.

Il film TV, presentato come una miniserie in due parti, sarà disponibile in onda Sky Cinema il 21 e 28 giugno e in streaming su Now.

Di cosa parla Alfredino – Una storia italiana?

Alfredino – Una storia italiana ripercorre le ombre di questa drammatica storia, una vicenda nazionale e mediatica che ha tenuto la gente con il fiato sospeso e gli occhi incollati alla televisione.

Dai tentativi dei vigili del fuoco, degli speleologi, degli escavatoristi alla preoccupazione dei medici che monitoravano la situazione cardiaca del bambino (che aveva una patologia congenita, in attesa di intervento chirurgico), il coraggio dei volontari che si sono calati nel cunicolo a testa in giù fino all’arrivo di Sandro Pertini sul posto, allora Presidente della Repubblica, e il tragico epilogo: la morte del bambino, il cui corpo fu recuperato oltre un anno dopo.

Sky

Anna Foglietta nel ruolo della madre di Alfredino Rampi
Anna Foglietta interpreta la madre di Alfredino Rampi

Ma soprattutto il ruolo dei media che hanno seguito passo passo la vicenda, anche ostacolando i soccorsi e sulle cui colpe le polemiche si interrogano ancora. E il ruolo della madre, Franca, che è stato fondamentale per istituire la fondazione a nome di suo figlio e rendere la Protezione Civile e il suo lavoro come oggi lo conosciamo.

Advertisement

Nel trailer si vedono l’angoscia dei genitori, l’ansia dei soccorsi, i vigili, le forze dell’ordine, gli speleologi, i tentativi disperati per salvare Alfredo, e si sente uno storico commento di Emilio Fede a riguardo: “Ammesso che ce ne fossero le condizioni, se quel giorno fosse avvenuto un colpo di Stato, la gente avrebbe risposto: ‘Va bene, però lasciami vedere che succede a Vermicino’”.

Advertisement

Purtroppo il finale della vicenda, televisiva come storica, già si conosce.

Ecco qualche immagine della miniserie:

Gallery: Alfredino - Una storia italiana

Il cast di Alfredino – Una storia italiana

In Alfredino – Una storia italiana vedremo Anna Foglietta nel ruolo della mamma del bambino, Franca Rampi, mentre Luca Angeletti è Ferdinando Rampi, il papà. Vinicio Marchioni interpreta un coraggioso vigile del fuoco, così come Beniamino Marcone. Francesco Acquaroli è il comandante dei Vigili del fuoco, mentre Valentina Romani la geologa Laura Bortolani; Riccardo De Filippis è l’ultimo volontario a calarsi nel cunicolo, Angelo Licheri, e Massimo Dapporto dà il volto a Sandro Pertini. Per maggiori informazioni c'è il nostro articolo dedicato ai personaggi della serie.

La regia è affidata a Marco Pontecorvo, mentre Francesco Balletta si è occupato della sceneggiatura.

Advertisement

Quando esce Alfredino - Una storia italiana?

Il film debutterà 21 e 28 giugno su SKY e NOW, diviso in due parti.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Thor: Love and Thunder è peggio di Iron Man 2 e non solo (secondo Rotten Tomatoes)

Guarda i voto di Rotten Tomatoes su Thor: Love and Thunder, non fanno ben sperare per gli incassi del film di Taika Waititi.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Thor: Love and Thunder è peggio di Iron Man 2 e non solo (secondo Rotten Tomatoes)

Questa volta pare di non essere davanti al solito "Miglior film Marvel di sempre" perché la critica selezionata per la scrittura di recensioni sul prestigioso sito di "raccolta voti" Rotten Tomatoes ha offerto a Thor: Love and Thunder una serie di recensioni positive ma non troppo. Dopo avervi illustrato in questo nostro articolo cosa dicono le prime recensioni del film di Taika Waititi e dopo aver pubblicato anche la nostra recensione in linea con il giudizio di quelle americane, vi segnaliamo che su Rotten Tomatoes - ad oggi 6 luglio 2022 - Thor: Love and Thunder ha una percentuale di gradimento del 71% basata su 144 recensioni di critici professionisti.

Questa percentuale di consensi non boccia il film Marvel Studios ovviamente ma non lo certifica "Fresh" secondo i parametri di Rotten Tomatoes. Si tratta quindi di una accoglienza che si può definire "freddina", considerando soprattutto la differenza di voti con il capitolo precedente aka Thor: Ragnarok, che ha il 93% di gradimento. Persino il primo Thor del 2011 ha un gradimento superiore con il 77%. Thor: The Dark World si attesta il peggior film del Dio del Tuono con il 66% di gradimento su Rotten Tomatoes.

Sto cercando altri articoli per te...