Allison Mack tentò di reclutare Emma Watson come schiava sessuale

Autore: Rina Zamarra ,

Continuano i guai per Allison Mack. L’attrice, nota per il ruolo di Chloe in Smallville, è stata arrestata con l’accusa di reclutare giovani donne come nuove adepte della setta NXIVM guidata da Keith Raniere.

Allison Mack si è dichiarata innocente di fronte alla corte, rigettando tutte le accuse. Il pubblico ministero l’ha dipinta come una crudele reclutatrice, pronta a piegare le sue vittime ai piaceri sessuali del santone della setta. Secondo il dossier della polizia, lei stessa aveva una relazione sessuale con Raniere insieme ad almeno altre 15 donne.

Advertisement

La testimonianza di Samia Shoaib

Allison Mack ha negato di essere al centro di uno schema piramidale e di aver tratto dei benefici finanziari dalla sua attività. Eppure, l’attrice Samia Shoaib (Il sesto senso) ha testimoniato mostrando le mail ricevute dalla Mack. La Shoaib ha raccontato di essere rimasta molto sorpresa dall’arresto e di non aver percepito nessuna tensione sessuale quando era in compagnia dell’attrice.

Le due si sono conosciute a un provino, a cui sono seguiti alcuni tentativi della Mack per farla entrare in un gruppo di donne definito JNess.

La Shoaib ha descritto Allison Mack come una donna fragile e sofferente fisicamente, specificando di averla vista sempre con delle borse nere sotto gli occhi come se dormisse troppo poco. La descrizione troppo vaga del gruppo ha però indotto l’attrice a non approfondire la questione.

Dopo la notizia del suo arresto, la 47enne è giunta alla conclusione che la Mack potrebbe aver perso interesse nel reclutarla dopo aver scoperto la sua età.

Le possibili reclute: Emma Watson e Kelly Clarkson

Samia non è l’unica attrice nota che Allison Mack ha tentato di irretire. Diversi post su Twitter mostrano un certo interesse per Emma Watson. Il primo messaggio inviato all'attrice di Harry Potter risale al gennaio 2016, dove la Mack parla di un fantastico movimento di donne di cui vorrebbe parlare con lei.

Advertisement

Nonostante l’assenza di risposte, l'attrice di Smallville ha continuato a postare messaggi sul profilo della Watson. Ne risultano almeno altri tre che fanno sempre riferimento al gruppo e al desiderio di parlare con la nota attrice.

Advertisement

Emma Watson non è stata la sola destinataria di questi tentativi di approccio social.

I messaggi su Twitter sono rivolti anche alla cantante Kelly Clarkson, invitata sempre a una chiacchierata apparentemente innocente.

Allison Mack potrà continuare a negare dichiarandosi innocente?

Rimanete su NoSpoiler per tutti i prossimi aggiornamenti su questa vicenda.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Perché Marvel si è presa il disturbo di cambiare il titolo che appare nella sigla di Jessica Jones, appena caricato su Disney+?
Autore: Elisa Giudici ,
Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Problemi contrattuali o una mossa a lungo, lunghissimo raggio che non abbiamo ancora modo di comprendere? Non è dato sapere, però un fatto è certo: Disney ha alterato il titolo di Jessica Jones, la serie Marvel con protagonista Krysten Ritter. 

Ve l'avevamo anticipato: Disney+ ha aggiunto al suo catalogo tutte e sei le serie TV originariamente prodotte da Marvel Television, una costola dell'universo produttivo Marvel ora assorbita dai Marvel Studios. Daredevil, Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist, The Defenders e The Punisher sono in sestetto di serie originariamente prodotte da Marvel e lanciate da Netflix sulla sua piattaforma. Correva l'anno 2015 e la Casa del Topo ancora non aveva una sua piattaforma di streaming. 

Sto cercando altri articoli per te...