American Crime Story: Impeachment, tutto quello che sappiamo sulla stagione dedicata allo scandalo Clinton

Autore: Elena Arrisico ,
Copertina di American Crime Story: Impeachment, tutto quello che sappiamo sulla stagione dedicata allo scandalo Clinton

Dopo le prime due stagioni di successo, è in lavorazione la terza stagione di #American Crime Story. Dedicato allo scandalo di Bill Clinton, questo terzo ciclo di episodi prende il titolo di American Crime Story: Impeachment.

Il Caso O.J. Simpson (The People v. O. J. Simpson: American Crime Story) e L’assassinio di Gianni Versace (The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story) sono le prime due stagioni della serie antologica. Prodotta dal 2016, ogni stagione racconta un noto caso giudiziario e di cronaca nera, che ha avuto un impatto mediatico di notevole rilevanza.

Advertisement

La terza stagione avrebbe dovuto raccontare gli avvenimenti dell’uragano Katrina, ma il progetto è stato cestinato. American Crime Story 3 racconterà così la storia vera dello scandalo che vide protagonista il Presidente Bill Clinton e la famosa stagista della Casa Bianca, Monica Lewinsky.

Scott & Larry Productions, Color Force, Ryan Murphy Productions, FXP, Fox 21 Television Studios
La locandina di American Crime Story
Il poster di American Crime Story

Di cosa parla American Crime Story 3?

Il Sexgate è scandalo sessuale che coinvolse – durante il suo secondo mandato – il Presidente degli Stati Uniti d’America Bill Clinton e la stagista della Casa Bianca Monica Lewinsky.

La trama della stagione 3 di American Crime Story si concentrerà sulle accuse a Clinton (che all'epoca aveva 49 anni) per la relazione avuta con la donna. Dopo aver negato di aver intrattenuto rapporti con l’allora 22enne, Clinton fu costretto ad ammettere la verità durante il procedimento giudiziario a suo carico.

Contestualmente, Bill Clinton venne indagato anche per presunti abusi sessuali nei confronti della giornalista Paula Jones (Annaleigh Ashford).

La storia di Impeachment verrà raccontata dal punto di vista di tre donne: Monica Lewinsky, Paula Jones e Linda Tripp . Quest’ultima è un’ex funzionaria degli USA, che registrò le telefonate di Monica Lewinsky riguardanti la storia con Clinton.

Il Sexgate: la storia di Bill Clinton e Monica Lewinsky

La relazione tra Clinton e Lewinsky ebbe luogo tra il 1995 e il 1997 e venne scoperta nel 1998.

Advertisement

Come già accennato, inizialmente il Presidente si dichiarò innocente, ma – dopo una serie di indagini – venne accusato di falsa testimonianza; ciò condusse all’impeachment. Quest’ultimo è lo stato di accusa di una persona che svolge un’alta carica pubblica, colpevole di azioni illecite inerenti alle proprie funzioni. Le accuse nei confronti di Clinton riguardarono proprio azioni illecite, oltre che ostruzione alla pubblica giustizia. Clinton venne, poi, assolto dal Senato.

Advertisement

Nonostante le difficoltà per trovare lavoro e rifarsi una vita, Monica Lewinsky ha studiato e ha preso un master in psicologia alla London School of Economics, oltre ad essersi impegnata nella lotta al bullismo – di cui è stata vittima, negli anni – e ad essersi unita al movimento #MeToo.

Sebbene la relazione con il 42esimo Presidente degli USA fosse consensuale, secondo Lewinsky lui era comunque in una posizione di potere più forte rispetto alla sua e di ben 27 anni più grande.

Attori e personaggi della serie

Diretta da Ryan Murphy, la terza stagione di American Crime Story: Impeachment è ispirata al libro A Vast Conspiracy: The Real Story of the Sex Scandal That Nearly Brought Down a President di Jeffrey Toobin.

Ecco interpreti e personaggi del true crime:

Advertisement
  • Beanie Feldstein: Monica Lewinsky, la stagista di 22 anni che ebbe una relazione con il Presidente Bill Clinton alla Casa Bianca;
  • Clive Owen: il Presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton, accusato di impeachment nel 1998, per la sua relazione sessuale con Monica Lewinsky;
  • Sarah Paulson: Linda Tripp, ex funzionaria degli USA che registrò le telefonate di Monica Lewinsky circa la storia con Clinton;
  • Annaleigh Ashford: Paula Jones, giornalista che denunciò Clinton per molestie sessuali;
  • Billy Eichner: Matt Drudge, giornalista e fondatore di Drudge Report, che diede la notizia della relazione sessuale tra Clinton e Monica Lewinsky;
  • Betty Gilpin: Ann Coulter, esperta di pubblicazioni conservatrici;
  • Margo Martindale: Lucianne Steinberger Goldberg;
  • Betty Gilpin: Ann Coulter.

Prodotto Consigliato 9.45€ da Amazon 8.78€ da Toobin, Jeffrey

Monica Lewinsky è produttrice della serie, insieme a Henrietta Conrad e Jemima Khan. In un’intervista a Vanity Fair nell’agosto 2019, Monica Lewinsky ha spiegato perché ha accettato di produrre American Crime Story: Impeachment.

Le persone hanno raccontato la mia storia al posto mio per decenni. […] Sono davvero grata per la crescita che abbiamo avuto come società, una crescita che consente a persone come me - che sono state storicamente messe a tacere - di reintrodurre finalmente la propria voce nella conversazione. Le persone potenti, spesso uomini, approfittano continuamente di coloro che sono loro subordinati in una miriade di modi.

La sceneggiatura è scritta da Sarah Burgess, anche produttrice esecutiva insieme allo stesso Ryan Murphy, Nina Jacobson, Brad Simpson, Brad Falchuk, Larry Karaszewski, Scott Alexander, Alexis Martin Woodall e Sarah Paulson.

La data di uscita di American Crime Story: Impeachment

Le riprese di American Crime Story: Impeachment avrebbero dovuto avere inizio nella primavera 2020 e la serie era attesa per settembre ma, a causa dello stop dovuto alla pandemia da COVID-19, il via alla produzione della terza stagione è ora fissato per l’autunno.

La data di uscita di American Crime Story 3 è ancora da definirsi ma, probabilmente, gli episodi arriveranno nel 2021.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

L'estetica di Ryan Murphy: la legge dell'esagerazione

Scopri la visione unica di Ryan Murphy nella sua creazione di serie televisive che puntano sull'esagerazione, che sia drammatica, grottesca o horror.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
L'estetica di Ryan Murphy: la legge dell'esagerazione

Ryan Murphy è uno degli autori più prolifici di Hollywood, attivo soprattutto nel mondo delle serie TV. Come ideatore, produttore e showrunner, Murphy ha dimostrato un talento unico e fervido. Ha creato molte serie, che il pubblico ha amato e ama ancora, con uno stile spesso esagerato e in alcuni casi al limite del grottesco. Gli argomenti toccati dall'autore sono tra i più svariati, dall'ossessione per la chirurgia estetica, passando per le storie dell'orrore, fino ad arrivare ai crimini più famosi della storia degli Stati Uniti. Murphy si muove con agilità tra gli stili, passando dal musical attraverso il drammatico e la comedy fino all'horror, con un talento visionario che rimane intatto nelle sue produzioni. Proprio la sua estetica così particolare è il tema di questo articolo, che vi porterà nell'universo visivo creato dallo showrunner di American Horror Story.

Il dramedy: quando la commedia incontra il dramma

Il primo genere che si trova ad affrontare Ryan Murphy nelle vesti di autore e creatore televisivo è il dramedy (unione di dramma e commedia) Popular, con cui ha esordito nel 1999. Su questo filone si può inserire, seppure con alcune varianti, altre serie uscite successivamente come The New Normal, Scream Queens, 9-1-1 e il suo spin-off 9-1-1: Lone Star, The Politician e Hollywood.

Sto cercando altri articoli per te...