Archer, la serie animata per adulti arriva su FOX Animation

Autore: Chiara Poli ,

Nel 2009, quando Archer nacque da un'idea di Adam Reed, premiato con un Emmy proprio per questa serie, l'unico ISIS che conoscevamo era l'International Secret Intelligence Service, l'agenzia di spionaggio che dà lavoro a Sterling Archer.

Oggi la sigla ha assunto tutto un altro significato, ma per i fan della spy-story d'animazione pensata per un pubblico adulto, condita da una buona dose d'ironia demenziale e di feroce critica ai vizi della società contemporanea, resta legata al protagonista.

Advertisement

Sterling Archer non è affatto una spia alla James Bond. Già dal suo nome in codice, Duchessa, intuiamo che l'agenzia stessa abbia voluto prendere in giro il suo egocentrismo, la sua altissima opinione di sé, la sua mania per le belle donne e tutti i piaceri della vita.

Bevitore incallito, che si caccia spesso in situazioni ridicole per via delle sue condizioni, Archer è tutt'altro che un eroe positivo.

Proprio per questo, per la sua capacità d'incarnare i vizi, oltre che per l'essere ancora alle dipendenze della madre (letteralmente: Malory Archer è la direttrice dell'ISIS) - alcolista pure lei - Archer ha conquistato il pubblico, diventando il protagonista di una serie cult già rinnovata per una decima stagione nel 2019.

FX Productions
Archer: la serie animata di FX
Archer arriva su FOX Animation

Una squadra particolare

Con una madre come la sua, Archer avvalora il vecchio detto "La mela non cade mai lontano dall'albero", ma conquista anche le simpatie del pubblico.

Malory ha perennemente un drink in mano e rivolge ai propri dipendenti aspre critiche, umiliazioni e parole durissime. Ex attrice, prima di essere reclutata come spia sognava di diventare una grande star.

Non ha idea di chi, fra i possibili candidati, sia il vero padre di Archer, concepito durante una missione per l'OSS (Office of Strategic Services, la prima agenzia d'intelligenza americana, realmente esistita e fondata negli anni '40 dal Presidente Roosevelt).

Mentre Archer cresceva, lei era spesso lontana per missioni pericolose: il suo istinto materno non è mai stato molto sviluppato...

Advertisement

Vive in uno splendido appartamento nell'Upper East Side di Manhattan.

Advertisement

Cheryl R. Hunt, ex assistente (molto poco dotata) di Malory, fa parte della squadra. Ha una personalità molto complessa - derivata, insieme alla sua passione per pratiche sessuali pericolose, da un passato oscuro nonostante sia erede della ricchissima famiglia Tunt.

Emotivamente instabile, fragile e incompetente, Cheryl è una vera e propria bomba a orologeria...

Lana Kane, invece, è una bella, sicura di sé e preparatissima agente operativa sul campo. Le sue idee politiche stridono con l'agenzia per la quale lavora, ma il suo rapporto personale con Sterling le impedisce di allontanarsi: lavorano insieme, facendo coppia durante le missioni, e finiscono per trasferire quel concetto di coppia anche nella vita personale.

Pam Poovey, direttore delle Risorse Umane all'ISIS, sogna di diventare un'agente operativa sul campo. Combattiva, ma anche pettegola e dedita al vizio del bere - cosa che accomuna un po' tutti i protagonisti - secondo molti colleghi non è una donna affascinante. Eppure, intreccia relazioni con diversi uomini dell'ufficio.

Advertisement
FX Productions
Una parte del cast di Archer
Alcuni fra i protagonisti di Archer, in arrivo su FOX Animation

Una serie fatta di antieroi

La ragione principale che fa di Archer una serie riservata a un pubblico di adulti sta nei molti, moltissimi comportamenti negativi dei personaggi principali.

Bevono, fumano, dicono parolacce, sono violenti e disinibiti, interessati a pratiche sessuali considerate sconvenienti dalla morale comune e pronti a sporcarsi le mani con affari poco chiari, se ne hanno l'occasione.

L'intera squadra dell'ISIS - destinato in seguito a trasformarsi in un'altra agenzia - è stata creata per incarnare ogni genere possibile di antieroe.

Anche per questo, Archer ha avuto tanto successo: sfida i luoghi comuni sul genere della spy-story divertendo il pubblico con i comportamenti demenziali del protagonista e con le bizzarrie di chi lo circonda.

Ciononostante, i canoni classici vengono rispettati: missioni, intrighi, complotti, doppiogiochisti e tutti gli altri elementi tipici dei racconti di spionaggio fanno parte del gioco.

Un gioco che impareremo a conoscere, con i suoi giocatori, da lunedì 15 ottobre alle 22.40. 

Naturalmente su FOX Animation.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

Leggi per scoprire che cosa ha fatto storcene il naso allo scrittore Stephen King nel terzo episodio della serie TV The Last of Us.
Autore: Francesca Musolino ,
Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

La serie TV The Last of Us tratta dall'omonimo videogioco di Naughty Dog continua ad aumentare l'apprezzamento del pubblico episodio dopo episodio. In particolare Long Long Time ovvero il terzo episodio della serie TV The Last of Us, ha commosso ed emozionato i fan per la storia d'amore tra Frank e Bill

Tuttavia c'è anche chi come Stephen King, ha bacchettato l'episodio in questione per una scena che sembra essere fin troppo surreale. Lo scrittore ha espresso le sue perplessità in un tweet come riportiamo di seguito:

Sto cercando altri articoli per te...