Gli attori de Il Signore degli Anelli vogliono salvare la casa di Tolkien

Autore: Elena Arrisico ,

Gli abitanti della Terra di Mezzo si uniscono nuovamente, ma questa volta per salvare la casa di J.R.R. Tolkien: gli attori della saga cinematografica de Il Signore degli Anelli (The Lord of the Rings) e de Lo Hobbit (The Hobbit) hanno, infatti, deciso di partecipare a un’iniziativa che vedrà coinvolti loro in prima persona, ma anche i fan di tutto il mondo.

Mercoledì 2 dicembre 2020, Ian McKellen (Gandalf) ha utilizzato i propri social per condividere un video promozionale sul Project Northmoor: una campagna guidata dall'autrice Julia Golding per acquistare la casa di Tolkien a Oxford, nel Regno Unito e poterla trasformare in un centro letterario dedicato al suo lavoro. Sul proprio profilo Twitter, McKellen ha scritto:

Advertisement

A differenza di altri scrittori della sua grandezza, non esiste al mondo un centro letterario dedicato a J.R.R. Tolkien. Non ancora.

Al video hanno partecipato – tra gli altri – gli attori di entrambe le trilogie de Lo Hobbit e de Il Signore degli Anelli: oltre a McKellen (Gandalf), fanno la loro comparsa anche Martin Freeman (Bilbo Baggins), John Rhys-Davies (Gimli) ed Annie Lennox che vinse un Premio Oscar per la canzone Into the West de Il Ritorno del Re (The Return of the King).

Insieme, le star si sono unite discutendo la vita e il lavoro di Tolkien. Il progetto Northmoor ha come obiettivo il raggiungimento di 4,5 milioni di sterline tramite una racconta fondi, per riuscire a coprire il costo dell’acquisto e della ristrutturazione della casa che si trova al numero 20 di Northmoor Road, a Oxford.

Ispirato alla Terra di Mezzo, il centro in onore dello scrittore verrebbe utilizzato per sviluppare dei programmi letterari. La campagna di crowdfunding terminerà il 15 marzo 2021.

Prodotto Consigliato 99.99€ da Amazon 43.72€ da Warner Bros.

Advertisement

I fan che decidono di partecipare alla raccolta fondi avranno alcuni premi, in base all’entità della propria offerta: avere il proprio nome stampato all’interno del libro dei finanziatori, il Red Book of Funders riposto all’interno dello studio di Tolkien o, ad esempio, avere la possibilità di avere una stanza nella casa con il proprio nome ed essere invitati ad alcuni eventi. Nel video, McKellen spiega:

Non possiamo raggiungere questo obiettivo senza il supporto dei fan di Tolkien. Avremo successo solo se lo faremo tutti insieme.

Nato nel 1892 e morto nel 1973, J.R.R. Tolkien è stato uno scrittore, linguista, filologo e glottoteta – inventò nuovi linguaggi - che ha lasciato il segno nella storia della letteratura, ma che sembra non avere ancora ottenuto tutto il riconoscimento che merita.  Professore all’Università di Oxford per diversi anni, Tolkien visse all’interno di questa casa – ora messa in vendita - dove scrisse sia Lo Hobbit che Il Signore degli Anelli, due delle più importanti opere letterarie del XX secolo.

Prodotto Consigliato Confanetto dei libri in lingua originale de Il Signore degli Anelli 30.87€ da Amazon 61.21€ da J.R.R. Tolkien

Advertisement

I due romanzi sono stati trasposti al cinema da Peter Jackson in quelle che sono due trilogie fantasy di enorme successo.

Prodotto Consigliato 29.52€ da Amazon 32.19€ da Warner Bros.

La casa di J.R.R. Tolkien è composta da sette camere da letto e un grande giardino. Per partecipare alla campagna di crowdfunding, bastare visitare il sito web del Project Northmoor.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Stranger Things 4 e Star Wars: 3 punti in comune

Punti cruciali della sceneggiatura di Stranger Things 4 sono ispirati alla saga di Star Wars. Ecco cosa hanno detto i fratelli Duffer.
Autore: Pasquale Oliva ,
Stranger Things 4 e Star Wars: 3 punti in comune

La quarta stagione di Stranger Things e Star Wars: Episodio V - L'impero colpisce ancora hanno bel po' di cose in comune. Le due menti dietro una delle serie di maggior successo dell'intero catalogo di Netflix hanno affermato esplicitamente di essersi ispirati alla pellicola del 1980 con Luke Skywalker e gli altri amati personaggi del franchise. Ma dov'è che si avverte quest'aria di Guerre Stellari precisamente?

Ecco i punti in comune tra Stranger Things e Star Wars: Attenzione seguono grossi spoiler sul finale di stagione di Stranger Things!

Sto cercando altri articoli per te...