Ai BAFTA 2018 trionfa Tre Manifesti a Ebbing, Missouri: tutti i vincitori della serata

Autore: Elisa Giudici ,

Se il buongiorno si vede dagli Oscar inglesi, i BAFTA sono stati un succulento antipasto per la squadra di Tre Manifesti a Ebbing, Missouri, che ora può davvero guardare con speranza alla notte delle stelle hollywoodiane. Il film di Martin McDonagh ha sbaragliato la concorrenza di Guillermo Del Toro, Luca Guadagnino e degli altri candidati anche ai BAFTA Awards 2018, considerati gli Oscar del cinema inglese. Nonostante sia il vincitore del Leone d'Oro La Forma dell'Acqua a guidare per numero di nomination la corsa agli Oscar, nella premiazione alla Royal Albert Hall Tre Manifesti a Ebbing, Missouri si è confermato un avversario da non sottovalutare.

BAFTA 2018 in nero e con conduzione femminile

Sul red carpet della cerimonia le attrici autoctone e hollywoodiane si sono ancora una volta presentate di nero vestite e con le spillette della campagna di Time's Up, come era avvenuto anche ai Golden Globes. In segno di discontinuità col passato nell'anno dello scandalo Weinstein e del movimento #MeToo, è stata una donna a presentare la serata.

Advertisement

Dopo tanti anni di conduzione del comico Stephen Fry, a guidare la serata è stata Joanna Lumley, la bellissima bond girl di Agente 007 – Al servizio segreto di sua maestà. L'attrice ha sostituito il collega presentatore, che in passato aveva condotto già 12 edizioni della manifestazione. Una tradizione rispettata è stata quella della presenza dei reali sul tappeto rosso: il principe William e la consorte Kate Middleton non sono mancati, a sancire l'importanza culturale per il Regno Unito di questo appuntamento dedicato al cinema inglese. 

Tre Manifesti trionfa ai BAFTA 2018

Con la vittoria nelle categorie miglior film (annunciata dal James Bond in pectore Daniel Craig), miglior attrice protagonista, miglior attore non protagonista, miglior sceneggiatura originale e miglior film in inglese Tre Manifesti a Ebbing, Missouri è stato il trionfatore della serata. 

Guillermo del Toro si deve accontentare del premio dedicato alla miglior regia e quello alla miglior colonna sonora. Per il film italiano di Luca Guadagnino Chiamami col tuo nome è arrivata invece la vittoria come miglior sceneggiatura non originale. A ritirare il premio è stato lo sceneggiatore e regista 89enne James Ivory, aiutato dal giovane protagonista Timothée Chalamet (rimasto a bocca asciutta per la vittoria di Gary Oldman come miglior attore e di Daniel Kaluuya come miglior attore emergente) a salire sul palco.

Il celebre sceneggiatore, produttore e regista inglese ha ringraziato gli attori che hanno interpretato il film:

Advertisement

Chiamami col tuo nome è il tipo di film la cui riuscita è affidata a davvero tante persone, in primis gli attori. Siamo stati particolarmente fortunati a trovare un cast come questo e mi sento particolarmente grato di aver fatto parte di questo progetto.

Bafta 2018: tutti i vincitori

Miglior Film 

  • Chiamami col tuo Nome 
  • L'Ora più Buia
  • Dunkirk
  • La Forma dell'Acqua
  • Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

Miglior film britannico

  • L'Ora più Buia
  • Morto Stalin, se ne fa un altro
  • God’s Own Country
  • Lady Macbeth
  • Paddington 2
  • Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

 

Miglior esordio britannico da regista, sceneggiatore o produttore

  • The Ghoul, Gareth Tunley, Jack Healy Guttman e Tom Meeten
  • I am not a Witch, Rungano Nyoni e Emily Morga
  • Jawbone, Johnny e Thomas Napper
  • Kingdom of Us, Lucy Cohen
  • Lady Macbeth, Alice Birch, William Oldroyd e Fodhla Cronin O’Reilly

 

Miglior film non in inglese

  • Elle
  • Per Primo Hanno Ucciso mio Padre
  • Agassi
  • Loveless
  • Il Cliente
  • The Handmaiden

 

Miglior documentario

  • City of Ghosts
  • I Am Not Your Negro
  • Icarus
  • Una scomoda verità
  • 2 Jane

 

Miglior film d’animazione

  • Coco
  • Loving Vincent
  • La mia vita da Zucchina

  

Advertisement

Miglior regista

  • Denis Villeneuve, Blade Runner 2049
  • Luca Guadagnino, Chiamami col tuo Nome 
  • Christopher Nolan, Dunkirk 
  • Guillermo del Toro, La Forma dell'Acqua
  • Martin McDonagh, Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

  

Advertisement

Miglior sceneggiatura originale

  • Scappa - Get Out
  • Io, Tonya
  • Lady Bird
  • La Forma dell'Acqua
  • Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

  

Miglior sceneggiatura non originale

  • Chiamami col tuo Nome 
  • Morto Stalin, se ne fa un altro
  • Film stars don't die in Liverpool
  • Molly's Game
  • Paddington 2

  

Miglior attrice

  • Annette Bening, Film Stars Don’t Die in Liverpool
  • Frances McDormand, Tre Manifesti a Ebbing, Missouri
  • Margot Robbie, Io, Tonya
  • Sally Hawkins, La Forma dell’Acqua
  • Saoirse Ronan, Lady Bird

 

Miglior attore

  • Daniel Day-Lewis, Il Filo Nascosto
  • Daniel Kaluuya, Get Out
  • Gary Oldman, L'Ora più Buia 
  • Jamie Bell, Film Stars Don’t Die in Liverpool
  • Timothée Chalamet, Chiamami col tuo Nome

 

Miglior attrice non protagonista

  • Allison Janney, Io, Tonya
  • Kristin Scott Thomas, Darkest Hour
  • Laurie Metcalf, Lady Bird
  • Lesley Manville, Il Filo Nascosto
  • Octavia Spencer, La Forma dell'Acqua

 

Miglior attore non protagonista

  • Christopher Plummer, Tutti i Soldi del Mondo
  • Hugh Grant, Paddington 2
  • Sam Rockwell, Tre Manifesti a Ebbing, Missouri
  • Willem Dafoe, The Florida Project
  • Woody Harrelson, Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

 

Miglior colonna sonora originale

  • Blade Runner 2049
  • L'Ora più Buia
  • Dunkirk
  • Il Filo Nascosto
  • La Forma dell'Acqua

 

Miglior fotografia

  • Blade Runner 2049
  • L'Ora più Buia
  • Dunkirk
  • La Forma dell'Acqua
  • Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

 

Miglior montaggio

  • Baby Driver
  • Blade Runner 2049
  • Dunkirk
  • La Forma dell'Acqua
  • Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

 

Miglior scenografia

  • La Bella e la Bestia
  • Blade Runner 2049
  • L'Ora più Buia
  • Dunkirk
  • La Forma dell'acqua

 

Migliori costumi

  • La Bella e la Bestia
  • L'Ora più Buia
  • Io, Tonya
  • Il Filo Nascosto
  • La Forma dell'Acqua

 

Miglior trucco e acconciature

  • Blade Runner 2049
  • L'Ora più Buia
  • Io, Tonya
  • Victoria & Abdul
  • Wonder

  

Miglior sonoro

  • Baby Driver
  • Blade Runner 2049
  • Dunkirk
  • La Forma dell'Acqua
  • Star Wars: Gli ultimi Jedi

 

Migliori effetti speciali

  • Blade Runner 2049
  • Dunkirk
  • La Forma dell'Acqua
  • Star Wars: Gli ultimi Jedi
  • The War - Il Pianeta delle Scimmie

 

Miglior cortometraggio animato britannico

  • Have Heart
  • Mamoon
  • Poles Apart

 

Miglior cortometraggio britannico

  • Aamir
  • Cowboy Dave
  • A Drowning Man
  • Work
  • Wren Boys

EE Rising Star award

  • Daniel Kaluuya
  • Florence Pugh
  • Josh O’Connor
  • Tessa Thompson
  • Timothée Chalamet
Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

Leggi per scoprire che cosa ha fatto storcene il naso allo scrittore Stephen King nel terzo episodio della serie TV The Last of Us.
Autore: Francesca Musolino ,
Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

La serie TV The Last of Us tratta dall'omonimo videogioco di Naughty Dog continua ad aumentare l'apprezzamento del pubblico episodio dopo episodio. In particolare Long Long Time ovvero il terzo episodio della serie TV The Last of Us, ha commosso ed emozionato i fan per la storia d'amore tra Frank e Bill

Tuttavia c'è anche chi come Stephen King, ha bacchettato l'episodio in questione per una scena che sembra essere fin troppo surreale. Lo scrittore ha espresso le sue perplessità in un tweet come riportiamo di seguito:

Sto cercando altri articoli per te...