Beetlejuice – Spiritello Porcello, ecco il trailer del documentario sul film

Autore: Marcello Paolillo ,

In occasione del trentaduesimo anniversario dall'uscita nelle sale di Beetlejuice – Spiritello Porcello di Tim Burton, un documentario indipendente di due ore spiegherà la realizzazione di questo piccolo, grande classico anni ’80.

Documentary for the Recently Deceased: The Making of Beetlejuice - questo il nome del progetto - metterà in mostra tutte le fasi della produzione e dalla creazione del film, fino al momento della sua apparizione nei cinema statunitensi. Poco sopra trovate anche un primo trailer della durata di tre minuti circa.

Advertisement

Il dietro le quinte darà modo di ascoltare le parole del team degli effetti visivi, oltre a varie interviste inedite al cast e la troupe, con in più un mucchio di foto e video mai visti prima (incluse concept art). Nel documentario sarà anche possibile ammirare il set nella cittadina di East Corinth (Vermont), oltre a un incontro con il costume designer Tom Spina e l'illustratore Kyle Lambert (autore di un poster inedito del film, che potete ammirare poco sotto nelle varie fasi della sua realizzazione).

Documentary for the Recently Deceased presenterà anche filmati d’archivio mai visti prima, incluse varie sequenze realizzate in stop-motion. Ancora privo di una data di rilascio ufficiale, il progetto è a cura di Adam F. Goldberg (The Goldbergs) e Lee Leshen (Back in Time).

Advertisement

Beetlejuice - Spiritello Porcello ha fatto il suo debutto nei cinema USA l'1 aprile 1988. Burton, reduce dal buon risultato del suo primo lungometraggio (Pee-wee Big's Adventure, del 1985), aveva guadagnato la fiducia di Warner Bros., tanto che la pellicola ha portato a casa oltre 73 milioni di dollari (a fronte di un costo di soli 13 milioni). Il film si aggiudicò un premio Oscar per il miglior trucco nel 1989. 

Il successo della pellicola permise a Burton, solo un anno dopo, di portare nei cinema la sua versione di Batman (ad oggi considerato uno dei film tratti dal personaggio DC Comics più importanti di di tutti i tempi).

La storia di Beetlejuice racconta di due giovani coniugi, Adam e Barbara Maitland (Alec Baldwin e Geena Davis), i quali muoiono per una tragica fatalità diventando poco dopo dei fantasmi. La coppia si ritrova costretta a dover condividere la loro casa di provincia con i Deetz, una famiglia di New York dal temperamento decisamente insopportabile. Per far si che gli ospiti sgraditi lascino la casa, i Maitland evocano Beetlejuice (Michael Keaton), un sorta di ghoul dall'aspetto decisamente bizzarro specializzato nello scacciare i vivi dalle abitazioni infestate dagli spettri. 

Beetlejuice - Spiritello porcello Beetlejuice - Spiritello porcello Una coppia di felici coniugi fantasmi è alle prese con una famiglia di chiassosi e petulanti snob che hanno occupato la loro casa. Uno dei più divertenti e spiritosi film ... Apri scheda

Nel cast troviamo anche Jeffrey Jones (Charles Deetz), Catherine O'Hara (Delia Deetz), una giovanissima Winona Ryder (Lydia Deetz), Sylvia Sidney (Juno) e Robert Goulet (Maximillian Dean). Da anni si parla della possibilità di realizzare un sequel di Beetlejuice, nonostante il regista e produttore Tim Burton non sembri al momento interessato ad occuparsene.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Stranger Things, la timeline non andrà oltre il 1987: ecco perché

Le parole di Matt Duffer centrano in pieno l'anima di Stranger Things.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Stranger Things, la timeline non andrà oltre il 1987: ecco perché

I fratelli Duffer hanno partecipato al panel Deadline’s Contenders Television condividendo con i fan diverse informazioni e retroscena sulla serie da loro creata ossia Stranger Things. Oltre alla nuova sorprendete durata degli episodi della stagione 4, di cui si conoscono anche i titoli, Matt e Ross Duffer hanno parlato della timeline di Stranger Things che, per un motivo ben preciso, non può superare il 1987.

Il motivo di questa decisione viene dal fatto che, come attrice, Winona Ryder ha raggiunto la massima notorietà nel 1988 con il film cult di Tim Burton Beetlejuice - Spiritello porcello. Matt Duffer ha spiegato:

Sto cercando altri articoli per te...