Benedict Cumberbatch difende l'incantesimo di Strange in No Way Home

Autore: Giuseppe Benincasa ,
News
1' 48''
Copertina di Benedict Cumberbatch difende l'incantesimo di Strange in No Way Home

Dopo aver visto Spider-Man: No Way Home molti fan hanno "dato la colpa" a Doctor Strange per la non buona riuscita dell'incantesimo atto a far dimenticare al mondo l'identità di Spider-Man aka Peter Parker.

Adesso, in una intervista a The Hollywood Reporter, l'attore Benedict Cumberbatch che interpreta lo stregone ha voluto spiegare una volta per tutte che quell'incantesimo è andato storto non per colpa del suo personaggio, almeno non del tutto. L'attore inglese è conscio del fatto che Stephen Strange non viene giudicato benissimo dai suoi fan per come si è comportato nell'ultimo film di Spider-Man, ma ha una giustificazione:

Advertisement

Strange è un essere umano e io penso che si è trattato di un errore del tutto umano. Ha visto Peter come sua compagno sul campo di battaglia e poi come teenager travolto da una esperienza che non gli ha permesso di essere se stesso, sia perché troppo esposto [nei panni di Spider-Man] sia perché ha perso il suo mentore. Quindi Strange ha deciso di aiutarlo con tutte le buone intenzioni del caso.

Sulla parte relativa all'incantesimo, Cumberbatch ha aggiunto:

Penso che l'incantesimo da solo sarebbe potuto andare bene. Tutti dimenticano che Peter interrompe l'incantesimo tante volte ed è questo che l'ha corrotto. Peter influenza l'incantesimo di Strange. Non è proprio un errore di Strange. Lui ha ragione nel voler aiutare Peter. Che razza di supereroe sarebbe se non volesse aiutare un altro supereroe?

Sull'incantesimo finale, che rimette a posto le cose, Cumberbatch dice che è lì che si capisce che lo stregone ha a cuore il ragazzo, quando gli dice:

Advertisement

'Noi, tutti quelli che ti amano. Noi non avremmo memoria di te.' Quindi non so. Penso che qualcuno che tiene a qualcun altro possa essere perdonato per aver fatto qualcosa che porta a delle conseguenze. Quindi, mi immedesimo molto nell'idea che un supereroe possa fare un errore a causa della sua umanità, e sono contento di interpretarne uno che lo fa.

Benedict Cumberbatch è protagonista di Doctor Strange nel Multiverso della Follia dal 4 maggio al cinema.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Doctor Strange 2: Ecco di chi è la statua nella sala degli Illiminati

Scopri l'easter egg nascosto in Doctor Strange nel Multiverso della Follia inserito da Sam Raimi per commemorare il personaggio di Xena.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Doctor Strange 2: Ecco di chi è la statua nella sala degli Illiminati

In Doctor Strange nel Multiverso della Follia appaiono per la prima volta nel Marvel Cinematic Universe gli Illuminati, un gruppo di super-esseri che deve prendere difficili decisioni per la salvaguardia dell'universo. Ebbene, questo gruppo formato da Reed Richards dei Fantastici 4, da una variante di Captain Marvel aka Maria Rambeau, Captain Carter aka Peggy Carter, Black Bolt degli Inumani, Barone Mordo, Charles Xavier aka il Professor X non è stato abbastanza forte da sconfiggere Scarlet Witch! Piuttosto, sono quasi tutti morti nel provare a fermarla. L'unico a salvarsi è stato il Barone Mordo, poiché questo non era direttamente in conflitto con Wanda Maximoff.

Gli Illuminati vengono affrontati e sconfitti da Scarlet Witch "a casa loro", all'interno di una struttura nella quale sono presenti diverse statue. Una in particolare è più grande e diversa da tutte le altre. Questa statua è quella che schiaccia e uccide Captain Marvel, da ciò che è stato rivelato recentemente, la statua raffigura la guerriera Xena.

Sto cercando altri articoli per te...