Beverly Hills Cop 4 con Eddie Murphy ha trovato un regista (anzi due!)

Autore: Rina Zamarra ,

Paramount ha ingaggiato i due registi belgi Adil El Arbi e Bilal Fallah per dirigere Beverly Hills Cop 4.

Variety ha rivelato la notizia, elencando anche tutte le difficoltà riscontrate dalla casa di produzione. Nel maggio del 2014, Paramount aveva annunciato la data di uscita del film, in programmazione nei cinema americani per il 25 marzo del 2016. 

Advertisement

In seguito, la pellicola è stata cancellata nonostante fosse già stato designato come regista Brett Ratner (Rush Hour e X-Men: Conflitto Finale). Era già stata scritta persino una sceneggiatura con il mitico Axel Foley di ritorno nella sua Detroit. 

Al momento della cancellazione non sono stati rilasciati dettagli sulle motivazioni e il film è rimasto in una sorta di limbo.

Paramount Pictures
Poster di Beverly Hills Cop

Se siete dei fan del poliziotto più simpatico del cinema, sarete sicuramente contenti della designazione dei due registi.

Advertisement

Adil El Arbi e Bilal Fallah sono saliti agli onori della cronaca grazie al film Black, ambientato nella capitale belga.

La pellicola è una sorta di rilettura del musical West Side Story e racconta la difficile storia d'amore tra Marvela e Marwan. La ragazza è un membro della banda Black Bronx, mentre il ragazzo è un affiliato alla banda 1080. I due adolescenti si ritrovano così a dover scegliere tra il loro amore e la fedeltà alla gang a cui appartengono. 

Il film ha avuto una ottima accoglienza ed ha vinto il Discovery Award al Toronto Film Festival 2015, attirando l'attenzione anche di Eddy Murphy.

Advertisement

La notizia lascia sperare che, dopo 22 anni da Beverly Hills Cop 3, Axel possa tornare davvero sul grande schermo.

Certo, Eddie Murphy si porta sulle spalle venti anni in più e il peso di una famiglia con ben nove figli. Secondo voi continuerà ad essere credibile nei panni di Axel Foley?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

House of the Dragon, perché un personaggio non muore rispetto ai libri?

Leggi per sapere le differenze tra i libri di George R.R. Martin e la serie TV House of the Dragon, sulla storia di alcuni dei personaggi principali.
Autore: Francesca Musolino ,
House of the Dragon, perché un personaggio non muore rispetto ai libri?

Nella serie TV House of the Dragon ogni episodio è ricco di colpi di scena che ribaltano di continuo la trama. Soprattutto per via dei numerosi salti temporali che portano la storia avanti con un ritmo incalzante, che mette gli spettatori davanti a più fatti compiuti insieme nell'arco di poco tempo.

Per chi ha letto i romanzi di George R.R. Martin da cui la serie è tratta, la maggior parte degli eventi sono prevedibili perché vengono riportati fedelmente sullo schermo. Tuttavia quando invece ciò non sempre avviene, l'effetto sorpresa è garantito anche per i lettori. Nel sesto episodio di House of the Dragon, c'è stata la dipartita di alcuni personaggi che ha avuto delle differenze rispetto ai libri, come è possibile leggere nel nostro articolo House of the Dragon, cosa succede nell'episodio 6

Sto cercando altri articoli per te...