Black Widow, cosa rivela lo spot lanciato al Super Bowl

Autore: Alessandro Zoppo ,
Copertina di Black Widow, cosa rivela lo spot lanciato al Super Bowl

L'uscita di Black Widow si avvicina. Il cinecomic Marvel sulle origini della Vedova Nera Natasha Romanoff, interpretata da Scarlett Johansson, sarà nelle sale italiane dal 29 aprile 2020 e Disney ha reso ancora più elettrizzante l'attesa lanciando un nuovo spot dello standalone durante il Super Bowl LIV.

Il video, che potete vedere in apertura di questo articolo, ribadisce quello che avevamo già saputo nel primo trailer e che era stato confermato al CCXP19: Black Widow colma il gap temporale con Infinity War ed è ambientato subito dopo gli eventi di Captain America: Civil War. Sarà quindi una sorta di prequel alla Fase 4 del MCU, che entrerà nel vivo a novembre con l'uscita de #Gli Eterni.

Advertisement

Un film su famiglia e "auto-perdono"

"Non sai tutto di me: gli Avengers non erano la mia prima famiglia", dice Natasha prima della "riunione" con la "sorellina" Yelena Belova (Florence Pugh), la misteriosa Melina Vostokoff (Rachel Weisz) e il folle Alexei Shostakov (David Harbour), ovvero il Guardiano Rosso.

Un aspetto centrale del film è infatti la sua vita nell'allora Unione Sovietica, ripercorsa in flashback (la manipolazione dei ricordi, l'addestramento nella Stanza Rossa, le prime missioni da killer senza scrupoli) e riaffiorata nell'incontro con Yelena, Melina e Alexei. "A un certo punto bisogna scegliere tra quello che il mondo vuole che tu sia e chi sei veramente", spiega la Romanoff nel video.

La consacrazione di Florence Pugh

Black Widow è un film sul sacrificio di sé stessi e l'auto-perdono: l'ha ammesso l'attrice stessa in un'intervista concessa lo scorso novembre a Vanity Fair.

Mi auguro che Black Widow possa far fare un passo in più ai cinecomics. Il film affronta temi difficili come i traumi e i dolori. E io spero che possa essere d'ispirazione alle persone, perché Natasha è un personaggio forte, una donna coraggiosa che ha superato mille ostacoli. Quindi quando dico che spero di fare un passo in più, intendo dire che mi piacerebbe aver creato un personaggio esplosivo e dinamico, con quella quota di divertimento che ci si aspetta in questo genere di film, ma anche che faccia venire voglia di parlare apertamente di insicurezza, vergogna, delusione, rimpianto.

Yelena Belova, il personaggio della Pugh, avrà un ruolo centrale in questa storia. La giovane attrice britannica d'altronde è sempre più lanciata dopo il successo dell'horror #Midsommar - Il villaggio dei dannati e la nomination all'Oscar ricevuta per la performance nei panni di Amy March in Piccole donne di Greta Gerwig.

Advertisement

Lo scudo di Taskmaster

Ma in questo spot del Super Bowl, il particolare che molti fan del MCU hanno subito notato e sottolineato nei commenti sui social arriva dal faccia a faccia tra Natasha Romanoff e Taskmaster.

Il modo in cui il super-cattivo dai "riflessi fotografici" solleva lo scudo (esattamente come Captain America) alimenta la curiosità sulla natura del mercenario mascherato.

Marvel / Disney
Taskmaster e il suo scudo nello spot del Super Bowl di Black Widow
Vi ricorda qualcuno?

Qual è la sua missione? È davvero un agente dell'Hydra sopravvissuto alla "purga" degli Avengers? Chi si nasconde sotto la sua maschera?

Advertisement

Black Widow Black Widow Quando viene alla luce un pericoloso complotto, Natasha Romanoff alias Black Widow si trova ad affrontare il lato più oscuro del suo passato. Inseguita da una forza che non si ... Apri scheda

Le risposte a queste domande le avremo soltanto il 29 aprile, quando Black Widow sarà al cinema.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Scarlett Johansson: "Hollywood mi ha ipersessualizzata"

Ascolta il podcast di Scarlett Johansson ospite di Dax Shepard, e scopri cosa ha detto riguardo i suoi primi anni da attrice ad Hollywood.
Autore: Martina Adriani ,
Scarlett Johansson: "Hollywood mi ha ipersessualizzata"

Scarlett Johansson, attrice star dell'MCU (Marvel Cinematic Universe) ha rivelato, con la sua partecipazione a un podcast di un suo collega attore, Dax Shepard (attore, regista e sceneggiatore statunitense), di essere stata costantemente "ipersessualizzata" da Hollywood durante i primi anni della sua carriera a causa del suo aspetto più maturo.

Johansson ha dichiarato che gran parte del suo personaggio pubblico era il risultato di false dichiarazioni da parte dell'industria cinematografica, in un certo senso le avevano attribuito un ruolo, una personalità che non era veramente la sua. Ha spiegato che non le venivano offerti ruoli che veramente le si addicevano e che avrebbe voluto recitare.

Sto cercando altri articoli per te...