Castlevania 3: i riferimenti (e gli omaggi) ai videogiochi in un video

Autore: Marcello Paolillo ,
Speciali
2' 19''
Copertina di Castlevania 3: i riferimenti (e gli omaggi) ai videogiochi in un video

La terza stagione di Castlevania, la serie animata prodotta da Netflix, è stata resa disponibile lo scorso mese di febbraio 2020, gettando le basi per una quarta stagione - annunciata il 27 marzo scorso - che promette di essere davvero ricca di novità e colpi di scena.

Lo show diretto da Sam e Adam Deats e scritto Warren Ellis è tratto dalla saga di videogiochi omonima prodotta e sviluppata da Konami. Più in particolare, la base di partenza è Castlevania III: Dracula's Curse, il videogame uscito su console a 8-bit Nintendo Entertainment System nel lontano 1989.

Advertisement

Netflix ha ora pubblicato sul proprio profilo Twitter ufficiale un video della durata di un minuto e mezzo, in cui vengono mostrati gli Easter Egg e le citazioni - più o meno evidenti - alla saga videoludica originale.

[twitter id="1247586678258069504"]

L'omaggio presente nel primo episodio riguarda la vampira Carmilla: Lenore, Morana e Striga indossano infatti degli anelli ispirati alla maschera della potente guerriera della notte, vista nel videogioco per NES del 1987 Castlevania II: Simon's Quest.

Advertisement

Un altro Easter Egg è invece relativo al mercante che dona a Isaac il potente "Signor Specchio" nel secondo episodio: mentre i due parlano, è possibile notare il venditore lucidare la Stone Mask introdotta in Castlevania: Curse of Darkness (uscito nel 2005 su PlayStation 2 e Xbox). Il videogioco in questione introdusse inoltre per la prima volta i personaggi di Isaac e Hector nel franchise.

Nel settimo episodio, sugli scaffali del castello dove Alucard ha deciso di vivere in totale solitudine si può intravedere l'Agunea, un'arma apparsa nel leggendario videogioco del 1997 Castlevania: Symphony of the Night (uscito originariamente sulla prima PlayStation), che vedeva il figlio di Dracula nel ruolo di protagonista assoluto. Inoltre, la massa informe di esseri umani contro cui il mastro fabbro Isaac si confronta nel nono episodio della terza stagione è ispirata a Legione, un boss composto da cadaveri visto nuovamente in Symphony of the Night.

Ultima ma non meno importante, la roccaforte del mago visitata da Isaac nel nono episodio contiene un gran numero di oggetti tratti da vari capitoli della saga, come il Leather Shield di Symphony of the Night, gli incrementatori di HP e MP di Lament of Innocence (uscito nel 2003 su PlayStation 2) e il Devil Shard di Curse of Darkness.

Castlevania Castlevania Un cacciatore di vampiri cerca di proteggere la città da un esercito di bestie ultraterrene sotto il controllo di Dracula. Ispirata alla classica serie di videogiochi. Apri scheda

Ricordiamo che la serie di Castlevania è stata rinnovata per una quarta stagione da Netflix, ancora priva di una data di uscita. Nel cast di doppiatori originali troviamo Graham McTavish (Dracula), Richard Armitage (Trevor Belmont), James Callis (Alucard) e Alejandra Reynoso (Sypha Belnades), oltre a Emily Swallow, Matt Frewer e Tony Amendola.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

10 serie TV per colmare il vuoto lasciato da Dracula

Uno degli adattamenti più riusciti del Dracula di Bram Stoker è la serie omonima del 2013. Ecco cosa guardare se sentite la mancanza del personaggio interpretato da Jonathan Rhys Meyers.
Autore: Manuela Greco ,
10 serie TV per colmare il vuoto lasciato da Dracula

Liberamente ispirata all'omonimo capolavoro di Bram Stoker, Dracula racconta la storia del vampiro più famoso di sempre e del suo tentativo di distruggere l'Ordine del Drago, colpevole di aver ucciso sua moglie Ilona e di averlo tramutato in una creatura della notte.

Solo il fedele assistente Renfield e il professor Abraham Van Helsing (che compie esperimenti col sangue di vampiro per permettergli di esporsi alla luce del sole) sono a conoscenza del suo segreto, mentre agli occhi della Londra vittoriana, egli è semplicemente l'imprenditore Alexander Grayson.

Sto cercando altri articoli per te...