Cell: la trama e la spiegazione di libro e film

Autore: Simona Vitale ,
Copertina di Cell: la trama e la spiegazione di libro e film

Pubblicato nel 2006, Cell è un romanzo di genere fantascientifico e post apocalittico scritto da Stephen King dopo un periodo caratterizzato, come dichiarato dal famoso scrittore del Maine, da scarsa ispirazione creativa.

Dal romanzo è stato tratto un film diretto da Tod Williams nel 2016, che ha visto la partecipazione di Stephen King come co-sceneggiatore.

Advertisement

Il romanzo comincia quando un misterioso segnale elettrico, che si diffonde attraverso i telefoni cellulari, colpisce le menti di ignari utenti, annullando del tutto le loro menti e riducendoli ad uno stadio praticamente bestiale. Le persone colpite, infatti, sono vittime di istinti primordiali e cercano di uccidere i propri simili. Solo un piccolo gruppo di individui riesce a sottrarsi allo strano impulso e tenta di riorganizzarsi e sopravvivere in un mondo ormai del tutto cambiato.

Prodotto Consigliato 11.3€ da Amazon 11.00€ da PICKWICK Prodotto Consigliato 11.68€ da Amazon 11.00€ da NARRATIVA Prodotto Consigliato 7.99€ da Amazon 7.00€ da King, Stephen

Tra questi incontriamo Clay Riddell, un disegnatore di fumetti che si trova a Boston per lavoro e che riesce ad evitare di essere colpito grazie alla sua riluttanza all'uso dei cellulari. Clay cerca di rimettersi in viaggio verso il Maine, dove spera di trovare sua moglie e suo figlio salvi e sopravvissuti al segnale misterioso.

Durante il percorso conosciamo anche altri sopravvissuti che si uniscono a lui formando un piccolo gruppo di "fortunati": Tom, un gentile omosessuale di mezza età; Alice, che dopo aver superato il trauma di aver visto impazzire sua madre, diventa leader dei sopravvissuti; e il 12enne Jordan, rimasto per un po' con il preside della sua scuola prima che questi impazzisse.

Nonostante le brillanti intuizioni dei due giovani del gruppo, lo scenario che si prospetta dinanzi agli occhi dei nostri protagonisti è a dir poco apocalittico...

Advertisement

Il film segue sostanzialmente la trama del libro, concentrandosi sul protagonista Clay Riddell (interpretato da John Cusack) a cui si uniscono vari personaggi, Tom (Samuel L. Jackson), Alice (Isabelle Fuhrman) e Jordan (Owen Teague).

Ricordiamo che John Cusack e Samuel L. Jackson avevano già lavorato insieme ad un altro film adattato da un romanzo di Stephen King: l'ottimo 1408.

Cell: spiegazione del libro e del film

Advertisement

Nonostante in molti non abbiano considerato questo romanzo di King all'altezza di tante e diverse opere del Re, la tematica di fondo dell'opera (e anche di quella del film) è sicuramente interessante. Precorrendo i tempi di poco più di dieci anni, Stephen King ha messo in mostra quella che è diventata, oramai quasi per tutti, la dipendenza dai telefoni cellulari - quelli che oggi, per noi, sono gli smartphone.

La scena iniziale di come all'aeroporto di Boston quasi tutti i presenti vengano colpiti dal segnale elettrico capace di ridurli allo stato "selvaggio" è indicativa di come tutti viviamo in un mondo sempre connesso e facilmente controllabile. Sì, ma da chi?

Emblematica è anche la frase che apre il trailer della pellicola ispirata al romanzo di King. e che ci svela come al mondo ci siano ben 6 miliardi di telefoni cellulari che ci rendono sempre connessi. Il segnale che colpisce quasi tutti gli abitanti della Terra, rendendola habitat di veri e propri morti che camminano, vuole lanciare un chiaro messaggio, inducendoci a riflettere. Tutti potremmo essere vittime potenziali di un attacco dall'alto, opera di una mano misteriosa e potente capace di trasformarci in qualcosa che, forse, nemmeno siamo capaci di immaginare.

In generale la pellicola, pur mostrando la brillante idea di fondo originale del romanzo di King, non si rivela in fondo all'altezza del tema trattato e si ricorda soprattutto per le performance interpretative di Cusack e Samuel L. Jackson.

Cell non passerà alla storia come il migliore dei romanzi di King o come il migliore dei film ispirati ad un best seller del Re, ma di certo lo spunto è interessante e mira a renderci coscienti di come sia facile la manipolazione dei nostri dati e delle nostre informazioni personali. 

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Perché in Umbrella Academy non ci sono i cellulari?

C'è un motivo preciso per cui in Umbrella Academy nessuno usa mai i telefoni cellulari...anche quando ce ne sarebbe davvero bisogno.
Autore: Elisa Giudici ,
Perché in Umbrella Academy non ci sono i cellulari?

I telefoni cellulari e gli smartphone non appaiono mai in tre stagioni di The Umbrella Academy. Non è né una dimenticanza né un caso, bensì, una precisa decisione degli sceneggiatori della serie Netflix. 

Ovviamente i cellulari non sarebbero coerenti con quando i protagonisti si trovano ad evitare apocalissi durante gli anni '60. Sarebbe però del tutto normale vedere i membri della famiglia Hargreeves utilizzare gli smartphone quando gli eventi si svolgono intorno al 2010, ovvero il periodo in cui ci troviamo per buona parte della storia. Invece questo non avviene. Un particolare non da poco, considerando che spesso a ostacolare i personaggio sono proprio le difficoltà di comunicazione tra di loro. 

Sto cercando altri articoli per te...