Chi muore e chi vive in Halloween Kills: il finale violento e senza sconti del film

Autore: Elisa Giudici ,
Copertina di Chi muore e chi vive in Halloween Kills: il finale violento e senza sconti del film

Il secondo capitolo della nuova trilogia di Halloween guidata da David Gordon Green sembra pronto a cambiare per sempre la natura del suo iconico villain, lo spietato assassino Michael Myers. Così come anticipato nella recensione senza spoiler dedicata al film, Halloween Kills trova il tempo di riflettere sulla disturbante capacità di Myers di sopravvivere a ogni ferita, agguato o colpo inferto al suo corpo, spingendo i confini del personaggio nel territorio del sovrannaturale. 

L'affascinante teoria però sembra rimandare risposte più concrete sulla natura (e sulla psicologica) di Myers al terzo e ultimo capitolo della trilogia in corso. Sempre che qualcuno sopravviva alla furia omicida di Myers: anche nei minuti finali infatti Halloween Kills continua ad aggiornare la drammatica conta delle morti causate da Michael Myers. L'epilogo del film si svolge dove tutto cominciò: nella casa in cui da bambino viveva Michael, dove alcuni personaggi avranno l'ardire d'intrufolarsi alla ricerca di una risposta all'enigma di sempre: cosa guardava Myers sporgendosi da bambino dalla finestra del primo piano di casa sua? Di cosa è alla ricerca oggi la sua versione adulta?

Advertisement

Halloween Kills Halloween Kills La notte di Halloween che ha segnato il ritorno di Michael Myers non è ancora finita. Alcuni minuti dopo che Laurie Strode, la figlia Karen e la nipote Allyson hanno ... Apri scheda

A seguire trovate alcune delle risposte fornite dal finale del film ma attenzione: contengono spoiler sostanziali sulla trama di Halloween Kills, quindi proseguite solo se avete visto il film o non vi infastidiscono anticipazioni sostanziali sulla trama dello stesso. 

Myers smascherato non può essere fermato

Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Le protagoniste della sequenza finale sono Allison e Karen. La prima fa parte di una spedizione punitiva che ha correttamente intuito che Michael si sta dirigendo verso la casa di Haddonfield dove viveva da bambino. Introdottasi nell'abitazione dopo il fidanzato, Allison lo trova al primo piano, ucciso dalla furia di Michael. Segue una lunga colluttazione tra la ragazza e il killer, in cui Allison rimane ferita gravemente a una gamba ma fa di tutto per uccidere l'uomo. Proprio quando Michael si prepara ad accoltellarla a morte, la madre Karen (la figlia di Laurie) lo aggredisce alle spalle con un forcone, attirandolo fuori dalla casa, salvando la vita alla figlia e riuscendo anche a togliergli la maschera. La maschera è il punto debole di Michael Myers: senza sembra incapace di essere letale, confuso, inerme. Quella di Karen è in realtà una nuova trappola: lo sta infatti attirando verso un linciaggio improvvisato, sicura che Michael la seguirà per rimpossessarsi della maschera. Michael viene circondato da una quindicina di cittadini di Haddonfield, che armati a vario titolo procedono a una vera e propria esecuzione collettiva. Senza maschera e circondato, Michael non riesce a replicare all'assalto. L'assassino viene ripetutamente colpito con inaudita violenza con armi da taglio, tramortito da mazze e da violenti pugni e calci.  Universal
Myers uccide una donna
Nel finale di Halloween Kills arriva la prova che Michael non è più umano, è in qualche modo immortale
Karen torna alla vecchia casa di Michael e si ritrova a guardare fuori dalla finestra che da cui il bimbo si affacciava tanti anni prima di diventare un assassino seriale. Qui sembra intuire qualcosa sulla natura di Michael, che nel frattempo è sopraggiunto alle spalle. L'uomo pone fine alla vita di Karen. Dato che è riuscito a rialzarsi dopo il violentissimo pestaggio subito e a rimettersi la maschera tornando ad uccidere, sembra evidente che Michael ormai non sia più umano. Nel film viene avanzata l'ipotesi che sia ormai fatto di odio e violenza pura, perciò non sia più possibile fermarlo attraverso la mera forza fisica. Anzi: probabilmente l'odio e la paura delle sue vittime lo rendono ancora più forte, uccisione dopo uccisione. Il film si chiude con un rapido scambio di inquadrature tra Michael che ha appena ucciso Karen e la madre di lei Laurie, ancora all'ospedale. Entrambi guardano in camera, come a sottolineare il fatto che il terzo film sarà sulla resa dei conti tra i due. Allison intanto è stata portata in ospedale e probabilmente sopravviverà all'aggressione, ma ha perso anche la madre per mano di Michael. 

?Come finisce Halloween Kills?

Karen salva sua figlia Allison dall'attacco di Michael Myers e gli sfila la maschera. La donna attira l'assassino in una nuova trappola, dove una quindicina di persone tenta di ucciderlo. Si consuma un autentico linciaggio, ma una volta reindossata la maschera, Michael si riprende e uccide gli aggressori: la sua natura non è quindi più umana, perché nessun essere umano potrebbe essere sopravvissuto a un simile pestaggio.

Michael torna nella sua vecchia casa e uccide Karen, che stava guardando fuori dalla finestra da cui lui si affacciava da bambino.

Il film finisce con Laurie e Michael che guardano dritto nell'obiettivo della cinepresa, contrapposti a distanza dalla regia: l'uomo ha appena ucciso sua figlia Karen. La resa dei conti tra i due si consumerà presto.

?Chi muore nel finale di Halloween Kills?

La nipote di Laurie Allison si salva, ma la madre di lei Karen muore poco dopo, uccisa da Michael. L'assassino viene attirato da Karen in una trappola e viene aggredito da numerosi abitanti armati della cittadina, ma si riprende poco dopo, confermando la teoria che in realtà ormai non sia più umano e quindi non sia possibile ucciderlo in modo convenzionale.

Laurie è sana e salva in ospedale, ma ancora non sa che la figlia Karen è stata uccisa.

?Michael Myers è umano?

In Halloween Kills viene avanzata l'ipotesi che ormai in Michael Myers non ci sia più nulla di umano: una volta semplice uomo, Myers è diventato odio puro, un'entità di violenza e terrore che non può essere uccisa in modo convenzionale e che sembra nutrirsi della paura e dell'odio delle sue vittime, diventando via via sempre più forte, invicinbile.

La tesi è confermata dal finale del film, in cui Michael sopravvive a un linciaggio di gruppo a cui nessun essere umano normale sarebbe sopravvissuto.

?Laurie muore in Halloween Kills?

No, si salva. Rimane in ospedale mentre i suoi concittadini tentano di uccidere Michael Myers. Sua figlia Karen però muore mentre tenta di salvare Allison: la ragazza sopravvive, nonostante una grave ferita alla gamba provocata proprio da Michael, che riesce a togliere la vita a Karen.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Tag correlati
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Halloween Kills, la recensione: Michael Myers a un punto di non ritorno

Michael Myers è sopravvissuto alla trappola di Laurie e in Halloween Kills sembra vicino a una metamorfosi che ne cambierà per sempre l'essenza. La recensione del dodicesimo film della saga di Halloween.
Autore: Elisa Giudici ,
Halloween Kills, la recensione: Michael Myers a un punto di non ritorno

I secondi capitoli delle trilogie sono tradizionalmente considerati l’anello debole delle sequenze trine di cui fanno parte: non hanno il vantaggio di avere un punto di partenza preciso, il foglio bianco sui cui disegnare, né la potenza narrativa di una conclusione. Il problema di Halloween Kills però non è la sua partenza nel bel mezzo di un nuovo Halloween a Haddonfield, nell’Illinois, dopo la presunta uccisione di Michael Myers da parte di Laurie e della sua famiglia. 

Halloween Kills è un film talvolta sconcertante per come mescoli intuizioni tutt’altro che ordinarie a passaggi snervanti nella loro intrinseca stupidità. Secondo capitolo della nuova trilogia dedicata al villain cult creato da Debra Hill e John Carpenter (qui coinvolto per realizzare la notevole colonna sonora del film), Halloween Kills vede alla barra del timone David Gordon Green, estimatore della saga ancora una volta nelle duplici vesti di regista e sceneggiatore

Sto cercando altri articoli per te...