Chi vincerà a Venezia 76 tra pronostici e Toto Leone: le previsioni della stampa italiana ed estera

Autore: Elisa Giudici ,
Copertina di Chi vincerà a Venezia 76 tra pronostici e Toto Leone: le previsioni della stampa italiana ed estera

La pioggia e i pronostici si abbattono sul Lido. L'edizione numero 76 della Mostra d'arte cinematografica di Venezia si avvia a conclusione e mancano poche ore al fatidico verdetto della giuria presieduta tra le polemiche da Lucrecia Martel. Tra poche ore in Sala Grande verranno annunciati i vincitori delle varie sezioni (Orizzonti, VR, Concorso) sino ad arrivare al premio più ambito: il Leone d'Oro. 

Rispetto all'anno passato però - quando Roma di Alfonso Cuarón si attestava già come vincitore annunciato sia per la stampa straniera sia per quella italiana - stavolta il Toto Leone impazza più che mai. Nessun film è riuscito a mettere d'accordo tutti, anzi: la critica italiana e quella estera si sono spaccate nell'eleggere i propri favoriti, con il risultato che a poche ore dalla premiazione davvero pochissimi titoli sono fuori dai giochi.  

Advertisement

Venezia 76, i favoriti alla vittoria per la stampa italiana

Tra le pagine dei giornali italiani sembra davvero che Roman Polanski non abbia rivali: nei pagellini giornalieri L'ufficiale e la spia non teme rivali e secondo i critici e i giornalisti delle più importanti testate è un titolo senza difetti. Peccato che oltre oceano la pensino molto differentemente e alcuni giornalisti abbiano bollato la pellicola come appena discreta. Inoltre dopo le esternazioni della conferenza stampa di apertura di Lucrecia Martel, critica verso il regista polacco naturalizzato francese per via dei suoi trascorsi processuali, sembra improbabile che il Leone d'Oro vada proprio a lui. 

Advertisement
Rai Cinema
Una scena di J'accuse
J'accuse è stato molto amato dalla stampa italiana, ma ha davvero speranze di vittoria?

Un altro favorito di casa nostra è Martin Eden, lodatissimo da parte della stampa italiana e sostenuto anche da un'ala della compagine estera. Potrebbe piacere a Lucrecia Martel per il suo impegno politico e il suo rigore, ma davvero un film così intrinsecamente italiano e un po' sbavato sul finale può aspirare al premio più ambito? L'impressione al Lido è che il titolo di Marcello sia ben piazzato e potrebbe arrivare davvero qualcosa. Magari una coppa Volpi per Marinelli, sempre se Joaquin Phoenix con il suo Joker non ci mette lo zampino. Il film di Tood Phillips non dovrebbe avere speranze di vittoria: è troppo lontano dai gusti dei giurati. 

Alla convince guardare ai piccoli e battaglieri progetti autoriali, come The Painted Bird ma soprattutto Babyteeth, che ha diviso ma anche commosso e ha una direzione femminile. Attenzione anche ai giovani protagonisti dei due film per il premio Mastroianni. 

Biennale di Venezia
Una scena di Martin Eden
Martin Eden potrebbe davvero finire nel Palmares veneziano

Il titolo che i cinefili più giovani ribadiscono essere ancora in gara e potrebbe sorprendere tutti è Ema di Pablo Larraín. Ha diviso la stampa, certo, ma si sa, le giurie ragionano con la loro testa. Geograficamente e politicamente il film del regista cileno sembra un titolo che potrebbe piacere alla presidente di giuria, che inoltre potrebbe apprezzarne il femminismo iconoclasta e la profonda autorialità. 

I giochi insomma sono più aperti che mai. Sapremo ci vincerà il Leone d'Oro solo stasera 7 settembre 2019 a partire dalle ore 19:00, quando comincerà la cerimonia di premiazione di Venezia 76.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La statua del Joker di Joaquin Phoenix da 1300 dollari è pazzesca

Blitzway e Prime 1 Studio hanno finalmente mostrato la Museum Masterline statue ufficiale del Joker di Joaquin Phoenix, offerta al prezzo di ben 1300 dollari!
Autore: Marcello Paolillo ,
La statua del Joker di Joaquin Phoenix da 1300 dollari è pazzesca

Il Joker di Joaquin Phoenix è uno di quei personaggi entrati nell'immaginario collettivo in maniera così prepotente che è quasi impossibile dimenticarsene.

L'interpretazione dell'attore nel film diretto da Todd Phillips, vincitore di un premio Oscar come Migliore attore protagonista agli Academy Awards a febbraio 2020 (oltre alla statuina a Hildur Guðnadóttir per la Miglior colonna sonora), ha fatto il paio a degli incassi davvero sensazionali: parliamo infatti di una cifra complessiva ben superiore al miliardo di dollari in tutto il mondo.

Sto cercando altri articoli per te...