Chuck Norris contro le case farmaceutiche: 'Hanno avvelenato mia moglie'

Autore: Simona Vitale ,
Copertina di Chuck Norris contro le case farmaceutiche: 'Hanno avvelenato mia moglie'

Chuck Norris, l'amatissimo attore noto, tra le altre cose, per la serie TV Walker Texas Rangers, ha intrapreso una dura battaglia contro le case farmaceutiche, ree, a suo avviso, di aver avvelenato sua moglie.

Come ci svela Forbes, alcuni giorni fa l'attore e sua moglie Gena hanno presentato una denuncia presso la Corte Superiore di San Francisco, sostenendo che Gena sia stata avvelenata da agenti contrastanti a base di gadolinio (GBCA), utilizzati per la risonanza magnetica (MRI). Si tratta di una sostanza che viene usata per aiutare i radiologi a individuare tumori, infiammazioni, vasi sanguigni e l'approvvigionamento di sangue ad alcuni organi. I legali di Norris si sono scagliati contro McKesson Corporation, Bracco SpA e ACIST Medical Systems Inc., aziende che si occupano della produzione di macchinari e sostanze necessarie per la risonanza magnetica.

Advertisement

Chuck Norris insieme a Gena
Chuck Norris con la moglie Gena

Tutto ha avuto inizio nel 2012, quando Gena ha cominciato a sentirsi debole e ad avere fortissimi dolori. Norris ha accantonato la carriera per stare vicino alla donna e oggi la coppia si dice convinta che a causare i problemi di salute di Gena sia stato il liquido di contrasto utilizzato per la risonanza.

La moglie di Norris è stata ricoverata in ospedale dopo essersi sottoposta ad una risonanza di controllo per l'artrite remautoide. Si è ritrovata all'ospedale sei volte nelle settimane che seguirono la MRI, lottando per respirare, soffrendo di debolezza muscolare e dolori alle articolazioni. I medici non avevano idea di cosa potesse causare i suoi sintomi, ha detto Gena, inducendola a rivolgersi a Google per trovare spiegazioni al suo malessere.

La donna ha così sentito parlare di avvelenamento da gadolinio. 

I sintomi includono dolore, bruciore, formicolio e dolore alle ossa. Altri segni dell'avvelenamento sembrano essere torsione muscolare e debolezza, prurito alla pelle, problemi di equilibrio e alla vista.

Gena, per la precisione, si è sottoposta a tre risonanze e, di conseguenza, a tre iniezioni di gadolinio.

La donna ha dichiarato:

Ho cominciato a sentire gli effetti immediatamente. Dopo la terza risonanza ho notato con certezza che qualcosa non andava. Tutto è cominciato con una sensazione di intenso bruciore nel mio corpo, che non so descrivere, come se qualcuno mi avesse iniettato dell’acido.

La famiglia di Chuck Norris
Chuck Norris con la sua famiglia

Advertisement
Advertisement

Non ci sono prove ufficiali che suggeriscano un legame tra il gadolinio e i sintomi accusati da Gena.

A maggio la US Food and Drug Administration non ha trovato alcuna prova che il gadolinio conservato nel corpo possa essere dannoso.

Anche l'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha raggiunto la stessa conclusione nel mese di luglio 2017, ma ha raccomandato di sospendere alcuni coloranti a base di Gadolinio come precauzione, anche se questa decisione deve ancora essere confermata.

In una dichiarazione dello scorso anno, l'American College of Radiology ha affermato che gli agenti di contrasto a base di gadolinio sono stati utilizzati per diagnosi e terapie a partire dalla fine degli anni '80 in più di 300 milioni di pazienti in tutto il mondo, aggiungendo che la sostanza chimica in questione ha fornito "informazioni mediche cruciali e salvaguardanti la vita".

Chuck Norris insieme a sua moglie Gena
Chuck Norris insieme a sua moglie Gena

Lo studio legale che rappresenta Chuck Norris e Gena ha presentato numerose azioni legali nelle ultime settimane per conto anche di altre persone che affermano anche di aver subito avvelenamenti da gadolinio.

Advertisement

Nel frattempo, Chuck ha detto che continuerà a fare campagna per sensibilizzare contro l'avvelenamento da questa sostanza.

Ho rinunciato alla mia carriera cinematografica per concentrarmi su Gena, tutti i miei sforzi sono rivolti affinché lei rimanga in vita. Credo che questo problema sia molto importante.

L'attore ha chiesto 10 milioni di dollari di risarcimento per i problemi della moglie. Non ci resta che attendere per sapere come evolverà la vicenda.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Black Phone potrebbe avere presto un sequel

Black Phone 2 si farà quasi di certo: l'idea c'è già e se gli incassi saranno buoni Scott Derrickson è pronto a girare.
Autore: Elisa Giudici ,
Black Phone potrebbe avere presto un sequel

Se Black Phone avrà un buon risultato in termini d'incassi, potremmo presto vedere un sequel con protagonista Ethan Hawke nei panni del Rapitore. 

A rivelarlo è ScreenRant, che riporta una dichiarazione del regista Scott Derrickson. Il talentoso Derrickson, autore con un passato nel genere horror, ha spiegato che ci sarebbe già un'idea sul tavolo. A dare il là a un possibile sequel sarebbe lo stesso Joe Hill, scrittore horror e autore della storia breve da cui è tratto il film.

Sto cercando altri articoli per te...