Cinque attrici porno morte, il giallo

Autore: Alice Grisa ,

Il mondo del porno a stelle e a strisce sta vivendo un momento di grande sconcerto collettivo, che ha visto la morte di ben cinque attrici hard negli ultimi mesi. 

Shyla Stylez, August Ames, Yuri Luv, Olivia Lua e Olivia Nova sono state trovate morte in circostanze non del tutto chiarite. Erano donne di età diverse ma avevano una cosa in comune: lavoravano tutte nell'industria del porno americano, che negli ultimi tempi (complici lo sviluppo dei mezzi di comunicazione, la facilissima accessibilità ai film e il bullismo sui social) sta attraversando pesanti sconvolgimenti.

Advertisement

Come riporta IBT Uk, la prima a morire è stata Shyla Stylez, 35 anni: l'attrice, di origine canadese, è deceduta il 9 novembre a Los Angeles durante il sonno in circostanze non del tutto chiarite. Il caso ha suscitato scalpore e qualcuno ha paragonato il tragico destino della Stylez a Moana Pozzi, la cui fine rimane - dopo molti anni - ancora avvolta nel mistero.

Poi si è suicidata August Ames, 23 anni, dopo le accuse di omofobia ricevute sui social. La ragazza si era rifiutata di girare scene con un attore porno gay non per omofobia, aveva dichiarato, ma per questioni strettamente igienico-sanitarie: la Ames aveva spiegato di essere libera di decidere autonomamente del proprio corpo, ma poi evidentemente non ha retto l'ondata di critiche e insulti scatenatasi in rete contro di lei.

È seguito il decesso di Yuri Luv, 31enne losangelina trovata senza vita nel suo appartamento di Bellflower. Come riporta The Sun, gli inquirenti hanno stabilito che la donna sarebbe morta per un'overdose letale di droghe e farmaci.

Il 9 gennaio è morta Olivia Nova, appena 20enne. Lavorava nel mondo del porno dalla primavera 2017 ed è stata ritrovata senza vita a Las Vegas in seguito probabilmente a un'overdose di sonniferi.

L'ultimo caso invece è forse ancora più clamoroso e riguarda Olivia Lua, classe 1994, trovata morta nel rehab dove si era fatta ricoverare per combattere le dipendenze.

Advertisement

A rilasciare una dichiarazione riguardo l'ultima morte è stata l'agenzia della ragazza, LA Direct Models, che ha diffuso un comunicato.

Advertisement

La famiglia e gli amici intimi avevano una profonda preoccupazione per il numero di farmaci che le erano stati prescritti. Se le medicine sono state mischiate a droghe o alcol, è probabile che siano la causa della sua morte.

Perché tutte queste ragazze sono morte a distanza di pochi mesi? C'è chi parla di giallo e di risvolti oscuri, ma in realtà ci sarebbero da portare avanti due tipi di inchieste: quelle strettamente legate ai casi, alle circostanze delle morti prese singolarmente, ai quadri individuali di abusi di alcol, farmaci e sostanze stupefacenti, e quelle orientate a una riflessione omnicomprensiva sulle ultime degenerazioni del mondo dell'hard. 

Con il porno diventato un bene di consumo accessibile e con le star esposte al giudizio di chiunque sui social, è molto facile cadere in un baratro. Secondo qualcuno, il progresso dei mezzi di comunicazione non corrisponde a quello della mentalità, che tuttora rimane lontana da una frontiera di autentica liberalizzazione sessuale. È il parere di Valentina Nappi, intervistata da Huffington Post.

La libertà sessuale è spesso soltanto formale, solo teoricamente garantita dalla legge, ma in pratica una ragazza diciottenne sessualmente promiscua, sebbene in teoria abbia tutto il diritto di andare a letto con quante persone le pare, viene sottoposta di fatto a pressioni che per alcune potrebbero essere insopportabili. Le famiglie sono con tutta probabilità le prime responsabili.

Si riuscirà a interrompere questa inquietante catena?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Anche Robert Downey Jr. replica alle accuse di Tarantino

Leggi per sapere che cosa ha replicato Robert Downey Jr. in merito alle dichiarazioni che Quentin Tarantino ha fatto sui titoli prodotti da Marvel Studios.
Autore: Francesca Musolino ,
Anche Robert Downey Jr. replica alle accuse di Tarantino

Alcune dichiarazioni di Quentin Tarantino sui titoli prodotti da Marvel Studios hanno finito per alzare un polverone. Per questo motivo diversi attori che fanno parte del Marvel Cinematic Universe (MCU) si sono sentiti chiamati in causa e hanno voluto dire la loro in merito. 

Il primo che ha replicato a Tarantino è stato Simu Liu in qualità di protagonista del film Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli. Mentre in seguito anche Samuel L. Jackson che nell'MCU interpreta Nick Fury ha risposto alle parole pronunciate dal regista. Questa volta è il turno di Robert Downey Jr. attore che è conosciuto per il ruolo di Iron Man sempre all'interno dell'Universo Marvel.

Sto cercando altri articoli per te...