Come finisce I miserabili? La spiegazione dell'intenso finale del film

Autore: Elisa Giudici ,
Copertina di Come finisce I miserabili? La spiegazione dell'intenso finale del film

Arriva il 18 maggio 2020 in pay per view sulla piattaforma MioCinema e su Sky Primafila Premiere, dopo aver rastrellato riconoscimenti in mezza Europa (e una nomination agli Oscar). Non male per l'assoluto esordiente Ladj Ly, cosceneggiatore e regista di I miserabili, il film francese più amato dalla critica d'Oltralpe della scorsa annata. Un risultato meritato, che in un mese come maggio 2020 di lenta ripresa delle uscite cinematografiche di qualità, lo configura come il film da vedere di queste settimane. 

I miserabili è diviso tra thriller poliziesco e critica sociale di una Francia che, a ben vedere, non sembra poi lontanissima da quella ritratta da Victor Hugo nel suo celebre romanzo oltre un secolo e mezzo fa. A sorprendere nel film di Ladj Ly, che è vissuto nei luoghi immortalati dal film e ha assistito da testimone alle violenze della polizia assurte alle cronache internazionali nel 2008, è la capacità non comune nel giovane cineasta di fornire a ogni personaggio tratti profondamente positivi e caratteristiche negative. Nessuno è davvero buono o cattivo, né i poliziotti di strada né chi vive ai limiti della legalità nei palazzoni popolari dove è ambientata la vicenda. 

Advertisement

I miserabili I miserabili Stéphane è da poco entrato nella squadra anticrimine di Montfermeil, alla periferia di Parigi. Insieme ai nuovi colleghi Chris e Gwada, entrambi più esperti di lui, scopre rapidamente che esistono ... Apri scheda

Il film racconta il primo giorno di ronda di un novellino della squadra BAD (brigata anti droga) di nome Stéphane Ruiz, insieme agli stagionati colleghi Chris e Gwanda. Quando dal circo gitano della zona viene rubato un cucciolo di leone, i tre protagonisti dovranno tentare di ritrovarlo in 24 ore, per evitare che scoppino violenze tra i diversi gruppi etnici del quartiere. 

I miserabili risulta particolare memorabile per le concitate sequenze finali, che molti spettatori hanno paragonato a un film cult come The Raid. Oltre che a tenere lo spettatore incollato alla sedia, il finale del film lascia dietro di sé alcuni importanti domande e riflessioni sui protagonisti. Se siete curiosi di scoprire come va a finire I miserabili e come si possa interpretare l'ultima scena del film, proseguite la lettura di questo pezzo, ma occhio agli spoiler!

Advertisement

La scelta di Issa: il finale de I miserabili di Ladj Ly

Spoiler alert! Click to reveal Il lungo segmento finale de I miserabili si apre con Issa con il volto ancora tumefatto e alcuni ragazzini del quartiere che attendono l'automobile dei tre poliziotti della BAD. Dopo il furto andato a finire male del leoncino, Issa è stato buttato fuori casa dalla famiglia, rimanendo solo al mondo, con una serie di esperienze traumatiche scritte sul volto: il colpo a salve ricevuto in pieno volto, l'incontro con il leone nella gabbia dello zoo, le velate minacce con cui Chris gli ha imposto il silenzio. Queste esperienze hanno reso Issa un leader all'interno del gruppo, in grado di coalizzare tutti i giovani del quartiere in una vendetta collettiva. L'imàm aveva avvertito Stéphane: la rabbia per la violenza della polizia avrebbe presto o tardi presentato il conto. Quella di Issa e dei ragazzini del quartiere è però una vendetta generalizzata verso tutti i sistemi di potere che regnano tra i palazzoni popolari, non solo verso le forze dell'ordine. La macchina di Porco rosa viene quindi attaccata prima con delle pistole ad acqua, poi dallo stesso Issa, che tira una sorta di razzo artigianale nell'abitacolo, spingendo i tre poliziotti a rifugiarsi in un edificio vicino. La stessa sorte "pirotecnica" tocca all'ufficio del sindaco e all'auto dei complici di Chris nel malaffare locale. 
Lucky Red
Buzz osserva dallo spioncino
Il personaggio di Buzz è ricalcato sulla diretta esperienza di Ladj Ly
Entrando nell'edificio più vicino Stéphane, Gwada e Chris non sanno di essere caduti in trappola. I ragazzi si sono organizzati sui vari piani con armi rudimentali e rifiuti da lanciare loro contro, colpendoli con una grandinata di oggetti contundenti. Stéphane prova infruttuosamente a chiamare i rinforzi, mentre i due colleghi salgono ai piani più alti. Ad ogni rampa di scale però li attendono nuovi ragazzi e nuove trappole. A un certo punto Stéphane riesce a ricongiungersi con Gwada e Chris, che è stato ferito ad un occhio da alcune schegge di vetro. Il poliziotto bussa disperatamente alla porta più vicina chiedendo asilo. All'interno lo osserva dallo spioncino Buzz, il ragazzo che aveva filmato la scena di violenza della polizia con il drone (il personaggio ricalcato sull'esperienza diretta di Ladj Ly). Buzz riaggancia la sicura della porta, chiudendosi dentro e osservando la scena. Nel frattempo Issa ha raggiunto i tre poliziotti. Si comporta come il leader dei ragazzi e assale personalmente molte delle vittime adulte. Nella scena finale Issa accende una bottiglia molotov, pronto a lanciarla addosso ai tre poliziotti da distanza ravvicinata. Stéphane estrae la pistola, gliela punta contro e lo prega di fermarsi, lasciando a intendere che farà fuoco solo se costretto. Sull'indecisione di Issa e del poliziotto su cosa fare si chiude l'ultima scena del film, che lascia spazio alla citazione di Hugo: "Cari amici, ricordate questo: non ci sono erbe o uomini cattivi, ma solo cattivi coltivatori". 
Lucky Red
Il poliziotto punta l'arma contro Issa
Issa e Stéphane si fronteggiano nella scena finale di I miserabili: non sappiamo che decisione prenderanno

I miserabili è tratto da una storia vera?

I film di Ladj Ly è ispirato alle violenze perpetuate dalla polizia a Montfermeil nel 2008, di cui il regista fu giovanissimo testimone e che filmò in prima persona.

La storia principale è però fittizia e contiene alcuni rimandi narrativi all'omonimo romanzo di Victor Hugo I miserabili, senza però esserne la rielaborazione in chiave moderna.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Tick, Tick... Boom!, 10 film da vedere se ti è piaciuto il musical Netflix

Hai già visto il film di Lin-Manuel Miranda con uno strepitoso Andrew Garfield e cerchi qualche altro musical (ma non necessariamente) in cui perderti? Ecco una lista di titoli da recuperare se sei stregato dagli intrecci tra cinema e teatro, arte e vita.
Autore: Alessandro Zoppo ,
Tick, Tick... Boom!, 10 film da vedere se ti è piaciuto il musical Netflix

È difficile restare impassibili davanti a Tick, Tick... Boom!, l'emozionante musical Netflix che segna l'esordio alla regia di Lin-Manuel Miranda. Adattamento dell'omonimo spettacolo autobiografico andato in scena Off-Broadway prima del successo internazionale, Tick, Tick... Boom! ripercorre la vita del compositore Jonathan Larson, interpretato da uno stupendo Andrew Garfield.

Gli amanti dei musical hanno segnato in agenda come un appuntamento imperdibile l'uscita di #Tick, Tick... Boom!, un omaggio alla memoria del geniale creatore di Rent. Per assecondare questo gusto ed approfondire altri musical, intrecci tra cinema e teatro, titoli musicali basati su storie vere o che esplorano le difficoltà del processo creativo, ecco dieci film simili che aspettano soltanto di essere scoperti.

Sto cercando altri articoli per te...