Con Zombicide uccidere i non morti diventa un gioco da tavolo

Autore: Lorenzo Bianchi ,

Prendete i film sui morti viventi di George Romero, l'apocalittica atmosfera di 28 Giorni Dopo di Danny Boyle, gli zombie di Resident Evil e mischiateli insieme. Quello che ne esce è Zombicide, uno dei giochi da tavolo più apprezzati degli ultimi anni, una vera e propria "esperienza ludica" in grado di farvi provare le stesse emozioni vissute dai protagonisti di The Walking Dead.

La trama è molto semplice: l'apocalisse zombie è esplosa sulla Terra e per il genere umano sembra ormai non esserci più speranza. Fortunatamente, non tutti sono stati contagiati da questa terribile pandemia: sono 6 i sopravvissuti - almeno nell'edizione base del gioco - chiamati a respingere l'immonda orda di non morti, sei diverse figure che dovrete aiutare a portare a termine numerosi obiettivi in completa collaborazione con i vostri amici.

Advertisement

Il bello di Zombicide sta nel fatto che tutto questo non dovrete immaginarlo, ma viverlo: il ricco scatolone del gioco contiene infatti ben 71 miniature e uno scenario a tessere componibili, oltre a un gran numero di carte e segnalini - dalle automobili alle porte d'ingresso - con cui potrete rendere unica ogni partita.

Una delle particolarità più interessanti di Zombicide è che è pensato per gruppi fino a 6 giocatori ma può essere tranquillamente affrontato anche in solitaria. In questo caso non controllerete più un solo sopravvissuto ma quattro, lasciando così invariato il sistema di gioco basato sulla collaborazione tra personaggi.

Le missioni che sarete chiamati ad affrontare consistono solitamente nell'esplorazione di determinati punti della mappa o nel riuscire a restare in vita dopo aver recuperato determinati oggetti. Ogni sopravvissuto ha a disposizione una serie di azioni - muovere, cercare, fare rumore, aprire una porta, combattere a distanza o in mischia e altre - per portare a termine questi obiettivi, azioni che risulteranno fondamentali anche quando dovrete fronteggiare le decine di non morti che popolano i vostri scenari.

A differenza dei giochi da tavolo di questo filone, in cui spesso è uno dei giocatori a guidare la fazione nemica, qui gli zombie vengono generati attraverso delle specifiche carte e si muovono e combattono in modo autonomo. La loro uccisione permette ai sopravvissuti di guadagnare punti esperienza e acquisire nuove abilità, ma al contempo dà modo ai non morti di generarsi in quantità sempre maggiori.

Advertisement

Le sessioni di gioco non hanno una durata prestabilita: essa varia in relazione alla complessità dello scenario scelto e alla velocità con cui i raggiungerete l'obiettivo finale. In linea di massima, si va dai 40-60 minuti per gli scenari per i principianti alle 2-3 ore per quelli per gli esperti.

La scatola di gioco di Zombicide

La scatola base del gioco, disponibile anche in italiano grazie ad Asterion, contiene:

Advertisement
  • 6 miniature dei sopravvissuti con relative schede personaggio
  • 65 miniature zombie, suddivise in Deambulanti, Grassoni, Corridori e il gigantesco Abominio
  • un tabellone di gioco modulare composto da 9 tessere quadrate illustrate fronte-retro
  • 110 mini-carte, suddivise in 62 carte equipaggiamento, 42 carte zombie e 6 carte ferito
  • 76 segnalini tra automobili, porte, obiettivi, segnali di rumore
  • 6 dadi e 6 segna esperienza
  • Un regolamento con 10 missioni

Se tutto questo non vi basta, sappiate che l'esperienza di gioco di Zombicide può essere ampliata attraverso add-on - che vanno dai semplici set aggiuntivi contenenti personaggi e zombie fino a vere e proprie espansioni - o variata in salsa fantasy grazie allo spin-off Black Plague, ambientato nel Medioevo.

In occasione dell'ormai imminente Lucca Comics & Games, Asterion ha annunciato che presenterà al pubblico molti componenti aggiuntivi proprio per quest'ultima versione del gioco: tra essi spiccano le Special Guest Box, confezioni contenenti nuovi personaggi disegnati dai più grandi illustratori di tutto il mondo.

I personaggi della Special Guest Box dedicata al disegnatore italiano Gipi
Le quattro miniature che troverete nella Special Guest Box dedicata al disegnatore italiano Gipi

Se siete curiosi di osservare da vicino tutte queste splendide miniature, non vi resta che recarvi allo stand di Asterion durante il Lucca Comics & Games, situato come ogni anno all'interno dell'area dedicata proprio ai giochi da tavolo (padiglione Carducci). Che la caccia agli zombie abbia finalmente inizio!

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Anche Robert Downey Jr. replica alle accuse di Tarantino

Leggi per sapere che cosa ha replicato Robert Downey Jr. in merito alle dichiarazioni che Quentin Tarantino ha fatto sui titoli prodotti da Marvel Studios.
Autore: Francesca Musolino ,
Anche Robert Downey Jr. replica alle accuse di Tarantino

Alcune dichiarazioni di Quentin Tarantino sui titoli prodotti da Marvel Studios hanno finito per alzare un polverone. Per questo motivo diversi attori che fanno parte del Marvel Cinematic Universe (MCU) si sono sentiti chiamati in causa e hanno voluto dire la loro in merito. 

Il primo che ha replicato a Tarantino è stato Simu Liu in qualità di protagonista del film Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli. Mentre in seguito anche Samuel L. Jackson che nell'MCU interpreta Nick Fury ha risposto alle parole pronunciate dal regista. Questa volta è il turno di Robert Downey Jr. attore che è conosciuto per il ruolo di Iron Man sempre all'interno dell'Universo Marvel.

Sto cercando altri articoli per te...