Di cosa parla Tyrant, la serie TV che arriva su Disney+

Autore: Carlo Lanna ,
Copertina di Di cosa parla Tyrant, la serie TV che arriva su Disney+

L’epoca dopo dello streaming legale e a pagamento è una ghiotta occasione per recuperare alcune serie TV che si sono perse nell’etere, solo perché nate e concepite in un tempo in cui la serialità era fruita solo attraverso il piccolo schermo. Netflix, Amazon Prime Video e ora Disney+ sono solo alcuni dei colossi che, insieme a novità molto attese, ripropongono vecchi cult che vale la pena di riscoprire. Come la serie di Tyrant, che arriva sul catalogo di Disney+ ma tra le pagine di Star, dove si possono trovare tutte e tre le stagioni prodotte.

Advertisement

La prima stagione della serie è andata in onda negli Usa nel lontano giugno del 2014 sul canale della F/X, lo stesso che oggi trasmette il franchise di American Horror Story. In Italia è arrivata per la prima volta nel 2015, a maggio per l’esattezza, per una trasmissione ordinaria sul canali di FOX. Poi il nulla, almeno fino ad oggi. Tyrant è una serie imperfetta, non è esente da difetti, ed è stata aspramente criticata perché ritenuta troppo violenta, eppure è riuscita a restare a galla e a guadagnarsi un posto di tutto rispetto in un affollato panorama televisivo.


 
Tyrant: la trama della serie TV

Disney+
Tutta la serie completa di Tyrant è su Disney+

Al centro della vicenda ci sono le storie della famiglia Al-Fayeed. Vivono nel lusso e spadroneggiano su un terra scossa da rivolte e malcontenti. Il figlio più grande, che da tempo ha deciso di lasciare Abbudin per costruirsi una nuova vita in America, torna in Arabia con la sua famiglia alla vigilia del matrimonio del nipote Ahmad. Nonostante cerca di stare lontano dalle beghe familiari, si lascia coinvolgere dal fratello in una sfrenata lotta per il potere.

Tyrant Tyrant Bassam ‘Barry’ Al-Fayeed, il figlio più giovane del controverso dittatore di un paese devastato dalla guerra, torna in patria per il matrimonio del nipote dopo un esilio volontario di 20 ... Apri scheda

Advertisement

Bassan, interpretato da Adam Rayner, uomo dal carattere pacato e dal grande acume, cerca di tenere i nervi saldi e stare quando più lontano possibile dagli intrighi di palazzo e le sordide macchinazioni del fratello. Abbudin, però, è una città instabile. Una polveriera pronta ad esplodere e Bassan non deve far altro che tenere a bada la sua famiglia senza farsi coinvolgere una dilaniante lotta di classe e politica.


 
Intrighi politici sotto il cielo dell’Arabia Saudita

Disney+
Su Disney+ c'è la serie completa di Tyrant

Creata da Gideon Raff, regista, sceneggiatore e produttore originario di Gerusalemme ma trapiantato in America, e prodotta dal creatore di Homeland, la serie TV regala uno spaccato di vita della società Medio Orientale. Uno spaccato di vita truce, violento, dissipato, in cu vige la legge del più forte. Ma l’espediente narrativo è un altro. In principio c’era la voglia di riproporre il tema base de Il Padrino, raccontando la storia di un uomo che suo malgrado si è trovato invischiato nei sordidi affari di famiglia.

Advertisement

La miscela funziona, almeno all’inizio, ma alla spettacolarizzazione della storia perde la sua peculiarità nel corso della narrazione. Alle tematiche politiche, infatti, Tyrant fa spazio alle vicende intime e personali di una famiglia allo sbaraglio. La serie, molto presto, si trasforma in una soap-opera elitaria che rincorre il più becero colpo di scena. Le critiche sono arrivate proprio per questo motivo. Alla terza stagione e dopo un brusco calo di ascolti, Tyrant è stata cancellata senza un degno finale.


Tyrant, da vedere perché…

Disney+
Perché vedere Tyrant

Nonostante le aspre critiche arrivate dalla stampa di settore, la serie ha comunque un suo valore. Non solo ha la capacità di fotografare tutta la cultura saudita, ma attraverso le storie della famiglia Al-Fayeed si ha l’opportunità di raccontare i temi caldi della società di oggi. Infatti, Tyrant apre una parentesi sulla figura della donna in Medio Oriente, sulla politica locale e di espansione, sull’omosessualità, sul lifestyle moderno che si scontra con la tradizione.
 

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

The Walking Dead 11, dove eravamo rimasti [RIASSUNTO]

Leggi per ricordare in che modo si era conclusa la seconda parte della stagione undici di The Walking Dead, che ritorna su Disney+ per il gran finale.
Autore: Francesca Musolino ,
The Walking Dead 11, dove eravamo rimasti [RIASSUNTO]

La serie TV di The Walking Dead è giunta alla sua conclusione con la stagione undici, di cui sono già state trasmesse le prime due parti. Dal 3 ottobre 2022 su Disney+ sarà disponibile anche la terza e ultima parte con cui terminerà sia la stagione in corso che la serie. Visto che ci sono state due pause nel mezzo e diversi mesi di distanza tra un blocco di episodi e l'altro, può essere utile fare mente locale sugli eventi principali dei primi sedici episodi già trasmessi e su dove si era momentaneamente conclusa la trama.

Premessa

  • La decima stagione di The Walking Dead è incentrata sulla guerra contro i Sussurratori: negli episodi finali fa il suo ritorno Maggie, che viene avvisata del pericolo che incombe sul gruppo, tramite una lettera scritta da Carol dopo il terribile evento delle picche. Tutte le comunità unite, con l'aiuto anche di Negan e di Maggie con il suo nuovo gruppo, alla fine vincono la battaglia. 
  • Su un altro frangente il trio composto da Eugene, Yumiko ed Ezekiel è in viaggio per raggiungere Stephanie, la misteriosa donna che Eugene ha conosciuto via radio e di cui si è invaghito. Lungo la strada incontrano Principessa, un'eccentrica ragazza che da molto tempo vive da sola e fa quindi di tutto per farsi accettare dal trio e unirsi al loro viaggio. Una volta giunti tutti insieme sul luogo dell'appuntamento, si ritrovano accerchiati da alcuni soldati in armatura che dopo averli catturati, li conducono da chi di dovere per essere sottoposti a degli interrogatori.
  • Dopo che Michonne parte alla ricerca di Rick, in quanto trova delle sue tracce nei pressi dell'isola in cui vive un uomo di nome Virgil, quest'ultimo decide di tornare ad Oceanside, il luogo del loro primo incontro. Durante il tragitto si imbatte in Connie, sopravvissuta all'esplosione nella grotta di Alpha, alla quale presta soccorso.

Stagione undici: dove eravamo rimasti

Sto cercando altri articoli per te...