Creed III sarà l'ultima volta di Rocky sul grande schermo?

Autore: Emanuele Zambon ,
Copertina di Creed III sarà l'ultima volta di Rocky sul grande schermo?

C'è un tempo per tutto. E nonostante la volontà sia ferrea, col passare dell'età il corpo inizia a mostrare il peso degli anni. Lo sa bene Sylvester Stallone, una delle star hollywoodiane più amate (ma anche criticate) di sempre. Nonostante stia per volare in Bulgaria per le riprese di Rambo 5, Sly potrebbe presto far calare il sipario sulla sua carriera di action man.

Almeno questo è ciò che è trapelato da un'intervista esclusiva dell'attore di Rocky a Radar Online, rilasciata in occasione dell'imminente arrivo nelle sale americane di Creed II. Si tratta del sequel di Nato per combattere, primo spin-off della saga rockiana che vede protagonista Michael B. Jordan nei panni di Adonis, figlio del leggendario Apollo Creed, prima rivale e poi amico inseparabile di Balboa.

Advertisement

Sylvester Stallone, dopo Creed II l'ultima di Rocky?

Sly è tornato a parlare del probabile addio a Rocky, il personaggio che lo ha consacrato star mondiale. Già qualche settimana fa l'attore - all'El Gouna Film Festival (20-28 settembre) - si era espresso al riguardo, lasciando intendere un sempre più vicino e doloroso stop col boxeur di Philadelphia ("Continuerei a farlo fino a che non diventi polvere. È davvero triste, è come dire addio ad un vecchio amico").

Con quelli di Radar Online, invece, l'attore si è lasciato andare ad una riflessione più ampia sul cinema di questi tempi e sui cambiamenti in atto nel settore. L'attore si è detto poco stimolato dai film di oggi. Le pellicole moderne sembrano non ispirarlo e, per di più, a Hollywood pare esserci più posto per i cineasti anticonformisti:

Advertisement

È un mondo completamente diverso rispetto a quando iniziai. Non c'è più ispirazione. È tutto così matematico, studiato a tavolino per vendere un prodotto. Non farebbero più Rocky oggi, se pure decidessero di realizzarlo, verrebbe fuori un piccolo film indie. Non so neppure se il pubblico oggi sarebbe così ricettivo come lo fu allora.

Uno Sly poco in sincronia (e sintonia) col cinema moderno, quello apparso nell'intervista. Allo stesso tempo, l'attore di Rambo è apparso orgoglioso come sempre del franchise Rocky: "Sono stati realizzati oltre 300 film di boxe e nessuno di loro ha avuto successo. Ai tempi non avevo in mente un film di pugilato, Rocky è una storia d'amore e il protagonista ha la stoffa del campione. Questi sono gli ingredienti della storia e all'epoca funzionò".

Creed III, l'ultima di Sly

Vedremo ancora lo "stallone italiano" Balboa in Creed II, sequel di Nato per combattere in arrivo nelle sale italiane il 24 gennaio 2019. Stallone, come anticipato, si è soffermato sul sempre più probabile addio al personaggio che, a meno di clamorosi ripensamenti, dovrebbe avvenire con Creed III, ultimo capitolo della trilogia spin-off dedicata all'Adonis di Michael B. Jordan. "Sono pronti per partire con Creed III. Dopo spero che il coach Balboa possa andare in pensione", ha rivelato Sly. Nelle scorse ore l'attore ha condiviso un ricordo su Instagram che risale ai tempi di Rocky IV.

Balboa vs Drago, fuori i secondi (33 anni dopo)

Nello scatto, rarissimo, appaiono Stallone e Dolph Lundgren sul set del film del 1985. Il Rocky che osserviamo è esausto, sfinito dai colpi massacranti del giovane attore svedese, l'Ivan Drago del film. Sly ha parlato di quell'esperienza come una "delle più fisiche della sua carriera di regista e attore".

I due si ritroveranno faccia a faccia sul ring - ma stavolta come preparatori - in Creed II. Nel cast, oltre ai già citati Jordan, Stallone e Lundgren, anche Tessa Thompson, Florian Munteanu, Phylicia Rashad, Andre Ward e Wood Harris.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Ecco perché Sylvester Stallone non sarà in Creed III

Scopri perché Sylvester Stallone non fa parte del cast di Creed III. A rivelarlo è l'attore americano in una intervista.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Ecco perché Sylvester Stallone non sarà in Creed III

Più o meno come Star Wars, la saga di Rocky va avanti dal 1976 e, tranne una piccola battuta d'arresto, il franchise ideato da Sylvester Stallone non si è mai spento e ancora continua a far parlare di sé. Dopo più di 40 anni il protagonista della saga non è più Rocky o un suo diretto erede ma è il figlio di Apollo Creed ossia Adonis interpretato da Michael B. Jordan.

La nuova saga incentrata sul figlio naturale del grande amico di Rocky, morto sul ring in Rocky IV, è già uscita nei cinema con due film e un terzo è in uscita negli Stati Uniti il prossimo 23 novembre 2022. Sylvester Stallone però non ci sarà. L'attore lo aveva annunciato un anno fa ma non aveva rivelato il perché. Questo fatto segna un evento importante, dato che sarà la prima volta che Rocky Balboa non apparirà in un film del franchise.

Sto cercando altri articoli per te...