Dawson che piange: tutto sul MEME (e cosa ne pensa James Van Der Beek)

Autore: Redazione NoSpoiler ,
Copertina di Dawson che piange: tutto sul MEME (e cosa ne pensa James Van Der Beek)

Pochi MEME vivono abbastanza a lungo da spegnere la prima candelina; ma ce ne sono alcuni che - per così dire - "entrano nella leggenda", senza mai smettere di annoiare gli internauti.

Era il 24 maggio del 2000 quando negli Stati Uniti andava in onda l'episodio di Dawson's Creek che avrebbe fatto entrare in questo Olimpo la GIF di Dawson che piange. Ancora oggi, l'immagine di James Van Der Beek che si dispera è usatissima sui social media per esprimere tutta l'angoscia, la costernazione e lo sconforto che gli eventi delle timeline su Facebook ci fanno provare.

Advertisement

Ma quando e come è nato esattamente questo MEME? E che cosa ne pensa James Van Der Beek dell'eredità che ha lasciato al popolo del web? La reunion per i 20 anni di Dawson's Creek ci ha dato l'occasione di riscoprirlo.

L'episodio con la scena con Dawson piangente

Il video che spesso vediamo circolare sul web che ci mostra un Dawson in lacrime è tratto dal finale della terza stagione di Dawson's Creek.

Per la precisione si tratta dell'episodio numero 23, "Pacey o Dawson?" ("Tue love", nell'originale). Solo questo titolo dovrebbe farvi intuire che cosa ha spezzato il cuore del nostro protagonista.

La GIF di Dawson che piange
Dawson piange per sempre

Mentre i genitori di Dawson rinnovano i loro voti di matrimonio, Joey (Katie Holmes) ha una conversazione con Dawson - e finisce per strappargli il cuore (metaforicamente, s'intende, anche se dalla reazione di lui non sembrerebbe). La ragazza rivela infatti i suoi sentimenti per Pacey (Joshua Jackson). Mentre Dawson la guarda allontanarsi, cade preda dello sconforto e inizia a piangere nel modo che ormai conosciamo benissimo.

Ecco la scena originale nella sua interezza:

James Van Der Beek svela le origini delle lacrime di Dawson

Nel corso degli anni, James Van Der Beek si è ritrovato diverse volte a parlare del MEME che vede protagonista il suo personaggio.

Advertisement

Durante un'intervista rilasciata nel 2012 a The Huffington Post l'attore ha rivelato di essere stato colto di sorpresa dalla popolarità di "Crying Dawson", com'è noto negli Stati Uniti:

È una di quelle cose che succedono e basta. Dal momento in cui mi sono accorto della sua esistenza ci ho riso tantissimo sopra. Lavori per sei anni, e fai oltre 100 episodi o quello che sono, e poi tutto si riduce a una clip di 4 secondi! [RIDE]

Advertisement

Van Der Beek ricorda bene quando ha girato la scena per diversi motivi. Primo, perché si trattava di un finale di stagione. E poi perché, secondo il copione originale, Dawson non avrebbe dovuto piangere! La reazione del personaggio è stata "aggiunta" all'ultimo momento dall'attore stesso, che si è ritrovato in lacrime quasi senza sapere come.

È una di quelle cose che succedono quando interpreti un personaggio per così tanto tempo. [...] Mi ricordo che ero davvero sorpreso, perché era stata una cosa spontanea. Il fatto che adesso la usino per prendersi gioco di me è divertentissima!

L'attore è tornato sull'argomento anche nel corso di una video-intervista al The Nightly Show, in cui ha parlato del fenomeno in compagnia dello chef Gordon Ramsay, che ha ricreato il MEME in diretta. Potete vedere la divertente scena nel video qui sopra.

Le parodie di Dawson che piange

James Van Der Beek è in prima fila quando si tratta di parodiare il MEME che lo vede protagonista.

Prima della già citata parodia al fianco di Gordon Ramsay, l'attore ne aveva realizzata anche un'altra. L'anno era il 2011, e i suoi complici erano i ragazzi di Funny or Die, che l'avevano coinvolto nella realizzazione di un video in cui lui promuoverla un nuovo servizio, mettendo a disposizione il proprio volto per creare nuove GIF.

Advertisement

La parodia era associata anche a un sito internet, www.jamesvandermemes.com, dove i visitatori potevano creare i loro "Vandermemes".

I MEME di Crying Dawson

Non è solo Van Der Beek che si diverte a generare parodie della GIF con Dawson.

Su internet si trovano diversi siti dedicati alla generazione di MEME personalizzati, e Dawson che piange rimane uno dei soggetti più popolari di sempre. Sarà per l'onestà che traspare dalla sua espressione addolorata? Sarà perché più lo fissiamo più ci risulta comico? In ogni caso, ecco la base che ha dato il via a un numero incalcolabile di parodie:

Il MEME intramontabile di Dawson piangente
Quando la disperazione provoca felicità: Dawson che piange è ormai un mito

Dite la verità: anche voi vi siete fatti due risate alle spalle di questo povero disperato, almeno una volta nella vita!

Una cosa comunque è certa: se mai un giorno dovesse arrivare un reboot di Dawson's Creek, sarà difficile mostrarci qualcosa che superi l'epicità di questo MEME.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza surreale [RECENSIONE]

Leggi la recensione del lungometraggio Blonde dedicato alla vita di Marilyn Monroe, disponibile su Netflix dal 28 settembre 2022.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza surreale [RECENSIONE]

La prima cosa da sapere prima di guardare su Netflix Blonde è che questo è in tutto e per tutto un film e non un documentario sulla vita di Marilyn Monroe. Quindi i fatti, narrati dallo sceneggiatore e regista Andrew Dominik e basati sul romanzo omonimo di Joyce Carol Oates, "prendono in prestito" dalla vita della bionda più famosa del cinema alcuni momenti di vita personale e pubblica. Su di essi è stata costruita una storia drammatica e in parte sconvolgente, soprattutto per chi si è sempre fermato all'abbagliante immagine di Marilyn Monroe senza documentarsi oltre.

Blonde ha lo scopo di portare alla luce la doppia vita di Marilyn: la star bella e appariscente e la donna estremamente fragile che le ha dato vita. Marilyn Monroe nasce come Norma Jeane ma le due personalità sono completamente all'opposto, separate da pensieri, atteggiamenti e parole. Norma è una bambina cresciuta senza un padre e con una madre rancorosa, lei è sempre stata una donna sola mentre Marilyn è sempre stata circondata da ammiratori, fotografi e amanti. Norma Jeane non ha mai avuto un vero e proprio disturbo dissociativo della personalità, o almeno non le è mai stato diagnosticato, ma il distacco emotivo vissuto da Norma verso Marilyn è stato sempre più forte e forse decisivo anche nella sua dipartita.

Sto cercando altri articoli per te...