Death Stranding al Comic-Con: nuovi dettagli e Hideo Kojima bloccato alla dogana per il pod del bambino!

Autore: Stefania Sperandio ,
Copertina di Death Stranding al Comic-Con: nuovi dettagli e Hideo Kojima bloccato alla dogana per il pod del bambino!

Hideo Kojima è stato tra i protagonisti del Comic-Con di San Diego grazie a un panel nel quale ha parlato del suo atteso Death Stranding in compagnia del giornalista e moderatore Geoff Keighley e del regista Nicolas Winding Refn – che nel gioco vestirà i panni del personaggio di Heartman. Proprio quest'ultimo è stato oggetto delle più importanti rivelazioni arrivate dalla kermesse.

Un personaggio dal cuore unico

Kojima ha spiegato che dietro al nome di Heartman ci sia il fatto che quest'uomo abbia un cuore particolare e unico. Il suo battito cardiaco si ferma infatti esattamente ogni ventuno minuti. Per questo motivo, Heartman vive perennemente collegato a un defibrillatore, indispensabile per mantenerlo in vita.

Advertisement

Kojima Productions
Nicolas Winding Refn in Death Stranding
Il personaggio di Heartman, che avrà il volto di Nicolas Winding Refn

Legato a questi intervalli temporali, l'uomo trascorre la sua vita a guardare film o ascoltare musica che possano rientrare nell'intervallo dei ventuno minuti, prima del prossimo arresto cardiaco.

L'aspetto che il gioco sottolineerà particolarmente della sua condizione di salute sarà il fatto che quando il battito di Heartman si ferma, lui è in grado di viaggiare nell'altro mondo – quello oscuro e popolato dalle creature arenarie che abbiamo visto essere protagonista di numerosi trailer del gioco.

Impegnato nelle lande dei morti, in attesa che il suo cuore riprenda a battere, Heartman cerca così per sessanta volte al giorno di mettersi sulle tracce della sua famiglia, prima che il defibrillatore lo rianimi e lo riporti nel mondo dei vivi.

L'idea Keanu Reeves e il pod del bambino

Nel corso del panel, Refn ha anche rivelato che, quando Kojima gli propose l'idea di scritturare Mads Mikkelsen, lui rispose suggerendo invece il nome di Keanu Reeves, reclutato poi da CD Projekt RED. Sappiamo che l'idea non è andata in porto e che sarà l'attore danese a far parte del cast del gioco, dove interpreterà il personaggio di Cliff.

Advertisement

Kojima Productions
Norman Reedus in Death Stranding
Norman Reedus sarà Sam Porter Bridges

C'è anche un'altra curiosità che arriva dal Comic-Con, oltre alla copertina ufficiale di Death Stranding: per presenziare all'evento, Kojima ha deciso di portare con sé dal Giappone il (gigantesco) pod del bambino, ormai simbolo del gioco e incluso nella Collector's Edition venduta ai fan. Quando si è presentato alla dogana statunitense con quell'oggetto, però, il game designer non ha potuto fare a meno di attirare l'attenzione: gli agenti gli hanno così chiesto di poter esaminare il pod, per capire cosa stesse cercando di introdurre negli Stati Uniti.

Advertisement

Per fortuna, il pod è riuscito ad arrivare sano e salvo fino al Comic-Con, dove Kojima lo ha mostrato orgogliosamente ai fan presenti.

Il bisogno di stare uniti

Death Stranding vi porrà nei panni di Sam Porter Bridges (Norman Reedus), chiamato a tentare di riunire le persone in un'America mai così divisa e concentrata sui muri, anziché sui legami tra esseri umani.

Il titolo sarà un open world d'azione in cui il giocatore potrà decidere di esplorare liberamente gli scenari e di evitare del tutto lo scontro con i nemici, dal momento che uccidere avrà sempre delle conseguenze. Kojima ha già anticipato che non ci sarà un game over: in caso di morte del protagonista si giocherà nell'oltretomba, nel disperato tentativo di trovare un modo per tornare indietro.

Kojima Productions
La confezione standard e la steelbook di Death Stranding

Nel ricchissimo cast di Death Stranding troveremo anche Guillermo del Toro (Deadman), Lea Seydoux (Fragile), Lindsay Wagner (Amelie), Tommy Earl Jenkins (Die-Hardman), Margaret Qualley (Mama) e Troy Baker (Higgs). Il gioco sarà la prima opera di Hideo Kojima dall'addio a Metal Gear e a Konami, oltre a essere la prima firmata dalla nuova Kojima Productions.

Advertisement

L'appuntamento con Death Stranding è fissato per il prossimo 8 novembre, quando il gioco arriverà esclusivamente su PlayStation 4.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Boyega lamenta di non essere stato difeso come Moses Ingram da Lucasfilm

Leggi cosa ha dichiarato l'attore di Star Wars John Boyega sul recente approccio di Lucasfilm in merito agli insulti razzisti
Autore: Giulia Angonese ,
Boyega lamenta di non essere stato difeso come Moses Ingram da Lucasfilm

John Boyega, attore di Star Wars, è recentemente tornato sul problema degli insulti razzisti ricevuti dal fandom della celebre saga. Ma facciamo prima un breve riassunto per avere chiara la situazione. 

A fine maggio, quando sono stati rilasciati da Disney Plus i primi episodi di Obi-Wan Kenobi, Moses Ingram, protagonista della serie nel ruolo dell’Inquisitrice Reva Sevander, è stata vittima, sui social, di centinaia di insulti razzisti e minacce di morte. Lucasfilm e l’intero mondo di Star Wars hanno immediatamente dato supporto all’attrice: l’account twitter del franchise ha condiviso un video dove Ewan McGregor, interprete del maestro Jedi, si dice nauseato dalla situazione e condanna, con toni aspri, il razzismo nei confronti della collega. 

Sto cercando altri articoli per te...