Dietro le ombre di Deep State: viaggio nella serie in arrivo su FOX

Autore: Chiara Poli ,

Una serie complessa, ambiziosa, fortemente ancorata all'attualità: il cast artistico e tecnico di #Deep State in questo speciale dietro le quinte ci parla dei punti di forza del nuovo titolo di FOX, in arrivo il 9 aprile alle 21.50. Firmata da Simon Maxwell (Off the Hook) e Matthew Parkhill (Rogue, The Caller), Deep State è stata girata principalmente nel Regno Unito, dove prende il via.

L'ex agente del MI6 Max Easton (il sempre bravo Mark Strong) viene di nuovo coinvolto dall'intelligence britannica dopo la morte del figlio. Con la promessa di poter vendicare i responsabili della morte del ragazzo, Max si ritrova implicato in una cospirazione internazionale con uno scopo molto poco nobile: sfruttare economicamente l'instabilità politica del Medio Oriente.

Advertisement

Una Spy Story tra azione e introspezione

Legandosi a temi attuali e scottanti, Deep State ci racconta come le forze militari o i servizi segreti siano in grado di operare senza il benestare dell'autorità politica. Anzi: senza che l'autorità venga informata delle loro mosse.

Strong, che ha definito il suo personaggio come un James Bond fuori allenamento perché fuori dai giochi da ormai un decennio, ha più volte sottolineato come la storia si concentri, oltre che sull'evidente componente spionistica e d'azione, soprattutto sulla difficoltà del protagonista e degli altri personaggi coinvolti di condurre una doppia vita.

Gli agenti segreti non possono condividere con le loro famiglie alcuna informazione, e spesso sono addirittura costretti a mentire sulla reale natura del loro lavoro, per una questione di sicurezza.

Dopo essere finalmente uscito dal giro, e aver vissuto come una persona "normale", Max Easton si ritrova di nuovo in mezzo a dinamiche dalle quali era ben lieto di stare lontano. Dovrà prendere decisioni estremamente difficili e imparare di nuovo a destreggiarsi fra la vita dell'agente letale e quella del padre di famiglia.

<p>Anna Easton, interpretata da Lyne Ren&eacute;&eacute; in Deep State</p> Gallery: Il cast di Deep State

Advertisement

Il grande business delle guerre in Medio Oriente

Matthew Parkill, in alcune ormai celebri interviste, ha raccontato di aver avuto l'idea per il soggetto dopo aver letto un articolo che raccontava di come una società texana era riuscita a guadagnare qualcosa come 40 miliardi di dollari grazie alla guerra in Iraq.

Documentandosi sull'ingente, e spesso inimmaginabile, giro d'affari che sta dietro a ogni guerra, la storia di Deep State è nata per raccontarci una realtà scomoda, di cui l'opinione pubblica è spesso tenuta all'oscuro: l'agghiacciante spettro del Deep State.

Advertisement

Mentre la vita di migliaia di persone diventa un incubo, in Deep State pochi eletti fanno affari d'oro e trovano il modo di guadagnare sulla pelle di civili che nulla hanno a che fare con ideali o ragioni di Stato. Il dominio assoluto del Dio Denaro, unico vero re incontrastato della società moderna, passa anche attraverso questo: la capacità di nascondere perfino al proprio Governo il modo in cui si pagano i conti.

E si arricchiscono i soliti noti...

Possiamo affermare che ce n'è abbastanza per non dimenticare l'appuntamento con l'episodio pilota di Deep State su FOX il 9 aprile. Voi riuscirete a distinguere la verità dalla finzione?

[QUIZ]

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

House of the Dragon al buio, HBO risponde ai fan furiosi

Leggi per scoprire come mai i fan di House of the Dragon si sono tanto arrabbiati dopo la messa in onda del settimo episodio.
Autore: Francesca Musolino ,
House of the Dragon al buio, HBO risponde ai fan furiosi

Sembra che stia diventando quasi un vizio di House of the Dragon quello di riportare nella serie non solo i tributi e i riferimenti a Il Trono di Spade, ma anche gli stessi errori. Nel terzo episodio dello spin-off infatti c'era già stata una svista che aveva fatto divertire i fan, perché ricordava proprio lo stesso scenario di quando ne Il Trono di Spade era comparso un bicchiere di Starbucks.

Questa volta invece da ridere c'è ben poco ed è dovuta intervenire la stessa HBO, per calmare le ire dei fan  furiosi per quanto è accaduto nel settimo episodio di House of the Dragon. Durante alcune scene ambientate nella tarda notte, il buio era talmente oscuro da non permettere quasi la visione di ciò che stava accadendo sullo schermo. La stessa situazione che era capitata nell'episodio La Lunga Notte de Il Trono di Spade durante la battaglia contro gli Estranei.

Sto cercando altri articoli per te...