Denzel Washington e la diversità agli Oscar: 'Perché arrendersi?'

Autore: Alice Grisa ,

#Denzel Washington è intervenuto su un tema controverso e spinoso che coinvolge diversi attori di Hollywood: la questione della diversità.

La star, che vanta due Premi Oscar, è sempre stata coinvolta nel problema della rappresentazione delle minoranze nel cinema hollywoodiano, come nell'inadeguato riconoscimento degli attori di colore.

Advertisement

Nelle ultime due edizioni del prestigioso riconoscimento dell'Academy, solo attori bianchi hanno ricevuto i premi più importanti. E Denzel Washington ha spiegato come abbia vissuto personalmente la mancanza di equità nei confronti delle minoranze nel contesto sfavillante degli Oscar.

Le polemiche sono servite a includere nella prossima edizione diversi candidati black come come Mahershala Ali, Naomie Harris, Octavia Spencer, #Viola Davis e Denzel Washington. Una scelta politicamente corretta e forzata? Forse. Ma cosa ne pensa Denzel Washington?

L'attore ha rilasciato dichiarazioni a 60 Minutes Sunday Evening a proposito della questione delle discrimazioni etniche.

Io non devo pensarci. Io l'ho vissuta.

Washington ha specificato le situazioni difficili che ha sperimentato.

Io ho vissuto la situazione sulla mia pelle. Io sono stato il tizio degli Oscar quando il mio nome non veniva chiamato. Io sono stato il tizio degli Oscar quando il mio nome è stato chiamato. Sono stato il tizio degli Oscar quando si aspettavano che chiamassero il mio nome, e invece non l'hanno fatto. L'ho vissuto.

In ogni caso, secondo Washington, la soluzione non è di certo arrendersi.

Advertisement

E quindi, cosa vuoi fare, arrenderti? Se stai cercando una scusa, la troverai. Puoi trovarla ovunque vuoi. Ma non puoi vivere così. Devi fare il meglio che puoi.

ET

Denzel Washington stringe in mano la propria statuetta
Uno dei due Oscar di Denzel Washington

L'attore è il regista e il protagonista di Barriere, dove schiera anche Viola Davis, che a sua volta ha parlato di diversità insieme a Tom Hanks. Sia Washington che la Davis sono favoriti nella corsa alle statuette. Barriere è tratto dall'opera del 1983 vincitrice del Premio Pulitzer e parla di Troy Maxson, un padre afroamericano che negli anni '50 lotta con le discriminazioni razziali degli Stati Uniti e cerca di mantenere l'armonia nella sua famiglia.

Advertisement

Come andranno a finire gli Oscar 2017?

Secondo voi le polemiche contro l'Academy e le sue discriminazioni si placheranno?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

I migliori anime del 2022 (finora)

Quali anime hanno dominato la prima metà del 2022? Ecco i titoli d'animazione della prima metà dell'anno che ci sono piaciuto di più.
Autore: Elisa Giudici ,
I migliori anime del 2022 (finora)

Quali sono i migliori anime del 2022? Dopo i primi sei mesi, si può già dire che il 2022 è stato un anno particolarmente ricco di anime popolari e memorabili. 

A farla da padre sono sempre gli shounen (anime tratti da manga destinato a un pubblico giovane e maschile) ma anche altri filoni ci hanno regalato titoli sorprendenti e appassionanti. 

Sto cercando altri articoli per te...