Die Hard è un film di Natale o no? Risponde il regista

Autore: Francesca Musolino ,
News
2' 49''
Copertina di Die Hard è un film di Natale o no? Risponde il regista

Il regista e produttore John McTiernan noto soprattutto per la saga cinematografica di Die Hard, il 5 agosto 2022 è stato ospite a The Empire Film Podcast e ha parlato ancora una volta del suo film Trappola di cristallo, con protagonista Bruce Willis. Nonostante sia uscito nel lontano 1988, Trappola di cristallo fa ancora discutere, perché pur essendo nato come un genere d'azione, viene classificato da sempre come un film natalizio.

Una collocazione su cui il regista John McTiernan non si è mai trovato completamente d'accordo e in più occasioni nel corso degli anni, ha espresso le sue perplessità al riguardo. Parlando ai microfoni del sopracitato podcast, ha detto quanto segue:

Advertisement

Non siamo noi a doverlo stabilire ma sono le persone, il pubblico. Se il pubblico lo interpreta come un film di Natale, per loro è un film di Natale. È così che succede. Non è nato come un film natalizio anche se la trama ha a che fare con il Natale, non doveva essere inteso così. Ma il fatto che c'entra anche il Natale, stona un po' con il resto della parte legata alla politica. L'unico motivo per cui il film ha visto la luce, è dipeso dal fatto che anche chi ha lavorato alla sua realizzazione ne ha frainteso il senso. Altrimenti non lo avrebbero portato a termine. Hanno creduto che fosse un film d'azione incentrato su una festa di Natale che va a rotoli.

La trama di Trappola di cristallo vede infatti il suo protagonista, il poliziotto John McClane (Bruce Willis), che torna a Los Angeles proprio per passare il Natale con la sua famiglia. Una volta giunto in città, scopre che il grattacielo aziendale in cui lavora sua moglie Holly, è stato preso in ostaggio: si tratta di una cellula terroristica tedesca capitanata da Hans Gruber, che vuole obbligare le autorità del posto a liberare altri rivoluzionari detenuti in carcere. Mentre in realtà il vero scopo, è quello di rubare 640 milioni di dollari in titoli al portatore che si trovano nel caveau dell'edificio. John quindi fa di tutto per salvare sua moglie e gli altri impiegati.

Advertisement

Sebbene la trama dimostra di raccontare eventi drammatici legati a temi politici e storici, il fatto che ci sia comunque nel mezzo anche un "Natale da salvare" per poter stare con i propri cari, sembra aver preso il sopravvento sulla visione dello spettatore medio. Che ha portato quindi a catalogare Trappola di cristallo come il classico film per famiglie, da guardare tutti insieme il giorno di Natale.

In realtà Trappola di cristallo è il primo di una saga di film polizieschi incentrata proprio sull'azione, creata da Roderick Thorp e distribuita dalla 20th Century Fox dal 1988 al 2013. In ognuno di questi film, il protagonista John McClane è coinvolto in situazioni pericolose come quella vissuta in Trappola di cristallo, dove rischia il tutto per tutto per portare a termine la "mission impossible" di turno. In tutto ciò, non solo si imbatte ancora con il primo nemico Hans Gruber, ma in altre occasioni deve nuovamente salvare la sua famiglia.

Il Natale quindi non è il protagonista della saga, ma un valore aggiunto che serve a rafforzare proprio il concetto di famiglia. Mettendo in evidenza il fatto che ogni persona, farebbe di tutto per proteggere coloro che ama per riunirsi di nuovo insieme. E non soltanto per il 25 dicembre.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Bruce Willis e Deepfake, l'attore smentisce l'accordo

Scopri in con quale tecnologia il celebre attore Bruce Willis può tornare in scena dopo il suo ritiro dal mondo del cinema per colpa dell'afasia.
Autore: Agnese Rodari ,
Bruce Willis e Deepfake, l'attore smentisce l'accordo

Nella giornata del 2 ottobre 2022, un portavoce di Willis ha dichiarato su BBC che l'attore in realtà non ha alcun accordo o partnership con l'azienda Deepcake. La stessa azienda ha poi confermato dichiarando che i diritti sull'immagine di Willis appartengano solo ed esclusivamente all'attore stesso, per quanto la loro collaborazione sia stata reale.
Di seguito, riportiamo il precedente articolo sulla notizia, prima che venisse smentita.

Sto cercando altri articoli per te...