Disney oltre i confini: ecco le principesse più esotiche

Autore: Alice Grisa ,

L'infuocato dibatitto sul whitewashing (la pratica di utilizzare attori di razza caucasica per interpretare personaggi di altre etnie), che si è acceso particolarmente nei discorsi sui nuovi live-action come Aladdin o Mulan, parte dal fatto che Disney da qualche tempo ha una particolare predilezione per le principesse dai tratti esotici, placidamente ontane dai confini fisici e mentali della razza caucasica.

Lo splendore della fiaba antica o moderna si basa sull'immaginazione, che abbatte qualunque barriera geografica e racconta storie universali(zzabili) grazie ai temi "passepartout" dell'amore, del coraggio o della lealtà. Nonostante questo, Disney (soprattutto negli ultimi decenni) non ha mai decontestualizzato le proprie principesse dalla realtà storica a cui appartenevano.

Advertisement

Mulan, ad esempio, proviene da una cultura e da un'epoca ben precisa della storia cinese mentre Pocahontas è un personaggio tratto dalla storia vera di un'indigena americana innamorata di un uomo londinese.

Disney
Pocahontas travolta da un vento di piume
Un'immagine di Pocahontas

La meraviglia della fiaba di animazione è sempre stata la possibilità di spostarsi, tramite uno schermo, nel tempo e nello spazio. Disney ha permesso di sfogliare le storie e, insieme a queste, le specificità delle etnie diverse.

L'assolutismo delle antiche fiabe, concentrate su luoghi e spazi familiari, si è trasformato in un enorme catalogo di possibilità diverse. Secondo alcuni studi, l'approfondimento extra-confini delle principesse Disney, corrisponde a una maggior sensualità dei personaggi femminili. Jasmine ha l'ombelico scoperto, Pocahontas ha forme femminili sexy e Mulan si traveste da uomo creando una serie di episodi inerenti la sua femminilità.

Ecco perché il dibattito sul whitewashing è particolarmente acceso. È giusto preferire, per ragioni di appeal commerciale, un attore hollywoodiano nel ruolo di un eroe cinese o arabo, proprio quando era stata Disney stessa a promuovere la diversità come plusvalore?

In attesa di trovare una risposta definitiva a tutte le polemiche, ecco quali sono le principesse esotiche che hanno stravolto e travolto la modernità disneyana.

1- Jasmine (Aladdin, 1992)

Jasmine è la figlia di un sultano. Ha gioielli ovunque, lunghi capelli neri e un abito da odalisca. La sua migliore amica è la tigre Raja e i suoi sogni si raccolgono in una notte stellata passata a vagare sul tappeto volante.

Advertisement

L'origine esotica della fiaba, da Le Mille e una notte, è sempre stato il differenziale che ha fatto amare follemente al pubblico la principessa araba dal carattere indipendente e anticonformista. Durante l'anno di uscita del film, in occasione di Carnevale, si registrò un boom di vendite dei costumi da odalisca.

Advertisement

2- Pocahontas (Pocahontas, 1995)

Pocahontas è una principessa Algonquin, figlia del capo Powhatan. Contraddistinta da una bellezza adulta e matura (è alta, slanciata, ha la pelle scura e le gambe scoperte), Pocahontas ha uno spirito libero e intraprendente.

Disney
Pocahontas incontra John Smith
Pocahontas e John Smith s'incontrano

La storia con John Smith, conquistatore inglese, si concentra sul doppio punto di vista dell'invasore e dell'invaso e si risolve nella complessità dell'esigenza di mantenere la propria identità nonostante l'amore.

3- Mulan (Mulan, 1998)

Mulan è una ragazza cinese il cui nome signfica "forte orchidea". Dolce e sensibile ma anche determinata e coraggiosa, la ragazza per evitare di sposarsi si sostituisce al padre per la chiamata alle armi.

Advertisement

Fingendosi un uomo, si sottopone al durissimo allenamento per prepararsi a combattere gli Unni sotto una neve spietata. Sarà proprio lei, alla fine, a salvare il proprio popolo.

4- Tiana (La principessa e il ranocchio, 2009)

Tiana è una ragazza di New Orleans che, durante la sfolgorante età del jazz, lavora duramente per aprire un ristorante. Per nulla disposta a baciare un ranocchio per diventare una principessa, s'imbatterà per caso nel principe Naveen, trasformato da un crudele sortilegio.

Mickey Mouse Pictures
La principessa Tiana con l'abito azzurro
Tiana, principessa afroamericana ne La principessa e il ranocchio

La fiaba ribalta tutti gli stereotipi e, per la prima volta, racconta la storia di una (futura) principessa afroamericana. Tiana riuscirà a diventare regale grazie alle sue doti di intelligenza e generosità ma soprattutto grazie alla cosa che mette più in discussione la sua razionalità: l'amore.

5- Vaiana (Oceania, 2016)

L'ultima principessa Disney è Vaiana, protagonista di Oceania. Vaiana è una principessa del Pacifico meridionale (proprio dove adesso si prenotano le vacanze più lussuose) che vive con i genitori e la nonna paterna in un villaggio. Ispirata dai racconti dei suoi avi, parte per un viaggio meraviglioso alla ricerca delle proprie radici.

6- Elena (Elena di Avalor, 2016)

È una principessa latina che deve imparare a essere regina dopo aver salvato il suo regno dalla terribile e infida strega Shuriki. La storia di Elena è raccontata in una serie TV animata che ha debuttato nel giugno 2016 in Canada. In Italia arriverà a novembre 2016.

In ogni caso, la principessa più amata (e chiacchierata) rimane Elsa di Frozen - Il regno di ghiaccio. Rispetto alle varie principesse esotiche, Elsa ha lineamenti caucasici ma rimane intrappolata nel proprio regno di ghiaccio, condannata a convivere con la più drammatica forma di diversità.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Il sequel del Gladiatore ha una data di uscita

Scopri la data di uscita nei cinema del sequel de Il Gladiatore con Russell Crowe e Joaquin Phoenix. Paramount Pictures distribuirà il film.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Il sequel del Gladiatore ha una data di uscita

La casa di distribuzione cinematografica Paramount Pictures ha reso noto che il sequel del film cult di Ridley Scott con Russell Crowe, ossia Il Gladiatore, uscirà nei cinema americani il 22 novembre 2024.

Si tratta di un weekend importante per il mercato statunitense dato che è quello che precede il Giorno del Ringraziamento. Quindi Il Gladiatore 2 (senza ancora un titolo ufficiale) avrà un secondo weekend cinematografico con una potenziale grossa affluenza.

Sto cercando altri articoli per te...