Don't Look Up è realtà: il grido d'allarme dell'attivista inglese sminuito in TV [VIDEO]

Autore: Giuseppe Benincasa ,
News
2' 53''
Copertina di Don't Look Up è realtà: il grido d'allarme dell'attivista inglese sminuito in TV [VIDEO]

Il film originale Netflix del 2021 Don't Look Up diretto da Adam McKay e interpretato da un cast stellare di cui fanno parte Leonardo DiCaprio e Jennifer Lawrence ha stupito il pubblico per la sua rappresentazione cinica della classe politica odierna (la nostra recensione). La trama vede impegnati in modo particolare due scienziati che, dopo aver scoperto che un asteroide distruggerà a breve la Terra, cercando in tutti i modi di avvisare il governo degli Stati Uniti e di farlo agire nel più breve tempo possibile. Ma la loro buona fede viene messa in dubbio, il loro sapere viene sminuito e l'intervento che doveva essere fatto subito viene rimandato di continuo.

Nel film c'è una scena nella quale i personaggi di Leonardo DiCaprio e Jennifer Lawrence, dopo aver avuto una risposta negativa dal governo, si recano in TV per parlare di ciò che sta succedendo. Dal loro punto di vista la divulgazione di una notizia tremenda come lo sterminio dell'umanità avrebbe dovuto smuovere le coscienze della popolazione e dei politici ma non è questo quello che accade. La scena è realizzata benissimo: i conduttori del programma sminuiscono la situazione, rimanendo impassibili davanti la telecamera, continuando a sorridere come se nulla fosse continuando a parlare di altro. Mentre il personaggio di Jennifer Lawrence si agita, urla, si arrabbia e dice in diretta TV a tutto il mondo che il pianeta è spacciato e che l'umanità è destinata a morte certa.

Advertisement

Ebbene in una intervista reale del 12 aprile 2022 su Good Morning Britain il "duetto" tra il conduttore Richard Madeley e l'attivista per il clima Miranda Whelehan hanno riportato alla memoria dei telespettatori proprio il film Netflix Don't Look Up.

Whelehan, come portavoce dell'associazione Just Stop Oil, ha chiesto al governo britannico di porre fine a tutte le nuove licenze petrolifere, all'esplorazione dei mari menzionando il Mare del Nord. Madeley le ha risposto sminuendo il suo attivismo:

Advertisement

Sei d'accordo con me, vero, che è una discussione molto complicata da fare, è una cosa molto complicata. E questo slogan 'Just Stop Oil' è molto da parco giochi, vero? Fa molto Vicky Pollard, piuttosto infantile.

A questa domanda provocatoria, come si può vedere nel video pubblicato su Twitter proprio da Good Morning Britain, Whelehan risponde con educazione spiegando perché bisogna "fermare l'olio" ma quando Madeley insiste nello sminuire la situazione (proprio come fa il personaggio di Cate Blanchett in Don't Look Up), l'attivista dice che i "nostri" figli e i "nostri" nipoti non avranno un bel pianeta in cui vivere: i "politici" (lei stessa gesticola facendo il segno delle virgolette) devono mettere la parola fine all'uso del petrolio, adesso o altrimenti sarà troppo tardi. Bisogna cercare nuove risorse il più sostenibili possibile.

Miranda Whelehan parla di Don't Look Up

Il giorno dopo l'intervista a Good Morning Britain l'attivista Miranda Whelehan ha scritto un articolo su The Guardian ribadendo il concetto che bisogna intervenire ora o sarà troppo tardi per il pianeta. Poi scrive di aver scoperto solo il giorno dopo il suo intervento al programma televisivo che era diventata una parodia del film Don't Look Up e che lei non lo aveva ancora visto, ma ha provveduto la sera stessa.

Ora che ho visto il film, capisco i riferimenti che la gente ha fatto. La cosa peggiore è che questi presentatori e giornalisti pensano di sapere di più degli scienziati o degli accademici che hanno studiato la crisi climatica per decenni, e si rifiutano di sentire il contrario. È una cecità intenzionale e ci ucciderà.

Don't Look Up fa parte della programmazione Netflix.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

I cinema russi proiettano copie pirata dei film americani

Dopo la non distribuzione dei film hollywoodiani, i cinema russi hanno deciso di proiettare copie di film pirata come The Batman.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
I cinema russi  proiettano copie pirata dei film americani

La guerra scatenata dalla Russia di Putin portato ad alcune conseguenze, che stanno penalizzando alcuni settori commerciali e in questo caso specifico il cinema. Non molto tempo fa Netflix ha deciso d'interrompere il servizio di streaming in Russia causando dei danni economici all'azienda stessa e agli utenti russi (che hanno fatto causa al colosso della grande N). Oltre a ciò molte case di distribuzione americana hanno deciso di non portare i loro film nei cinema russi.

Secondo il The New York Times, molti cinema della Russia hanno iniziato a proiettare copie pirata dei film hollywoodiani, facendo tornare in mente il clima politico e commerciale della Guerra Fredda degli anni '80. Numerosi siti web offrono la possibilità di scaricare illegalmente film di ogni genere e paese, così gli esercenti russi hanno e stanno organizzando proiezioni a pagamento per il loro pubblico. La fonte ha riportato anche quali sono le città in cui i cinema si sono organizzate per le proiezioni illegali e tra queste c'è Ekaterinburg, Ivanovo (a poche ore da Mosca, a Makhachkala, capitale della regione del Daghestan, nel Caucaso e a Chita, città vicina al confine con la Mongolia.

Sto cercando altri articoli per te...