Dopo The Big Bang Theory, Jim Parsons e Mayim Bialik tornano insieme per una nuova serie

Autore: Giuseppe Benincasa ,
Copertina di Dopo The Big Bang Theory, Jim Parsons e Mayim Bialik tornano insieme per una nuova serie

Le star di della serie TV #The Big Bang TheoryJim Parsons (Sheldon Cooper) e Mayim Bialik (Amy Farrah Fowler) torneranno a collaborare per una nuova sit-com.

Secondo il sito americano Variety, la serie TV dal titolo Carla vedrà Parsons nei panni di produttore esecutivo e Bialik come interprete protagonista. Inoltre, lo show è stato ordinato dall'emittente americana FOX.

Advertisement

Carla è una donna di 39 anni, che lotta ogni giorno contro la società e sua madre che si può non avere tutto quello che si desidera ed essere comunque felice. Per questo motivo, ha speso i soldi che i suoi genitori avevano messo da parte per il suo matrimonio, al fine di aprire il Cat Café a Louisville, nel Kentucky.

Lo show dovrebbe debuttare nel 2020 sull'emittente statunitense FOX. Quest'ultima ha messo a segno un grande colpo, aggiudicandosi una serie molto contesa nell'ambiente e che promette di essere divertente e con molti ascolti, visto anche il successo che Parsons e Bialik hanno ottenuto con l'ultima stagione di The Big Bang Theory.

A questo proposito, Michael Thorn, presidente di FOX Entertainment ha dichiarato che Carla rientra nei loro piani di programmazione di sit-com. Inoltre, dice che al serie ha un grande potenziale, ha un personaggio molto forte con un forte punto di vista al femminile. Conclude dicendo, che grazie alla scrittura di Darlene Hunt (The Big C, The Conners) e a partner come Warner Bros. e BBC Studios, la produzione pensa di avere davvero qualcosa di speciale da mandare in onda il prossimo anno televisivo 2020/2021.

Non è chiaro, ancora, se Jim Parsons rimarrà dietro le quinte della serie "solo" per produrre o se potrebbe eventualmente apparire come guest star durante la prima stagione.

[QUIZ]

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Nostalgia: perché il cinema italiano è Favino-dipendente?

Nostalgia di Martone è l'ennesimo film che si affida al talento di Pierfrancesco Favino: perché il cinema italiano non riesce a fare a meno di lui?
Autore: Elisa Giudici ,
Nostalgia: perché il cinema italiano è Favino-dipendente?

Già nel 2007 la serie Boris fotografava la dipendenza del cinema italiano da Pierfrancesco Favino. La "fuoriserie italiana" non a caso è un grande specchio del mondo culturale e cinematografico italiano: ha dimostrato in innumerevoli occasioni di prevedere il futuro con precisione stupefacente, rivelandosi sempre più amaramente attuale ogni anno che passa. 

Nella terza stagione di Boris, il personaggio del comico Martellone spiega di non essere riuscito a ottenere alcuna parte di rilievo in tempi recenti a causa di Pierfrancesco Favino, che fagociterebbe tutte le parti importanti e interessanti a disposizione. Quindici anni dopo questa scena di Boris è più attuale che mai. Basta pensare che due dei ruoli maschili più ficcanti e di pregio presenti nei film italiani inviati al Festival di Cannes nelle ultime edizioni - quello di Felice in Nostalgia di Mario Martone e quello di Tommaso Buscetta nel film di Marco Bellocchio Il traditore (2019) - sono interpretati proprio da Favino.

Sto cercando altri articoli per te...