Dove va Jon Snow alla fine di Game of Thrones? E perché?

Autore: Silvia Artana ,
Copertina di Dove va Jon Snow alla fine di Game of Thrones? E perché?

Com'era prevedibile, l'episodio finale di Game of Thrones ha diviso i fan. Il destino deciso da D.B. Weiss e David Benioff per i protagonisti è al centro del dibattito sul web. E in particolare, quello riservato a Jon Snow.

La conclusione del lungo viaggio del figlio di Rhaegar Targaryen e Lyanna Stark ed erede legittimo del Trono di Spade è sembrata incredibilmente ingiusta a gran parte del pubblico. Ma è davvero così? Oppure, l'ex bastardo di Grande Inverno ha avuto non solo ciò che meritava, ma ciò che desiderava?

Advertisement

Il leader riluttante

Spoiler alert! Click to reveal Jon Snow è un leader nato. Ma non ha mai voluto esserlo. L'ultimo dei Targaryen (dopo la morte di Daenerys) ha sempre rifuggito il potere e i ruoli di comando e li ha accettati per il profondo senso di dovere e i valori che gli ha trasmesso il suo padre putativo (ma a tutti gli effetti vero e unico), Ned Stark.Contro la sua volontà, il giovane è stato nominato Lord Comandante dei Guardiani della Notte e Re del Nord e ha ottenuto risultati cruciali nell'ottica della Grande Guerra contro il Night King e della sopravvivenza degli Uomini. Ovvero, ha conquistato la fiducia del Popolo Libero e di Daenerys e ha potuto contare sulla loro fondamentale alleanza. D'altra parte, il suo onore e la sua lealtà lo hanno portato a commettere dei gravi, gravissimi errori. Jon ha pagato con la vita la decisione di portare i Bruti oltre la Barriera. Ed è morto di nuovo (seppure metaforicamente, perdendo il suo diritto di nascita e sé stesso) per impedire che la donna che amava e la regina alla quale aveva giurato fedeltà instaurasse un regno di terrore non solo su Westeros, ma su ogni terra conosciuta.Dunque, Jon Snow/Aegon Targaryen sarebbe stato un buon sovrano per i Sei Regni?
HBO
GoT 8x06: Jon e Daenerys insieme
L'amore uccide il dovere. Ma tavolta il dovere uccide l'amore
Molto probabilmente, sì. L'ex bastardo di Grande Inverno è un uomo giusto, che conosce la durezza ("Chi pronuncia la sentenza deve essere colui che cala la spada", come ha imparato da Ned Stark) e la compassione e che esercita un naturale ascendente su tutti quelli che lo conoscono. Inoltre, quasi certamente avrebbe potuto contare sui preziosi consigli di Tyrion, Ser Davos e dello stesso Bran.Ma Jon non poteva essere il nuovo re di Westeros. Almeno, non dopo avere ucciso Daenerys. Il suo onore e il suo senso di giustizia glielo avrebbero impedito. Non a caso, quando Tyrion lo raggiunge nella cella dove è tenuto prigioniero, per dirgli che Bran ha deciso che (ri)prenda il Nero, il giovane gli domanda:

È giusto? Quello che ho fatto? Non mi sento nel giusto.

Anche se lo ha privato della possibilità di avere una moglie, dei figli e delle terre (ma è davvero così?), il nuovo re lo ha risparmiato e gli ha di fatto offerto una seconda (terza?) occasione. Qualcosa che Jon sembra ritenere di non meritare. Perché ha tradito la sua regina e la donna che amava.E a poco contano le parole di Tyrion, che gli dice che quello che hanno fatto, lo hanno fatto entrambi. Jon Snow/Aegon Targaryen è morto (di nuovo) nel momento in cui ha ucciso Daenerys e ha rinunciato per sempre al diritto/dovere a sedere sul trono

Il Re oltre la Barriera

Spoiler alert! Click to reveal La decisione di Bran di mandare (di nuovo) Jon tra i Guardiani della Notte sembra crudele ed esagerata. Tanto più alla luce del fatto che Tyrion (ugualmente colpevole di tradimento nei confronti di Daenerys) non solo non ha pagato per i suoi errori, ma all'apparenza è stato premiato con il titolo di Primo Cavaliere.Tralasciando che la nomina del Folletto è in realtà, in tutto e per tutto, una condanna (l'ultimo dei Lannister sarà costretto a guardare in faccia per tutta la vita i suoi errori, anziché ottenere l'oblio che desiderava), la scelta del nuovo re di Westeros è profondamente saggia e... lungimirante (del resto, potrebbe essere altrimenti?).Bran sceglie un compromesso che impedisce una nuova guerra e risparmia la vita a Jon. Molto probabilmente, per non dire certamente, con la consapevolezza che il suo ex fratellastro non finirà i propri giorni a Castello Nero. Il giovane Stark è il Corvo a Tre Occhi ed è poco credibile pensare che non abbia visto cosa - per meglio dire, chi - attende Jon nella roccaforte dei Guardiani della Notte. Se "il Nord non dimentica", tanto più è vero per il profondo Nord. Il Popolo Libero ama Jon, ha fiducia in lui e riconosce nel giovane un leader. Nell'episodio 8x04, The Last of the Starks, Tormund lo dice a chiare lettere (accrescendo il sentimento di solitudine e isolamento di Daenerys):

L'ho visto cavalcare quella cosa. Ecco perché tutti noi abbiamo voluto seguirlo. Perché lui è questo genere d'uomo. È piccolo, però è forte. Quanto basta per fraternizzare con il nemico e farsi ammazzare per questo. Quasi tutti quelli che vengono ammazzati non tornano in vita, ma non lui. È resuscitato e ha continuato a combattere. Qui, a Nord della Barriera e poi di nuovo qui. Continua a combattere. È salito su un f****** drago e ha combattuto! Chi mai salirebbe su un f****** drago? Un uomo folle o un re!

Dunque, è lecito ipotizzare che dopo avere saputo del gesto di Jon e della decisione di Bran, il Bruto e la sua gente abbiano deciso di aspettare il giovane, per tornare con lui oltre la Barriera. E anche se il pensiero di quello che ha fatto lo accompagnerà sempre e non gli darà mai pace, la vita con il Popolo Libero è tutto ciò che Jon desidera e ha sempre desiderato. Insieme a Tormund e al suo popolo e a Ghost, Jon è finalmente al suo posto, nel luogo al quale appartiene. E chissà, forse ad attenderlo c'è un futuro da Re oltre la Barriera.

Di certo, dopo il lungo inverno, adesso è la primavera che... sta arrivando, come dimostra un filo d'erba che spunta ostinatamente dalla neve. E gli Uomini possono tornare senza paura nelle terre del profondo Nord. 

Advertisement

Quelle stesse terre in cui, all'inizio della storia, si celavano terrori indicibili.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

House of the Dragon, il riassunto della prima stagione

Leggi per ricordare tutti gli eventi principali che sono avvenuti nella prima stagione della serie TV House of the Dragon.
Autore: Francesca Musolino ,
House of the Dragon, il riassunto della prima stagione

La prima stagione della serie TV House of the Dragon si conclude dopo dieci episodi carichi di contenuti, inseriti soprattutto attraverso dei salti temporali intercorsi tra un episodio e l'altro di House of the Dragon. Questo dei salti temporali, è un espediente narrativo che permette di raccontare in breve lunghi eventi della storia, mostrando su schermo solo l'essenziale.

Nel corso di questi salti temporali avvenuti negli episodi della serie TV House of the Dragon, ci sono stati matrimoni e nuove nascite non sempre di facile collocazione. Inoltre alcuni dei protagonisti di House of the Dragon cambiano attore più di una volta. Un'azione necessaria per giustificare la crescita fisica dei personaggi, che avviene proprio nel corso dei salti temporali di House of the Dragon.

Sto cercando altri articoli per te...