La nuova serie Netflix che ricorda da vicino Toy Story [TRAILER]

Autore: Francesca Musolino ,
News
2' 6''
Copertina di La nuova serie Netflix che ricorda da vicino Toy Story [TRAILER]

Se amate le storie strappalacrime e che in qualche modo vi fanno ritornare a essere un po' bambini, Lost Ollie allora è ciò che fa per voi: il 3 agosto 2022, Netflix ha rilasciato il primo trailer per questa nuova miniserie animata in quattro puntate, in arrivo sulla piattaforma a partire dal 24 agosto 2022.



Tratta dal libro Ollie's Odyssey dell'illustratore William Joyce, Lost Ollie racconta le vicissitudini di un coniglietto di pezza che cerca di ritrovare il compagno umano Billy, nonché suo grande amico del cuore. 
Nel trailer si vede infatti che i due sono insieme fin dalla nascita di Billy e, per questo motivo, Ollie è molto più che un semplice giocattolo. Ollie è un vero e proprio compagno di vita con cui il bambino è cresciuto condividendo ogni attimo della sua esistenza.
Questo fantastico rapporto, un giorno verrà bruscamente interrotto da un compagno di scuola di Billy, il quale dopo aver preso Ollie, lo butterà in acqua. Il coniglietto verrà trasportato altrove dall'acqua e verrà perso di vista dal suo amico Billy.

Da quel momento le strade dei due amici si separeranno fisicamente ma non emotivamente, perché entrambi faranno di tutto per ricongiungersi: da un lato vedremo Ollie ritrovarsi insieme ad altri giocattoli che lo aiuteranno nella sua missione. Questa però gli riserverà non poche difficoltà, tra cui il dover fronteggiare diversi pericoli; e da un altro ci sarà Billy, che dopo la scomparsa di Ollie non si darà per vinto, arrivando perfino ad affiggere dei manifesti in giro per la città, proprio come se il suo amico di pezza fosse un essere umano.

Dagli stessi produttori di Stranger Things e diretto da Peter Ramsey (Spider-Man: Un nuovo universo), Lost Ollie vede nel cast principale Gina Rodriguez (Jane the Virgin) e Jake Johnson (New Girl) nel ruolo dei genitori di Billy, interpretato dal giovane Kesler Talbot.

Lost Ollie a primo impatto potrebbe sembrare il classico prodotto per bambini, ma le immagini mostrate nel trailer racchiudono un messaggio di fondo diretto anche a un pubblico adulto.
L'amicizia, quella vera, non ha limiti di età o di genere e la determinazione con cui Billy e Ollie fanno di tutto per ritrovarsi, conferma il noto detto del "chi trova un amico trova un tesoro".

Advertisement

Lost Ollie è su Netflix da 24 agosto insieme ad altri titoli suggeriti da noi per bambini.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Perché Sandman chiama Lucifero "Portatore di Luce" e "Astro del Mattino"

Leggi per quale motivo il personaggio di Lucifero ha questi appellativi nella serie The Sandman,
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Perché Sandman chiama Lucifero "Portatore di Luce" e "Astro del Mattino"

La serie The Sandman, originale Netflix, sta suscitando molte curiosità tra gli spettatori, colpiti dai riferimenti ai miti e alle religioni. Il viaggio che compie il Signore dei Sogni aka Sandman all'Inferno nel quarto episodio (intitolato Una speranza all'inferno) ha fatto sorgere una domanda specifica: come mai quando il protagonista si rivolge a Lucifero, usa due appellativi come Portatore di Luce e Astro del Mattino?

La risposta a questo interessante quesito si trova proprio nell'etimologia della parola Lucifero. Essa è composta da due parole latine: lux, che significa luce, e ferre, che è un verbo che si traduce con portare. Dunque il significato letterale è esattamente Portatore di Luce (nell'originale inglese, Lightbringer). Invece l'appellativo Astro del Mattino è attestato da un passo della Bibbia. Nella traduzione ufficiale cattolica CEI del testo sacro si può leggere:

Sto cercando altri articoli per te...