È morto Alan Thicke, il papà della serie TV Genitori in Blue Jeans

Autore: Elisa Giudici ,

È stato per sette stagioni e più di dieci anni il papà di una delle famiglie televisive più scatenate e seguite degli anni '80. Il capofamiglia dei Seaver era lui, Jason, che insieme alla moglie Maggie tentava di crescere tre i vivacissimi figli Mike, Carol e Ben di Genitori in Blue Jeans. Jason Seaver è stato la quintessenza del padre televisivo negli anni '80, ma nella vita vera Alan Thicke padre lo è diventato per davvero, con tre matrimoni e tre figli (uno dei quali è il controverso cantante R&B Robin Thicke).

Advertisement

Proprio ieri 13 dicembre 2016, mentre giocava ad Hockey con il figlio Carter, il celebre attore e presentatore televisivo canadese è stato vittima di un grave infarto che, nonostante il tempestivo ricovero all'ospedale, gli è risultato fatale. 

Prima di diventare il papà dell'iconica serie TV prodotta da Abc a partire dal 1982, Alan Thicke lavorava stabilmente per la televisione canadese, conducendo un Late night show che tentava di arginare la concorrenza dell'omologo statunitense in onda su Nbc. Thicke infatti è nato nel 1947 a Kirkland Lake (Ontario) e ha vissuto e studiato per tutta la sua adolescenza in Canada. Presso le emittenti televisive nazionali cominciò a lavorare come presentatore di quiz televisivi e talk show.

Dopo la chiamata dagli Stati Uniti, arrivò la fama grazie al ruolo di Jason, il papà di Genitori in Blue Jeans, che interpretò per ben 166 episodi. Del suo più grande successo ha sempre parlato in termini più che affettuosi: 

Ho amato Genitori in Blue Jeans e sono molto orgoglioso di averlo fatto. Sono fiero di quei valori che ha rappresentato. Sono felice per il ruolo e per quello che ha fatto per me e per la mia vita, la mia famiglia e la mia carriera. Se questo  sarà l'epitaffio sulla mia tomba ne sarò onorato.

Se quello del papà di Genitori in Blue Jeans rimane il suo ruolo più iconico, negli ultimi anni non ha mai smesso di lavorare nel mondo del piccolo schermo, prendendo parte a serie TV di successo come This is Us (appena nominato ai Golden Globes) e Fuller House

Quanto Thicke fosse ancora sulla cresta dell'onda lo testimoniano anche i ricordi commossi di colleghi e amici, che oggi lo omaggiano sui loro account social. Thicke, vivace di carattere e sempre cortese, viene citato per esempio dalla spesso litigiosa Demi Lovato, che ricorda il loro incontro di qualche anno fa:

Advertisement

Sempre nel mondo della musica, anche John Legend ricorda un'adolescenza a pane e Genitori in Blue Jeans: 

Advertisement

Il collega Ben Stiller ha rivelato che ottenne il suo primo impiego a Los Angeles proprio entrando nel suo entourage: 

Anche la collega conduttrice Ellen DeGeneres lo ricorda come un simbolo per gli statunitensi: 

fonte: Variety

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Perché Marvel si è presa il disturbo di cambiare il titolo che appare nella sigla di Jessica Jones, appena caricato su Disney+?
Autore: Elisa Giudici ,
Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Problemi contrattuali o una mossa a lungo, lunghissimo raggio che non abbiamo ancora modo di comprendere? Non è dato sapere, però un fatto è certo: Disney ha alterato il titolo di Jessica Jones, la serie Marvel con protagonista Krysten Ritter. 

Ve l'avevamo anticipato: Disney+ ha aggiunto al suo catalogo tutte e sei le serie TV originariamente prodotte da Marvel Television, una costola dell'universo produttivo Marvel ora assorbita dai Marvel Studios. Daredevil, Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist, The Defenders e The Punisher sono in sestetto di serie originariamente prodotte da Marvel e lanciate da Netflix sulla sua piattaforma. Correva l'anno 2015 e la Casa del Topo ancora non aveva una sua piattaforma di streaming. 

Sto cercando altri articoli per te...