È morto Martin Charnin, creatore del famoso musical 'Annie'

Autore: Vincenzo Corrado ,

Il paroliere, scrittore e regista teatrale americano Martin Charnin, stando a quanto riporta Deadline, è morto il 6 luglio scorso all'età di 84 anni a causa di un attacco di cuore.

A confermare la notizia è stata sua figlia Sasha Charnin tramite un lungo post su Facebook in cui dà un commovente addio al padre scomparso.

Advertisement

Nostro padre è morto. Martin Charnin ha vissuto una vita molto piena. Stava guardando 'Family feud' alla fine, ridendo con Shelly a letto in ospedale. Ha avuto un piccolo attacco di cuore per la terza volta e ha cercato di resistere per tutti noi. La sua forza era sorprendente.

È in un posto senza dolore, ora. Probabilmente sta cercando Cole Porter e Ira Gershwin. Abbiamo adorato papà e non l'abbiamo ancora pienamente accettata [la sua morte n.d.r.]. Ha amato e vissuto al meglio! Era il miglior padre che avremmo mai potuto immaginare. È sopravvissuto a sua moglie, a tutti i suoi figli e ai suoi tre nipoti [...]

Da che parte andiamo, papà? Dannazione. Ma, anche se sembra sdolcinato, voglio dire solo che... il sole sorgerà domani. Riposa in pace, papà. Ti vogliamo bene. 

Nato il 24 novembre 1934 a New York, Charnin era figlio di un cantante d'opera. Ha conseguito il suo BFA alla Cooper Union ed è entrato nel mondo del cinema dopo la laurea, quando ha risposto a un invito per attori, cantanti e ballerini per West Side Story, ottenendo infatti un ruolo come uno degli originali Jets, Big Deal, nella produzione del 1957.

Mentre recitava Charnin era anche impegnato nella scrittura di testi, infatti ha scritto testi per spettacoli e revisioni di cabaret e ha segnato il suo debutto a Broadway con il primo musical per cui ha elaborato il testo, ovvero Hot Spot del 1963 con Judy Holliday e con musiche di Mary Rodgers.

Advertisement

A Charnin sono attribuiti i testi e la regia di sette spettacoli a Broadway ma ha raggiunto l'apice grazie alla sua opera più famosa, il musical Annie, presentato alla Goodspeed Opera House nel 1976 e aperto l'anno seguente a Broadway, tratto dalla striscia di fumetti di Harold Gray su Little Orphan Annie, una giovane astuta che va a vivere con un ricco scapolo durante la Grande Depressione.

Inoltre, l'autore ha dedicato gran parte dei primi anni '70 alla scrittura e alla produzione di speciali TV e varietà, vincendo infatti tre Emmy per un eccezionale programma di varietà intitolato Annie, le donne nella vita di un uomo, con Anne Bancroft e Mel Brooks.

Negli anni '80 Charnin ha diretto, tra gli altri, Cafe Crown e Sid Caesar and Company, ha scritto i testi per I Remember Mama e negli anni '90 ha diretto The Flowering Peach a Broadway e ha lavorato ad un sequel di Annie chiamato Annie Warbucks.

Charnin ha lavorato fino alla sua morte, dirigendo spettacoli ed era sempre alla ricerca del prossimo progetto.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Perché Marvel si è presa il disturbo di cambiare il titolo che appare nella sigla di Jessica Jones, appena caricato su Disney+?
Autore: Elisa Giudici ,
Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Problemi contrattuali o una mossa a lungo, lunghissimo raggio che non abbiamo ancora modo di comprendere? Non è dato sapere, però un fatto è certo: Disney ha alterato il titolo di Jessica Jones, la serie Marvel con protagonista Krysten Ritter. 

Ve l'avevamo anticipato: Disney+ ha aggiunto al suo catalogo tutte e sei le serie TV originariamente prodotte da Marvel Television, una costola dell'universo produttivo Marvel ora assorbita dai Marvel Studios. Daredevil, Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist, The Defenders e The Punisher sono in sestetto di serie originariamente prodotte da Marvel e lanciate da Netflix sulla sua piattaforma. Correva l'anno 2015 e la Casa del Topo ancora non aveva una sua piattaforma di streaming. 

Sto cercando altri articoli per te...