È morto Warren Frost, interprete delle serie TV Twin Peaks e Seinfeld

Autore: Silvia Artana ,
Copertina di È morto Warren Frost, interprete delle serie TV Twin Peaks e Seinfeld

L'età avanzata e una malattia con la quale lottava da tempo non gli avevano impedito di tornare a vestire i panni del dottor Will Hayward nella nuova stagione di Twin Peaks (che debutterà in USA il 21 maggio 2017), ma alla fine Warren Frost si è arreso. L'attore, noto al grande pubblico anche per il ruolo di Mr. Ross in Seinfeld, è morto venerdì 17 febbraio all'età di 91 anni nella sua casa di Middlebury, in Vermont.

Come riporta The Hollywood Reporter, la notizia è stata data attraverso un comunicato stampa da uno dei suoi 3 figli, Mark:

Advertisement

Siamo addolorati oggi nell'annunciare la scomparsa del nostro caro anziano padre, Warren Frost. Dal D-Day in Normandia e per tutti i suoi 50 anni di carriera a teatro e sullo schermo, è rimasto lo stesso umile ragazzo del Vermont che ci ha insegnato che una vita dedicata a raccontare il giusto genere di verità può fare una sostanziale differenza nell'esistenza delle altre persone. Siamo grati per il tempo che abbiamo trascorso con lui.

Warren Frost era nato a Newburyport, in Massachusetts, nel 1925. Dopo essersi arruolato in marina all'età di 17 anni e avere partecipato alle operazioni dello sbarco in Normandia, nel dopoguerra si è trasferito a New York, dove ha iniziato la sua carriera nel mondo dello spettacolo.

All'inizio l'uomo ha lavorato dietro le quinte, poi nel 1959 ha intrapreso la strada della recitazione, comparendo (non accreditato) nei film Il Gioco dell'AmoreCominciò con un Bacio.

Dopo essere stato per 20 anni un punto di riferimento nel panorama artistico e teatrale di Saint Paul, in Minnesota, nel 1988 è tornato nella Grande Mela, dove ha ripreso la carriera di attore, lavorando nelle serie In Viaggio nel Tempo e Avvocati a Los Angeles.

Advertisement

Ma il grande successo è arrivato nel 1990, quando ha interpretato per 30 episodi il dottor Will Hayward ne I Segreti di Twin Peaks. Ruolo che ha ottenuto in modo non casuale, dal momento che a firmare lo show con David Lynch c'era suo figlio Mark.

A tale proposito, in un'intervista del 2014 con Burlington Free Press, l'attore ha dichiarato:

Dovete ricordare una cosa sull'arte. La cosa più importante su cui può contare un attore è il nepotismo. Senza, è una strada molto dura.

Warren Frost è stato anche Billy Lewis, il padre dell'investigatore privato Cliff Lewis in 2 stagioni di Matlock, e Mr. Ross, genitore della sfortunata fidanzata di George, Susan, in 5 episodi di Seinfeld, tra il 1992 e il 1998.

PhotoFest/The Hollywood Reporter
Warren Frost nei panni del dottor Will Hayward
Warren Frost nei pani del dottor Will Hayward ne I Segreti di Twin Peaks

Advertisement

Addio, Mr. Frost. Ma forse è meglio arrivederci: per l'ultimo saluto, l'appuntamento è a Twin Peaks.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

The Midnight Club, Mike Flanagan non al suo meglio [RECENSIONE]

Leggi la recensione di The Midnight Club, la nuova serie thriller di Mike Flanagan disponibile sul servizio streaming Netflix.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
The Midnight Club, Mike Flanagan non al suo meglio [RECENSIONE]

The Midnight Club è sbarcata su Netflix in tempo per Halloween 2022. Mike Flanagan, autore della serie, è un autore thriller/horror che ha una idea ben precisa di ciò che vuole e, per questo, i suoi lavori sono assolutamente riconoscibili dal pubblico che già lo conosce e lo apprezza. Flanagan è reduce da alcuni capolavori televisivi come Hill House e Midnight Mass e quindi con serie TV di genere horror ma dal taglio fortemente drammatico, che approfondiscono la genesi dei personaggi e le loro caratteristiche più intime e che scavano a fondo nella loro psiche.

Il solito Flanagan

L'argomento principe che tratta la filmografia di Mike Flanagan è il passaggio dalla vita alla morte. Per lui questo risulta essere un passo fondamentale da trattare e ciò aiuta ovviamente lo sviluppo drammatico dei personaggi, che guardano all'aldilà cercando di capire cosa potrebbe capitargli. Un altro sguardo invece questi protagonisti lo rivolgono alla vita che hanno avuto. Questo mix è sempre un punto forte nella cinematografia di Mike Flanagan e per questo mi sono chiesto come potesse applicarlo anche a Midnight Club in modo originale.

Sto cercando altri articoli per te...