Dopo la nomination ai Golden Globe possiamo sperare in una stagione 2 per La Regina degli Scacchi?

Autore: Alice Grisa ,
Netflix
2' 7''
Copertina di Dopo la nomination ai Golden Globe possiamo sperare in una stagione 2 per La Regina degli Scacchi?

Beth Harmon ha conquistato tutti con la sua genialità, la sua forza (auto)distruttiva e il suo modo brillante e acuto di giocare a scacchi. In uno degli anni più splendenti di Netflix, incoronata dalle critiche positive e dal successo di pubblico, La regina degli scacchi è stata una delle miniserie più viste, con 62 milioni di account che l’hanno selezionata nei suoi primi 28 giorni di disponibilità sulla piattaforma.

Fiore all’occhiello di Netflix, la serie ha ricevuto anche due nomination ai Golden Globe per la Miglior miniserie e la Miglior Attrice, #Anya Taylor-Joy, che è stata candidata anche per Emma, nuovo adattamento del celebre romanzo di Jane Austen.

Advertisement

In molti sperano in un ritorno di Beth, personaggio enigmatico e affascinante, ma a quanto pare un nuovo capitolo sarebbe escluso. Lo ha rivelato il produttore William Horberg, come riporta Deadline.

Horberg è sicuro della sua risposta, anche perché ha lavorato anni, 20 anni, all’adattamento del romanzo di Walter Tevis, mentre Allan Scott lo aveva in mente da almeno 30.

È meraviglioso sapere che le persone hanno adorato la serie e vorrebbero trascorrere più tempo con questi personaggi. Ma noi non l’abbiamo mai immaginata così.

La regina degli scacchi La regina degli scacchi In un orfanotrofio del Kentucky negli anni '50 una ragazza scopre di avere un talento incredibile per gli scacchi. Nel frattempo lotta con un problema di dipendenza. Apri scheda

Alla fine de La regina degli scacchi Beth gareggia in Russia e diventa campionessa assoluta. Nell’ultima scena (ambientata in realtà a Berlino) si ferma per strada a giocare a scacchi con degli anziani, proprio a dimostrare che questa grande passione, che l’ha salvata dal baratro, è qualcosa che scorre nel suo sangue, e che non si limiterà mai ai tornei istituzionali.

Advertisement

Abbiamo ritenuto che la serie avesse un finale soddisfacente e abbiamo pensato che fosse il pubblico a dover immaginare cosa accadrà dopo a Beth Harmon. Nulla è cambiato, nonostante i fan chiedano su Twitter di dare loro qualcosa in più. Scott [Scott Frank e Allan Scott, i creatori] e io siamo davvero felici della completezza della storia di Beth.

La regina degli scacchi è piaciuta tanto perché racconta una storia di riscatto e rinascita femminile, perché spiega in modo semplice e immediato il complesso mondo degli scacchi e perché è ambientata in un passato splendente, con tante "vintage vibes".

Netflix
Una scena de La regina degli scacchi
Beth in trasferta per un torneo

Il formato della miniserie è stato congeniale per raccontare l’ascesa (e i momenti di caduta) di Beth.

Un film avrebbe perso ciò che rende speciale La regina degli scacchi, ovvero questo personaggio, la sua perseveranza, il raggiungimento della maggiore età e la crescita emotiva. È un viaggio attraverso sette episodi che hanno un grande impatto sulle persone.

Con o senza sequel, La regina degli scacchi rimane uno dei gioiellini indimenticabili del 2020.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Netflix, cosa c’è dietro la (prima) caduta del colosso dello streaming

Dietro la crisi di Netflix e il tonfo in borsa c’è un cambiamento epocale della cultura interna dell’azienda di streaming a pagamento e la fine di una guerra interna tra due visioni differenti dell’offerta della grande N.
Autore: Elisa Giudici ,
Netflix, cosa c’è dietro la (prima) caduta del colosso dello streaming

Cosa c’è dietro la crisi economica e identitaria che sta vivendo Netflix in queste settimane? Dopo l’annuncio della perdita di duecentomila iscritti nel primo trimestre del 2022 e il successivo tonfo in borsa del titolo, il servizio di streaming a pagamento sembra in piena crisi d’identità. Le prime teste sono cadute nel reparto animazione e la dirigenza già pensa ad abbonamenti inclusivi di pubblicità e al blocco della condivisione della password al di fuori della cerchia familiare, mentre gli annunci proseguono senza stop.

In un bellissimo reportage pubblicato in queste ore, The Hollywood Reporter ricostruisce la storia della prima caduta di Netflix, che coincide con la fine di un’era del gigante dello streaming: quella in cui la cultura aziendale era “ardita, pronta a prendersi rischi, guidata dall’istinto” e terribilmente dispendiosa, a favore di una strategia più guardinga e meno rivolta alla qualità.

Sto cercando altri articoli per te...