Emma Watson scrive una lettera a Savita Halappanavar, la donna indiana simbolo del diritto all'aborto

Autore: Maria Teresa Moschillo ,

Emma Watson è una fervente femminista, un'icona della nuova generazione di donne che a Hollywood fa molto di più che interpretare un personaggio sullo schermo, facendosi portavoce di messaggi sociali importanti.

L'ex Hermione di Harry Potter ha ribadito la propria posizione in merito alla tutela dei diritti delle donne scrivendo per il magazine Porter un'emozionante e al contempo potente lettera rivolta alla dentista Savita Halappanavar, morta tragicamente a 31 anni nel 2012 a causa di un'infezione dovuta a un aborto spontaneo.

Advertisement

Anche grazie a lei e alla sua triste storia, l'Irlanda ha finalmente ottenuto lo scorso maggio la legalizzazione dell'aborto. Se solo all'epoca dei fatti avesse potuto legalmente ricorrere all'interruzione di gravidanza a scopo terapeutico, Savita oggi sarebbe ancora viva.

E proprio pensando a lei, Emma Watson rilancia una promessa: "mai più".

Advertisement

"Quando le comunità piangono una morte causata da ingiustizie sociali, ci mobilitiamo e ci facciamo una promessa solenne: mai più", esordisce l'attrice.

Una nota sulla tua tomba a Dublino recita: 'Tu ti sei addormentata, ma grazie a te molti di noi si sono svegliati'...Per te, e per coloro che sono stati costretti a viaggiare nel Regno Unito per accedere ad un aborto sicuro e legale, la giustizia è stata conquistata con fatica. 

"Dall'Argentina alla Polonia, le leggi restrittive sull'aborto puniscono le donne incinte. In Irlanda del Nord la legge ha ancora la meglio sulla ragione", ha continuato Emma Watson per poi concludere: "Continuiamo a combattere perché ci sia giustizia sul tema della riproduzione in tutto il mondo".

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

The Walking Dead 11, dove eravamo rimasti [RIASSUNTO]

Leggi per ricordare in che modo si era conclusa la seconda parte della stagione undici di The Walking Dead, che ritorna su Disney+ per il gran finale.
Autore: Francesca Musolino ,
The Walking Dead 11, dove eravamo rimasti [RIASSUNTO]

La serie TV di The Walking Dead è giunta alla sua conclusione con la stagione undici, di cui sono già state trasmesse le prime due parti. Dal 3 ottobre 2022 su Disney+ sarà disponibile anche la terza e ultima parte con cui terminerà sia la stagione in corso che la serie. Visto che ci sono state due pause nel mezzo e diversi mesi di distanza tra un blocco di episodi e l'altro, può essere utile fare mente locale sugli eventi principali dei primi sedici episodi già trasmessi e su dove si era momentaneamente conclusa la trama.

Premessa

  • La decima stagione di The Walking Dead è incentrata sulla guerra contro i Sussurratori: negli episodi finali fa il suo ritorno Maggie, che viene avvisata del pericolo che incombe sul gruppo, tramite una lettera scritta da Carol dopo il terribile evento delle picche. Tutte le comunità unite, con l'aiuto anche di Negan e di Maggie con il suo nuovo gruppo, alla fine vincono la battaglia. 
  • Su un altro frangente il trio composto da Eugene, Yumiko ed Ezekiel è in viaggio per raggiungere Stephanie, la misteriosa donna che Eugene ha conosciuto via radio e di cui si è invaghito. Lungo la strada incontrano Principessa, un'eccentrica ragazza che da molto tempo vive da sola e fa quindi di tutto per farsi accettare dal trio e unirsi al loro viaggio. Una volta giunti tutti insieme sul luogo dell'appuntamento, si ritrovano accerchiati da alcuni soldati in armatura che dopo averli catturati, li conducono da chi di dovere per essere sottoposti a degli interrogatori.
  • Dopo che Michonne parte alla ricerca di Rick, in quanto trova delle sue tracce nei pressi dell'isola in cui vive un uomo di nome Virgil, quest'ultimo decide di tornare ad Oceanside, il luogo del loro primo incontro. Durante il tragitto si imbatte in Connie, sopravvissuta all'esplosione nella grotta di Alpha, alla quale presta soccorso.

Stagione undici: dove eravamo rimasti

Sto cercando altri articoli per te...