Felicity Jones è la protagonista di Una giusta causa, biopic sulla vita straordinaria di Ruth Bader Ginsburg

Autore: Tanina Cordaro ,

Felicity Jones è la protagonista di Una giusta causa, film ispirato alla storia vera di Ruth Bader Ginsburg, una delle sole quattro donne ad aver rivestito la carica di giudice della Corte Suprema.

Il film segue la giovane avvocatessa mentre collabora con suo marito Marty per portare un caso rivoluzionario davanti alla Corte d'Appello degli Stati Uniti e ribaltare un secolo di discriminazione di genere.

Advertisement

Advertisement

La Jones è affiancata da Armie Hammer (Chiamami col tuo nome) che recita nei panni del marito Marty, Justin Theroux (Maniac) in quello dell’avvocato Mel Wulf, Kathy Bates (American Horror Story) è l’ attivista per i diritti delle donne Dorothy Kenyon e Sam Waterston (Grace and Frankie) è l’avvocato Erwin Griswold.

La regia del film è di Mimi Leder (The Code), che torna a girare per il cinema dopo essersi dedicata a serie TV come Shameless e The Leftlovers – Svaniti nel nulla. La regista, che è stata la prima donna a essere ammessa all’American Film Institute (dove si è poi diplomata), dirige una storia contro le discriminazioni di genere (nell’originale il titolo è On the Basis of Sex), i pregiudizi e le ingiustizie sociali.

Il biopic, alla cui realizzazione ha collaborato la stessa Ginsburg, cattura la vita straordinaria di una donna e l’eredità del suo incredibile lavoro per la parità di genere di uomini e donne.

Il cast del film

  • Felicity Jones: attrice inglese formidabile, la Jones ha raggiunto il successo con il film La teoria del tutto, dove per la sua performance di Jane Hawking ha vinto il Premio Oscar come miglior attrice. La sua carriera inizia a teatro, dopo essersi laureata a Oxford si unisce infatti alla Oxford University Dramatic Society. Approda poi al cinema e recita in Hysteria e Like Crazy. Dopo l’Oscar prende parte alle riprese di Inferno accanto a Tom Hanks e a Rogue One: A Stars Wars Story, spin-off di Guerre Stellari.
  • Armie Hammer: chi ha amato il film Chiamami col tuo nome lo ricorda per l'interpretazione di Oliver, il suo ruolo di maggior successo. La carriera dell’attore americano comincia con alcune apparizioni in serie TV, ma il vero salto avviene con The Social Network di David Fincher dove interpreta i gemelli Winklevoss. Seguono poi collaborazioni con ottimi registi come Clint Eastwood (J. Edgar), Guy Ritchie (Operazione U.N.C.L.E.), Tom Ford (Animali notturni) e Fabio Guaglione (Mine).
  • Justin Theroux: attore, ballerino, pittore ed ex marito di Jennifer Aniston, Theroux è un personaggio che il pubblico ha imparato a riconoscere sia al cinema che in TV. Tra i suoi lavori più recenti ricordiamo le serie The Leftlovers – Svaniti nel nulla e Maniac e il film Il tuo ex non muore mai.
  • Kathy Bates: Misery non deve morire, Pomodori verdi fritti alla fermata del treno, A proposito di Schmidt sono alcuni dei titoli dei grandi film a cui l’attrice ha preso parte. Apprezzata anche in TV, la Bates ha è stata nel cast di American Horror Story dove interpreta la serial killer Marie Delphine LaLaurie e Disjointed.
Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Come finisce Decision to Leave, il film e il caso spiegato

Confuso dal finale di Decision to Leave? Leggi la spiegazione del caso poliziesco e di quanto succede nella scena finale in questo approfondimento.
Autore: Elisa Giudici ,
Come finisce Decision to Leave, il film e il caso spiegato

Confusi dal finale di Decision to Leave? È comprensibile. Il film di Park Chan-wook infatti porta lo spettatore nei meandri di un’investigazione poliziesca complessa, con tanto di salto temporale a metà film. Non solo: c’è un’ulteriore evoluzione rispetto alla prima investigazione, senza dimenticare un finale tutto da decifrare.

C’è molto da scoprire insomma in un film bellissimo ma che richiede molta attenzione allo spettatore, come anticipato nella recensione di Decision to Leave.

Sto cercando altri articoli per te...