Festa del Cinema di Roma: Soul è il film di apertura

Autore: Paola Pirotti ,

La pandemia in tutto il mondo non ha fermato la passione del cinema e, di conseguenza, alcuni dei Festival più amati d'Italia. Dopo la 77esima edizione del Festival di Venezia, torna anche la Festa del Cinema di Roma che si terra dal 15 al 25 ottobre 2020.

A poco meno di un mese dall'inizio della cerimonia, il Direttore Artistico, Antonio Monda, ha annunciato il film d'apertura della Festa. Si tratta dell'ultimo atteso film d'animazione Disney e Pixar, Soul, del premio Oscar – nonché direttore creativo della Pixar – Pete Docter (Up, Inside Out).

Advertisement

La trama di Soul

Soul racconta la storia di un insegnante di musica delle medie, Joe Gardner. È un appassionato di jazz e un ottimo musicista, ma la sua vita non ha preso la piega che avrebbe desiderato. Dopo aver ottenuto un ingaggio, però, Joe cade accidentalmente in un tombino e si ritrova in un'altra realtà nel You Seminar, un luogo dove ci sono migliaia di padiglioni che danno alle anime i tratti della personalità. Nessuna anima nasce così com'è: è il You Seminar che concede ad ognuno delle abilità, degli interessi e tutto ciò che rende un'anima tale. Lì Joe incontra Fey (o l'anima 22), che vive nel You Seminar da centinaia di anni. Insieme i due dovranno trovare un modo per aiutare Joe a tornare sulla terra, scoprendo nel frattempo che cos'è che rende davvero speciale la vita. 

In occasione dell'annuncio, Monda ha dichiarato il suo entusiasmo per l'arrivo di Soul alla quindicesima edizione del festival.

Ritengo che Pixar rappresenti una delle novità più entusiasmanti e rivoluzionarie avvenute nel cinema negli ultimi trent’anni. Sono orgoglioso ed estremamente felice di poter inaugurare la quindicesima edizione della Festa del Cinema con un film straordinario che riesce a parlare a tutti: Soul esalta la dimensione internazionale che abbiamo dato in questi anni alla Festa. Ancora una volta, Pixar riesce a commuovere, divertire, far riflettere e, soprattutto, a raggiungere la profondità nella leggerezza.

È la prima volta, nei quindici anni della Festa del Cinema di Roma, che un film d'animazione ha l'onore di dare inizio all'edizione. Non ci sono dubbi che, nonostante il particolare momento, si tratti di un'incredibile evento.

Precedentemente erano stati già annunciati alcuni titoli che verranno presentati all'evento. Tra le anticipazioni troviamo opere interessanti tra cui l'anteprima del biopic su David Bowie, Stardust, diretto da Gabriel Range e con protagonista Johnny Flynn nei panni del famoso artista britannico. E ancora, fra le opere presentate ci sarà anche Mi chiamo Francesco Totti del regista di Almost Blue, Alex Infascelli. Il film racconterà la notte che precede l'addio al calcio di Totti, traendo ispirazione dal libro biografico Un Capitano.

Advertisement

Ma le sorprese della Festa non sono finite qui: a causa della mancata edizione del Festival di Cannes 2020, il Delegato Generale Thierry Frémaux presenterà alcuni dei titoli che avrebbero fatto parte della Selezione Ufficiale, in un evento più unico che raro.

Insomma, non ci resta che aspettare il programma ufficiale della Festa del Cinema di Roma 2020 e prepararci a tante sorprese.

Advertisement

Quando si terrà la Festa del Cinema di Roma 2020?

La Festa del Cinema di Roma 2020 si terrà all'Auditorium Parco della Musica dal 15 al 25 ottobre.

Qual è il film d'apertura della Festa del Cinema di Roma 2020?

Ad aprire la nuova edizione della Festa del Cinema di Roma sarà l'ultimo film della Pixar, Soul.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Il copione di Blade è pessimo: Mahershala Ali giù di morale

Scopri costa sta succedendo con la sceneggiatura del film Marvel Studios Blade, che a quanto pare è pessima ed è da rifare.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Il copione di Blade è pessimo: Mahershala Ali giù di morale

A quanto pare potrebbe essere stato rivelato il vero motivo del "divorzio" tra il regista Bassam Tariq e Marvel Studios per il film Blade. Dalle dichiarazioni delle due parti - riportate nell'articolo Il reboot Marvel di Blade perde il regista - pare che siano stati i continui ritardi nella produzione di Blade a far "stancare " Tariq e quindi a farlo alzare dalla sedia da regista del film Marvel Studios. Ma adesso, grazie a un tweet dell'insider professionista Jeff Sneider, pare che la sceneggiatura di Blade sia davvero debole con le sue due sole scene d'azione e quindi completamente da rifare. Questo avrebbe reso l'attore protagonista, Mahershala Ali, frustrato:

Mi è stato detto che l'attuale sceneggiatura di BLADE è di circa 90 pagine e presenta esattamente DUE sequenze d'azione (poco brillanti). Mahershala dice di essere molto frustrato dal processo. Feige dice di essere troppo impegnato. Ma ehi, questo è solo quello che mi dicono le fonti. Non sparate al messaggero.

Sto cercando altri articoli per te...