Il fondoschiena di Wolverine sopravvive alle censure di Disney+

Autore: Mattia Chiappani ,
Disney+
2' 1''
Copertina di Il fondoschiena di Wolverine sopravvive alle censure di Disney+

L'arrivo di X-Men - Giorni di un futuro passato su Disney+ avrebbe potuto aprire un nuovo "caso censura" relativo alla piattaforma. Il servizio di streaming di Disney infatti è apertamente orientato alle famiglie e per questo motivo nei mesi successivi alla sua uscita alcuni appassionati hanno notato alcuni tagli, correzioni e modifiche alle pellicole per rendere il contenuto più adatto a tutti. Per questo stupisce che una sequenza del sopracitato film (uno dei più apprezzati della saga dei mutanti Marvel) sia arrivata intatta su questa piattaforma.

Si tratta del momento in cui Wolverine, appena tornato indietro nel tempo si ritrova a letto con la sua ultima conquista. Il mutante si alza, stordito dal viaggio, e per qualche secondo vaga per la stanza completamente nudo, inquadrato da dietro. Andando a vedere il film su Disney+ è possibile osservare la sequenza nella sua versione integrale e ad annunciarlo è stato proprio Hugh Jackman.

Advertisement

Con un orgoglioso post su Instagram l'attore, interprete di Wolverine per oltre 15 anni, ha rivelato che la sua scena non è stata nascosta in alcun modo dalla piattaforma, definendo ironicamente il film il primo a non avere censure sulla piattaforma di streaming. Nel post prosegue suggerendo apparentemente un po' di nostalgia per il proprio fisico eccezionale dell'epoca.

Advertisement

Giorni di un futuro passato diventa il primo film ad arrivare senza censure di Disney+. Quello era il mio futuro, ma siamo onesti... È più il mio passato ormai.

Nei commenti anche Ryan Reynolds si è aggiunto alla discussione, proponendo un simile trattamento per i suoi film di Deadpool. Le avventure del Mercenario sono infatti caratterizzate da uno stile decisamente più adulto rispetto alle altre avventure degli X-Men e ci sono state diverse discussioni in merito alla possibilità che questo approccio rimanga anche nell'eventuale debutto del personaggio nel Marvel Cinematic Universe. Il suo interprete sembrerebbe non avere dubbi, dato che scrive sotto al post di Jackman: "Sono esaltato all'idea che facciano lo stesso per Deadpool, è ora che i bambini sappiano!".

Uno dei casi più discussi in merito alle "censure dei fondoschiena" di Disney+ ha riguardato il film Splash - Una sirena a Manhattan. Alcuni fan della pellicola hanno notato come ci fossero state delle piccolissime modifiche alle sequenze in cui Daryl Hannah compariva nuda, sebbene non fossero particolarmente audaci neanche nella versione originale. Fu una mossa piuttosto curiosa e discussa per la piattaforma che, a quanto pare, ha preso una strada diversa per Wolverine e X-Men - Giorni di un futuro passato.

Via Variety

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

15 attori che potevano essere Wolverine al posto di Hugh Jackman

Riuscite a immaginare Wolverine con un volto diverso da quello di Hugh Jackman? Neanche noi. Eppure, inizialmente, non era l'attore australiano la prima scelta del regista Bryan Singer.
Autore: Giulia Greco ,
15 attori che potevano essere Wolverine al posto di Hugh Jackman

Per quasi vent'anni Hugh Jackman è stato il volto di Logan/Wolverine al cinema nel franchise di X-Men targato Fox. Oggi ci risulta difficile pensare che un altro attore avrebbe potuto fare di meglio con il personaggio creato da Len Wein. Eppure, prima dell'inizio delle riprese, Bryan Singer, regista del film che nel 2000 ha dato avvio alla saga, non aveva certo in mente di fare di Jackman il volto degli X-Men al cinema.

Solo dopo un lungo ed estenuante processo di casting Hugh Jackman, che all'epoca non godeva ancora della fama che ha ottenuto dopo la partecipazione alla saga, è riuscito a ottenere l'ambitissimo ruolo.

Sto cercando altri articoli per te...