Frankie Drake Mysteries, la seconda stagione dal 28 marzo su FOX Crime

Autore: Chiara Poli ,

Fan di Frankie Drake, segnatevi la data: la seconda stagione di #Frankie Drake Mysteries arriva su FoxCrime dal 28 marzo, ogni giovedì alle 21.05.vLa brillante investigatrice interpretata da Lauren Lee Smith (Elaine ne La forma dell'acqua) torna con nuove, appassionanti indagini sempre più complesse.

Grazie al suo talento naturale, al grande intuito che la contraddistingue e all'esperienza maturata caso dopo caso, Frankie è in grado di risolvere misteri che nessun altro potrebbe sognarsi di affrontare.

Advertisement

Man mano che prende confidenza non solo con il lavoro d'investigatrice ma soprattutto con il bisogno di superare i pregiudizi che, all'epoca - siamo nella Toronto degli anni '20 - venivano riservati alle donne che si avventuravano lontano dal focolare domestico.

Il personaggio di #Frankie è un modello di modernità. Al contrario degli altri, lei non ha pregiudizi. E proprio per questo è così brava nel suo lavoro...

Advertisement

Nuovamente affiancata dalle inseparabili Trudy (Chantel Rilery, Wynonna Earp) e Mary (Rebecca Liddiard, Alias Grace), Frankie non teme nulla e continua a infilarsi in situazioni piuttosto pericolose, dalle quali spesso si trae d'impaccio grazie alla propria creatività.

La sua partner sul lavoro Trudy, insieme alla poliziotta di Toronto Mary, sono testimoni delle brillanti strategie investigative che Frankie ha imparato a mettere in atto, che non lasciano scampo ai colpevoli.

Canadian Broadcasting Corporation (CBC)
Lauren Lee Smith, protagonista di Frankie Drake Mysteries
Frankie Drake Mysteries arriva su FoxCrime dal 28 marzo con la stagione 2

Creata da Carol Hay e Michelle Ricci, già dietro le quinte de I misteri di Murdoch, la serie nella nuova stagione ci riproporrà anche i personaggi di Nora Drake (Wendy Crewson, Air Force One) e di Mildred Clarke (Karen Robinson, Narc - Analisi di un delitto), le mamme di Frankie e della sua socia Trudy.

La stagione 2 si aprirà proprio con un caso che coinvolge la madre di Frankie, e ci racconterà storie molto diverse: da rapimenti ai danni delle persone sbagliate a rapine in banca con bizzarri complici, da contatti con il mondo della moda - e la vera, unica Coco Chanel - a incarichi che sveleranno attività insospettabili da parte di persone molto vicine a Frankie.

Advertisement

10 episodi nuovi di zecca ci accompagneranno nel corso di 5 serate, con doppio episodio su FoxCrime, per intrattenerci con la grazia e la simpatia di Frankie Drake, l'investigatrice più "avanti" di tutte le sue colleghe.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Leggi per scoprire le nuove rivelazioni, in merito al polverone che i dipendenti VFX hanno alzato contro Marvel Studios.
Autore: Francesca Musolino ,
La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Da oltre un decennio attraverso il Marvel Cinematic Universe, ci siamo appassionati nel vedere anche sullo schermo i supereroi di carta, che da sempre ci hanno regalato grandi emozioni con le loro storie a fumetti.
Tanti racconti diversi, su quelle che da semplici persone comuni, per svariati motivi da un giorno all'altro si sono ritrovate ad avere superpoteri e abilità particolari.
Ed ecco quindi che possiamo vedere Iron Man sfrecciare nel cielo con le sue armature, Thor mentre si teletrasporta da un mondo all'altro, Wanda che altera la realtà costruendo scenari immaginari e Wasp che si rimpicciolisce o ingrandisce ogni volta che una situazione lo richiede.
Ma affinché tutto questo sia possibile, dietro c'è un grande lavoro fatto da altri tipi di eroi: gli eroi invisibili.

Come spettatori, siamo da sempre abituati a ricevere il prodotto finito, giudicando solo ciò che vediamo sullo schermo.
Ma poche volte ci soffermiamo a domandarci quante persone, quante ore di lavoro, quanti sacrifici siano stati impiegati su ogni singolo pixel; perché un puzzle, per essere completo, ha bisogno di ogni suo pezzo al posto giusto.
Questa è una regola che vale in ogni ambiente e in ogni contesto. Ma purtroppo l'era del consumismo ci ha abituati a essere troppo superficiali; e con la scusante de "il cliente ha sempre ragione", valutiamo soltanto i contenuti finali, senza mai fare un percorso a ritroso per capire la storia che c'è dietro a quel contenuto. 
Ed è proprio sul binomio domanda-offerta che ruotano il mondo dell'economia e di tutti i settori annessi, incluso quello dell'intrattenimento. Perché è chiaro che se il consumatore non ottiene ciò che vuole, si rischia un flop; e di conseguenza, va sempre accontentato.

Sto cercando altri articoli per te...