Free Guy, ecco perchè il film con Ryan Reynolds sembra basato su GTA

Autore: Simone Alvaro Segatori ,

Quante volte avete rubato una macchina in GTA? Probabilmente troppe. E vi siete forse fermati a pensare a come stava quel povero PNG (personaggio non giocante) trascinato fuori dal suo veicolo in una tranquilla giornata di sole? Certo che no, anzi, probabilmente avrete proseguite sfrecciando contro di lui dopo avergli fatto saltare in aria la casa. E se quel povero PNG avesse tirato fuori un bazooka pronto a farvi saltare in aria?

Free Guy, il nuovo film di Shawn Levy (Una Notte al Museo, #Stranger Things) ci porta in un mondo in cui un PNG si stanca delle continue angherie dei giocatori e decide di uscire dalla sua programmazione di impiegato di banca per salvare il suo mondo Open World.

Advertisement

Ad interpretare il protagonista Guy è Ryan Reynolds che dopo aver vestito gli aderenti panni di Deadpool e quelli coccolosi di Detective Pikachu, non poteva di certo lasciarsi sfuggire un altro ruolo tanto folle. A fargli compagnia ci sono Jodie Comer (#Killing Eve), Lil Rel Howery (Scappa - Get Out), Taika Waititi (regista del film e della serie #What We Do in the Shadows oltre che di Thor: Ragnarok e il suo seguito di prossima uscita, Thor: Love and Thunder), Joe Keery (Steve "Ciuffo" Harrington di Stranger Things) e Utkarsh Ambudkar (Mulan).

Un film adulto ricco di citazioni videoludiche

20th Century Fox
Free Guy la cover cinematografica del film

Se avete visto il trailer del film vi sarete però resi conto che l'universo open world di Free City assomiglia molto a quello di giochi come GTA Online. Beh, sappiate che non si tratta solo di una sensazione perché Christophe Beck, il compositore della colonna sonora del film, ha detto che la pellicola è un incrocio tra il celebre videogioco Grand Theft Auto di Rockstar Games e The Truman Show.

Analizzando il trailer vediamo infatti scene tipiche dei videogiochi: mentre Guy ripete la sua routine quotidiana da impiegato di banca ci sono giocatori che sfrecciano con le auto e saltano da un edificio all'altro volando, abbattendo edifici, e sparando missili e fiamme.

Molti di loro compiono balletti della vittoria oppure indossano dei vestiti davvero particolari (come l'abito rosa da coniglio o il completo celeste a nuvolette del rapinatore), tutti elementi che richiamano le skin acquistabili in titoli multiplayer online in stile Fortnite. E proprio da questo gioco forse è ripreso anche l'arrivo dei giocatori a Free City che all'inizio del trailer cadono in città dal cielo proprio come succede nel videogioco di Epic Games.

Advertisement
20th Century Fox
Il protagonista del film Free Guy

Per Guy questo è tutto normale, anzi la sua programmazione lo rende talmente immune a questi eventi tanto che, ogni volta che un giocatore entra nella banca dove lavora per rapinarla, Guy e gli altri inservienti si buttano a terra concedendogli di svuotare la cassaforte.

Da quello che si vede dagli occhiali, che Guy ruba al giocatore dopo averlo sconfitto, la rapina in banca è solo una delle tante missioni secondarie che i giocatori possono portare a termine nell'Open World di Free City. E proprio grazie a quegli occhiali Guy può visualizzare obbiettivi, informazioni sugli altri giocatori, una mappa della città e persino un inventario. Tra le varie info sullo stato ci sono naturalmente anche punti vita che dopo i colpi ricevuti in banca sono scesi e che Guy ripristina grazie al medikit che appare nei paraggi, altro oggetto fondamentale in qualsiasi tipologia di videogioco.

Advertisement

Alla fine del trailer è anche possibile vedere una stanza bianca ricca di armi, proprio come un vero arsenale o negozio in cui acquistare potenziamenti e nuovi oggetti.

E i bambini? Qualcuno pensi ai bambini!

20th Century Fox
C'era una volta Deadpool cover

Come avrete notato dal trailer, Free Guy non si risparmia in parolacce, morti e sangue. Secondo alcuni fan, pare che il film sia un test da parte di Disney per vedere se è possibile perseguire questo tipo di ironia senza incorrere nella pesante classificazione R che vieta il film ai minori di 17 anni, in favore di un punteggio più leggero come il PG-13 che permette la visione del film anche ai minori di 13 anni, ma con la presenza di un adulto.

Nel caso il test riuscisse, Disney starebbe pensando di adottare la struttura di Free Guy per fare in modo che Deadpool 3, al contrario di quanto detto, sia da subito adatto anche ai bambini.

Staremo a vedere, intanto Free Guy ha tutte le carte in regola per fornire un altro divertente sguardo sul mondo videoludico da parte di coloro che quel mondo lo vivono ogni giorno, ma non possono giocarlo: i PNG.

La commedia d'azione di 20th Century Fox arriverà nelle sale italiane il 2 luglio 2020 distribuita da The Walt Disney Company Italia. Per saperne di più non ci resta che aspettare e, magari, pensarci due volte prima di investire l'ennesimo pedone giocando online.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Leggi per scoprire le nuove rivelazioni, in merito al polverone che i dipendenti VFX hanno alzato contro Marvel Studios.
Autore: Francesca Musolino ,
La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Da oltre un decennio attraverso il Marvel Cinematic Universe, ci siamo appassionati nel vedere anche sullo schermo i supereroi di carta, che da sempre ci hanno regalato grandi emozioni con le loro storie a fumetti.
Tanti racconti diversi, su quelle che da semplici persone comuni, per svariati motivi da un giorno all'altro si sono ritrovate ad avere superpoteri e abilità particolari.
Ed ecco quindi che possiamo vedere Iron Man sfrecciare nel cielo con le sue armature, Thor mentre si teletrasporta da un mondo all'altro, Wanda che altera la realtà costruendo scenari immaginari e Wasp che si rimpicciolisce o ingrandisce ogni volta che una situazione lo richiede.
Ma affinché tutto questo sia possibile, dietro c'è un grande lavoro fatto da altri tipi di eroi: gli eroi invisibili.

Come spettatori, siamo da sempre abituati a ricevere il prodotto finito, giudicando solo ciò che vediamo sullo schermo.
Ma poche volte ci soffermiamo a domandarci quante persone, quante ore di lavoro, quanti sacrifici siano stati impiegati su ogni singolo pixel; perché un puzzle, per essere completo, ha bisogno di ogni suo pezzo al posto giusto.
Questa è una regola che vale in ogni ambiente e in ogni contesto. Ma purtroppo l'era del consumismo ci ha abituati a essere troppo superficiali; e con la scusante de "il cliente ha sempre ragione", valutiamo soltanto i contenuti finali, senza mai fare un percorso a ritroso per capire la storia che c'è dietro a quel contenuto. 
Ed è proprio sul binomio domanda-offerta che ruotano il mondo dell'economia e di tutti i settori annessi, incluso quello dell'intrattenimento. Perché è chiaro che se il consumatore non ottiene ciò che vuole, si rischia un flop; e di conseguenza, va sempre accontentato.

Sto cercando altri articoli per te...